Gli esami di Maturità si avvicinano e un altro traguardo è stato raggiunto. Ieri mattina, il ministero dell’Istruzione ha pubblicato gli elenchi delle commissioni degli esami di Stato 2012/2013 del secondo ciclo. La disposizione scelta è quella alfabetica, i file diffusi online sono dieci e vanno da Agrigento a Vibo Valentia. Già da ieri, non appena è stata resa nota la comunicazione dal ministero, gli allegati riportanti le varie commissioni sono stati letteralmente presi d’assalto dai candidati di tutta la penisola, curiosi di scoprire quali saranno i professori che si troveranno di fronte all’esame e, di conseguenza, la sorte, più o meno felice, che potrebbe essere attesa.

In quasi tutte le provincie, la ricerca alle domande e ai comunicati informativi si è scatenata a poche ore dalla divulgazione. La caccia alle notizie, in realtà, sembra essere partita in anticipo: già la scorsa settimana sono stati migliaia gli studenti, a tiro d’esame, che hanno messo mano ai vari siti studenteschi in cerca di previsioni plausibili. Secondo la prassi, infatti, la presentazione degli elenchi comprensivi dei nomi dei professori componenti le commissioni esterne, dovrebbe essere stata divulgata già la settimana scorsa. Ora che finalmente ai commissari esterni può attribuirsi un volto, stando ad un sondaggio diffuso dal portale online Skuola.net, si ritiene che ben quattro studenti su cinque passeranno istantaneamente al setaccio la rete per trovare quante più informazioni possibili sui rispettivi ‘giudicanti’.

Le informazioni che vengono considerate, in qualche modo, utili per affrontare la prova nel migliore dei modi sono varie e disomogenee, arrivando a toccare argomenti paradossalmente lontani dalla questione-esame: ad esempio, quali saranno gli argomenti chiesti con maggiore probabilità, l’indole caratteriale del professore, le rispettive modalità d’insegnamento, e ci si spinge ad indagare persino l’orientamento politico o l’eventuale fede religiosa del diretto interessato. Sempre secondo il sondaggio diffuso da Skuola.net, il 40% degli studenti farà appello alla tradizionale conoscenza instaurata tra i colleghi per riuscire a racimolare possibili direttive; il 38% rintraccerà le informazioni in internet contattando siti per studenti, social network e community varie, nient’altro che tutti gli strumenti più fedeli ai nuovi nativi digitali; il 29% sarebbe poi intenzionato a cercare riferimenti sul web tramite la ricerca di eventuali biografie o recensioni sugli insegnanti; infine circa il 9% dei maturandi, riponendo ancora totale fiducia nella rete, punterà sul social network per antonomasia targato Mark Zuckerberg, Facebook, per trovare e contattare gli studenti che frequentano la scuola dove il commissario esterno insegna.

La caccia dunque è ufficialmente aperta. Non resta che consultare le liste delle commissioni del secondo ciclo elencate qui sotto, buon divertimento.

Agrigento(AG) – Alessandria(AL) – Ancona(AN) – Ascoli Piceno(AP) – L’Aquila(AQ) – Arezzo(AR) – Asti(AT) – Avellino(AV) – Bari(BA) – Bergamo(BG).   VAI ALLA TABELLA

Biella(BI) – Belluno(BL) – Benevento(BN) – Bologna(BO) – Brindisi(BR) – Brescia(BS) – Cagliari(CA) – Campobasso(CB) – Caserta(CE) – Chieti(CH).   VAI ALLA TABELLA

Caltanissetta(CL) – Cuneo(CN) – Como(CO) – Cremona(CR) – Cosenza(CS) – Catania(CT) – Catanzaro(CZ) – Enna(EN) – Ferrara(FE) – Foggia(FG).   VAI ALLA TABELLA

Firenze(FI) – Forli'(FO) – Frosinone(FR) – Genova(GE) – Gorizia(GO) – Grosseto(GR) – Imperia(IM) – Isernia(IS) – Crotone(KR) – Lecco(LC) – Lecce(LE) – Livorno(LI) – Lodi(LO) – Latina(LT).   VAI ALLA TABELLA

Lucca(LU) – Macerata(MC) – Messina(ME) – Milano(MI) – Mantova(MN) – Modena(MO) – Massa Carrara(MS).   VAI ALLA TABELLA

Matera(MT) – Napoli(NA) – Novara(NO) – Nuoro(NU) – Oristano(OR) – Palermo(PA).   VAI ALLA TABELLA

Piacenza(PC) – Padova(PD) – Pescara(PE) – Perugia(PG) – Pisa(PI) – Pordenone(PN) – Prato(PO) – Parma(PR) – Pesaro E Urbino(PS) – Pistoia(PT) – Pavia(PV) – Potenza(PZ) – Ravenna(RA) – Reggio Calabria(RC).   VAI ALLA TABELLA

Reggio Emilia(RE) – Ragusa(RG) – Rieti(RI) – Roma(RM) – Rimini(RN) – Rovigo(RO) – Salerno(SA).   VAI ALLA TABELLA

Siena(SI) – Sondrio(SO) – La Spezia(SP) – Siracusa(SR) – Sassari(SS) – Savona(SV) – Taranto(TA) – Teramo(TE) – Trento(TN) – Torino(TO) – Trapani(TP) – Terni(TR) – Trieste(TS).   VAI ALLA TABELLA

Treviso(TV) – Udine(UD) – Varese(VA) – Verbano Cusio Ossola(VB) – Vercelli(VC) – Venezia(VE) – Vicenza(VI) – Verona(VR) – Viterbo(VT) – Vibo Valentia(VV).   VAI ALLA TABELLA


CONDIVIDI
Articolo precedenteDebiti PA: bilanci Comuni al 30 settembre, esenzione Imu e proroga Equitalia
Articolo successivoSigaretta elettronica, divieto nei luoghi pubblici: estensione della legge Sirchia
Letizia Pieri
Sono nata l’11 febbraio 1988 a Cesena, città nella quale oggi vivo. Dopo la laurea triennale in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l’Università di Bologna nel 2010, con una tesi sperimentale sul giornalismo d’inchiesta, ho conseguito la specializzazione in Scienze Criminologiche per l’Investigazione e la Sicurezza presso l'Università di Forlì. La scrittura rappresenta una passione da coltivare e rinforzare, oltrepassando il mero strumento divulgativo essa diventa per me una fonte imprescindibile di verità e libertà. Conciliare l’interesse per la società, la storia e la cultura, unitamente alle conoscenze acquisite in ambito giuridico-criminalistico, costituisce l’obiettivo che mi prefiggo con fermezza ed umiltà. Amo viaggiare e mettermi alla prova in settori anche tra loro molto differenti.

SCRIVI UN COMMENTO