Speciale Tari e Tasi

Politica 4 giugno 2013, 08:30

MoVimento 5 Stelle, Roberta Lombardi non è più portavoce: cosa lascia

Riccardo Nuti al posto di Roberta Lombardi come capogruppo M5S alla Camera


E’ ufficialmente scaduto il mandato di Roberta Lombardi come capogruppo alla Camera del MoVimento 5 Stelle: il primo leader grillino di Montecitorio che, a quanto si raccoglie dai palazzi romani, lascerà ben pochi rimpianti alle spalle.

Grillina di ferro – anche troppo – con punte di acidità da poter suscitare pruriti epidermici, la carriera di Roberta Lombardi come politico di primo piano non passerà certamente alla storia. Vuoi un po’ di impreparazione, vuoi le luci della ribalta che abbagliano all’improvviso, mentre si è ancora in preda al sacro furore da tastiera, la ex numero uno alla Camera affida oggi il suo ruolo guida nelle mani di Riccardo Nuti - ufficialmente solo quello di portavoce - oltre a un campionario di gaffe e di comportamenti da non dimenticare per i successori.

Nominata nel corso della famosa giornata di autopresentazione degli eletti in Parlamento, a pochi giorni dal boom elettorale, Roberta Lombardi aveva fatto subito parlare di sé per un post sul proprio blog personale in cui illustrava la tesi pesudorevisionista del fascismo dagli occhi dolci: il viatico peggiore per alzare un polverone ancora prima di farsi conoscere alla nazione, che infatti i maggiori organi di informazione strumentalizzarono all’istante con un’eco prevedibile.

Di lì in avanti, è stata tutta una rincorsa per battere i record di antipatia, che hanno fatto breccia anche tra media e uomini di comunicazione compiacenti con il MoVimento come Andrea Scanzi, che non è mai stato tenero nei confronti della capogruppo a Montecitorio.

Di lei, resta negli annali la spocchia con cui si rivolgeva prima ai giornalisti, nelle settimane del grillismo dai comunicati telegrafici, che la Lombardi, in compagnia del fido collega Vito Crimi, si trovava a ripetere di fronte ai microfoni per poi alzare i tacchi trafelata ed evitare domande – e, forse, risposte – ingombranti.

Proprio il rapporto con il suo alter ego Crimi è stato al centro di diverse discussioni, dapprima per le correzioni in conferenza stampa su dichiarazioni inesatte, che metteva in luce una sorta di disparità tra i due da indurre comici e autori televisivi a imitazioni sadomaso style.

Iperboli a parte, non c’è dubbio che il meglio – o, in alternativa, il peggio – Roberta Lombardi lo abbia dato nel giorno del famoso incontro in streaming con un implorante Pier Luigi Bersani in cerca di una fiducia mai arrivata, al quale la sagace Lombardi rispose di tutto punto: “Mi pare di stare a una puntata di Ballarò, francamente…” 

Di recente, le sue apparizioni si sono fatte via via più rare, forse a seguito delle opinioni non certo positive emerse sulla sua immagine pubblica. Tra le ultime imprese da ricordare, il messaggio esplicito – una sorta di commiato - pubblicato sul suo profilo Facebook, dove l’ormai ex portavoce apostrofava come “Merda” un non meglio precisato compagno di partito, reo di aver rivelato a qualche giornalista impenitente i contenuti della riunioni riservate degli eletti del MoVimento 5 Stelle: alla faccia della trasparenza che dovrebbe stare dietro la logica dello streaming, ma tant’è.

La Lombardi, in realtà, qualcosa di buono lo ha fatto: è stata la prima a pubblicare, sempre sul proprio blog, la busta paga del primo mese e mezzo da parlamentare. Sicuramente un atto in linea coi propositi del proprio partito, che comunque merita di essere segnalato per la franchezza. Peccato, però, che poi il MoVimento – e la Lombardi stessa – si siano smarriti a discutere di scontrini e ricevute, mentre il Paese arrancava nelle profondità della crisi, con il risultato elettorale noto a tutti alle amministrative.

Quel che è certo, è che Roberta Lombardi non lascia certo un segno indelebile nella politica italiana: ha ancora tutto il tempo per cambiare la propria storia politica, ma, al momento, della sua eredità potrebbe già essere scritto un libro, dal titolo: “Cosa non fare se si diventa capogruppo di un partito emergente.”

 


Pubblicato da il 4 giugno 2013 alle 08:06 in Politica
Tags: , , , ,


3 Commenti per MoVimento 5 Stelle, Roberta Lombardi non è più portavoce: cosa lascia

  1. foi

    Leo, io non sono un simpatizzante M5S, ma l’atteggiamento e le dichiarazioni che la Lombardi ha tenuto dal momento della sua elezione sono osceni, poche chiacchiere, smettiamo di difendere l’indifendibile solo per questioni di tifo e smettiamola per una volta con la solita foglia di fico della stampa nemica.
    Voi per primi, quelli che davvero credono nel movimento, dovreste esultare per la fine del suo mandato, ti assicuro che la Lombardi vi ha fatto solo del male.

  2. FRANCESCO SPAMPINATO

    L’artcolo non occorre commentarlo perchè si commenta da solo, appare ovvio che la cittadina eletta Lombardi è stata massacrata dai giornalisti che scrivono a favore dei poteri forti che intendono annullare l’anaomalia del potere dei cittadini eletti rappresentato dal M5S;
    Perchè quanto riguarda il risultato delle votazioni amministrative…………………………
    lo sanno anche i bambini che non è un risultato politico perchè si vota la persona e non il partito;

  3. leo

    Gente venuta dalla società e proiettata in quegli ambienti, avrebbero meritato un’accoglienza migliore da parte dei media. Ma anche questo concetto è maturato col tempo. Adesso sappiamo, grazie a loro che sono andati nelle stanze dei bottoni, come funziona tutto il meccanismo. Adesso sappiamo in mano a chi siamo e cosa ci stanno facendo. E sappiamo per mano di chi agiscono per obnubilare le menti. Sta a noi decidere se ribellarci oppure continuare a subire bovinamente. In quanto alla spocchiosità evidenziata per definire la Lombardi, direi che in base alla strumentalizzazione che è stata fatta su ogni cosa che abbia detto, avrei avuto difficoltà a tenere a posto le mani. Quindi la sua acredine mi è sembrata finanche soft.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Francesco Maltoni

sociologo, giornalista

Rss Feed Facebook LinkedIn Twitter Google Plus


Articoli dello stesso autore

Welfare 23 luglio 2014, 08:02

Quota 96, oggi l’atteso sì alla Camera alla riforma PA. Poi il voto

Oggi chiude l’esame degli emendamenti: rincorsa all’approvazione in aula

Consumatori 22 luglio 2014, 15:42

L’apocalisse rimandata: albergatori contro le previsioni meteo online

Denuncia contro 300 siti per previsioni sbagliate: “Milioni di perdite”

Welfare 17 luglio 2014, 15:13

Riforma pensioni 2014, esodati, Quota 96: a che punto siamo

Quanti sono gli esodati in procinto di accedere alla salvaguardia, i Quota 96 vicini alla meta del primo settembre e la nuova proposta Treu sulle pensioni

Welfare 16 luglio 2014, 19:31

Affitti: parte il Fondo per la morosità incolpevole. Le nuove norme

Non pagare l’affitto non sarà più reato: come accedere al Fondo

Amministrativo 11 luglio 2014, 09:43

Riforma PA: ecco il ddl. Più semplificazione e trasparenza negli uffici

Via libera del Consiglio dei ministri al disegno di legge delega


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su