Speciale riforma PA

Welfare 12 giugno 2013, 11:55

Pensioni, nuova proposta esodati in Commissione. Flessibilità e turnover

Si cerca di trarre in salvo i futuri esodati con uscite anticipate, part time e assunzione giovani


La riforma delle pensioni è uno dei punti cruciali attraverso cui si svolge la nuova fase aperta dal governo, che è passato alle emergenze di  seconda battuta dopo lo stop all’Imu di giugno, i pagamenti della Pa e il finanziamento della Cassa integrazione. Ora, come noto, l’esecutivo è alle prese con il rilancio dell’economia dal punto di vista dei lavoratori, alla ricerca di un ponte ideale tra nuovi entranti e pensionati.

Con alle spalle errori che hanno pregiudicato la sicurezza sociale ed economica di migliaia di contribuenti, generando la marea, ancora tutt’altro che arginata, degli esodati, il governo deve muoversi in fretta, ma misurando bene i passi per evitare nuovi strafalcioni che, stavolta, potrebbero davvero mandare gambe all’aria il sistema di protezione dei lavoratori.

Così, gli sforzi vanno coordinati in tutte le direzioni, sia nell’ottica di ridurre una disoccupazione ai massimi del dopoguerra, in special modo sotto i 40 anni, sia per completare il rientro degli esodati nei gangli delle reti statali.

Così, già oggi potrebbe approdare in Commissione lavoro alle Camere un decreto nell’ottica dei cosiddetti “esodandi”, ossia coloro che rischiano nei prossimi tempi di finire nel girone infernale dei non salvaguardati. A questi, dovrebbe essere consentito di uscire anticipatamente dal lavoro, ma con tempistiche graduali.

Il che, tradotto, significa che il rapporto di lavoro del dipendente anziano e a rischio di non pagare i contributi per gli ultimi anni prima dell’assegno sospirato, potrebbe tramutarsi in un part time prima dell’addio definitivo. Al contempo, per ogni uscita in questi termini, dovrebbe corrispondere un’entrata di un giovane apprendista o, ancora meglio, di un under 35 assunto a tempo indeterminato.

Si tratta di una proposta consegnata alle Camere dai parlamentari del Partito democratico, che prevede uguale trattamento anche per quei lavoratori licenziati ed esclusi dalle liste di mobilità perché assunti in realtà troppo ristrette.

Si tratta di un primo passo per armonizzare la legge ferrea attualmente in vigore, che introduce, tra le altre regole rigide, anche il contributivo per tutti, ma con percentuali ancora molto basse e che presumibilmente avranno scadenze molto in là negli anni per portare a compimento il disegno originario.

Ci sono poi, una miriade di situazioni border line, che rientrano solo parzialmente nelle casistiche individuate dalle leggi e dai decreti correttivi introdotti per porre rimedio allo sbaglio clamoroso degli esodati. Ancora circa duecentomila persone non sono state incluse nelle salvaguardie statali, probabilmente tante altre faranno la stessa fine se non si interverrà con decisione per raddrizzare le storture della legge Fornero.

Vai allo speciale riforma pensioni

Vai allo speciale esodati

Leggi l’intervista all’esperto


Pubblicato da il 12 giugno 2013 alle 11:06 in Welfare
Tags: , , , , , , ,


1 Commento per Pensioni, nuova proposta esodati in Commissione. Flessibilità e turnover

  1. mandateci in pensione(ex quota 96), ho una figlia hundar 35, ragazza madre, ome pensate che possa crescere suo figlio. dovrebbero essere tutelati nel lavoro. fate per tutte queste persone una legge. non devono pagare la sfortuna anche nella mancanza di un lavoro.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Economia 1 agosto 2014, 07:59

Quota 96, la pensione costa caro: Cottarelli vicino all’addio

Governo spendaccione? Mr. spending review s’infuria: tagli difficili

Flash 31 luglio 2014, 16:36

Consiglio dei ministri del 31 luglio 2014, l’ordine del giorno

Direttiva europea e decreto legislativo sulla tassazione dei tabacchi: il governo nel Consiglio dei ministri affronta questioni scottanti

Economia 31 luglio 2014, 15:42

Decreto competitività, via il tetto agli stipendi dei manager pubblici

Stravolto il testo approvato in Senato. Salta la Scia automatica

Fisco 31 luglio 2014, 10:07

Modello 770: l’invio all’Agenzia delle Entrate passa al 19 settembre

Sì del governo alla proroga: i soggetti interessati, da condominio a società

Amministrativo 31 luglio 2014, 07:57

Riforma PA: ok alla fiducia. Quota 96 in pensione a settembre

Sì della Camera: modifiche a dipendenti e pensioni. Inclusi Quota 96


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su