Speciale riforma PA

Civile 29 maggio 2013, 08:30

Divorzio… e che sia “breve”. I radicali propongono il referendum

I radicali propongono un referendum per abolire il termine triennale per poter chiedere il divorzio


Volete che sia abrogata la legge 1° dicembre 1970, n. 898, limitatamente all’articolo 3, numero 2), lettera b), primo capoverso: “In tutti i predetti casi, per la proposizione della domanda di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, le separazioni devono essersi protratte ininterrottamente da almeno tre anni a far tempo dalla avvenuta comparizione dei coniugi innanzi al presidente del tribunale nella procedura di separazione personale anche quando il giudizio contenzioso si sia trasformato in consensuale. L’eventuale interruzione della separazione deve essere eccepita dalla parte convenuta?

Questo è il quesito del referendum promosso dai radicali, ancora una volta promotori, come 40 anni fa, di una battaglia per il divorzio.

E che sia breve!

Infatti, il tempo per raccogliere le firme necessarie per raggiungere il quorum è davvvero poco e sarà davvero “breve” per riuscire a smuovere coscienze e raccogliere voti su un problema che tocca non solo milioni di situazioni personali ma che contribuisce ad incrementare l’emergenza sociale in Italia e a mantenere la anacronistica diade separazione-divorzio.

Occorrerebbe investire anche sui modi per gestire le emozioni, fortissime ed incontrollate e soprattutto imprevedibili, per aiutare le coppie a ristabilire un nuovo equilibrio che non li veda più anche coniugi ma solo genitori, rendendo obbligatoria la mediazione familiare.

In un Paese dove viene ammazzata dal “marito-compagno-fidanzato ”una donna al giorno, il protrarsi di ostilità nascenti dalla mancata elaborazione del “lutto da separazione”è un’emergenza al pari di quella economica perché togliere la madre ad un figlio significa creargli un danno irreparabile dalle conseguenze imprevedibili che si riverberano non solo sul singolo ma sull’intera società.

La possibilità di sciogliere il vincolo matrimoniale in tempi rapidi, oltre a snellire non poco i ruoli dei nostri “tribunali di famiglia” (a proposito… quando??) permette di dare immediatamente chiarezza ai rapporti, stroncando sul nascere infinite batttaglie sul nulla.

L’amore è bello finchè dura e quando finisce bisogna essere preparati a chiudere il cerchio del passato per poterne aprire uno nuovo sul futuro.

L’incapacità di maneggiare le proprie emozioni e sentimenti è la benzina sul fuoco di tanti giudizi che soffocano le nostre aule di giustizia.

Rendere “breve” la possibilità di sciogliere il vincolo matrimoniale renderebbe più“lieve”non solo i ruoli ma soprattutto le persone e, quindi in un’ottica macroscopica, anche la società, dando chiarezza nei rapporti, restituendo respiro e vigore, traducibili anche in nuove energie da impiegare nel quoditiano e nel lavoro, altra riconosciuta emergenza nazionale

Il referendum è incentrato sull’abrogazione del termine triennale per poter chiedere il divorzio , se si arriverà ad un risultato positivo, ma lascia aperta, ancora una volta, la vacatio legis sulle sempre annunciate e mai prodotte riforme sul diritto di famiglia.

Come mai, nella scorsa legislatura, su un testo ampiamente condiviso da tutte le forze politiche, proprio in tema di divorzio breve, di soli 2 articoli, si è lasciato che cadesse l’oblio?

Qualcuno ha commentato “non si è avuto il coraggio di dire no agli italiani”…

E secondo voi?

 


Pubblicato da il 29 maggio 2013 alle 08:05 in Civile
Tags: , , ,


3 Commenti per Divorzio… e che sia “breve”. I radicali propongono il referendum

  1. Rispondo ad entrambi i miei Gentilissimi commentatori…
    @Gerardo Spira Magari tutti pensassero che separarsi dal coniuge non significhi separarsi dal figlio…
    La “violenza della separazione” colpisce tutti senza distinzione e mentre gli adulti riescono quasi tutti comunque a superare il trauma ricostruendo nuovi legami affettivi e costruendo nuove famiglie, “quel” figlio resta con una famiglia separata con un padre da una parte e una madre dall’altra che mai più torneranno insieme, a differenza anche degli altri fratelli nati successivamente che godranno dell’unità delle famiglie rispettivamente “ricostruite” dai genitori.
    Per lui, per “quel” figlio questo non sarà mai più recuperabile e questo spiega il perchè dell’emergere delle problematiche comportamentali che spesso si aggiungono a quelle comunque legate all’adolescenza in un contesto in cui , però, manca il “muro contenitivo” della famiglia unita.
    Già perchè “quel” figlio comunque vivrà solo con uno dei genitori ed il nuovo compagno/a o marito/moglie della madre o del padre che certo non potrà colmare il vuoto lasciato dall’assenza del genitore biologico.
    Se ci sono donne che “mettono contro i figli” forse dipende anche dal fatto che molti uomini, rompendo il patto coniugale, “dimenticano” che “quella” madre resta per sempre la madre di “quel” figlio e che come tale deve essere rispettata non facendole mancare il contributo non solo economico per crescere il figlio insieme.
    Invece, la mancata elaborazione del rispettivo 50% di “colpa” per la fine dell’unione scatena il conflitto, mettendo al centro e non da parte proprio il figlio che diventa merce di scambio, sostituto affettivo, arma…
    Aiutare a separarsi bene è fondamentale per elaborare meglio il lutto della separazione che, in termini di stress psicologico” è pari a quello della vedovanza, facendo comprendere che si può cessare di essere coniugi ma non si smette mai di essere genitori.

    @MZ analogamente un aiuto a gestire le emozioni di “chi è lasciato” rispetto a quelle di “chi lascia” forse eviterebbe anche la violenza quotidiana che viviamo.
    Il divorzio breve consente di abbreviare i tempi della definizione giuridica dei rapporti e questo è solo uno dei vantaggi…

  2. gerardo spira

    Credo che sia d’accordo la maggioranza del popolo italiano,perchè il problema ha toccato ormai tutte le famiglie. Ritengo che le motivazioni esternate dall’editorialista risentano di influsso femminista, quando attribuisce all’uomo le conseguenze di possibile violenza. Ormai le statistiche sono chiare e provano che nei casi di affidamento o collocazione del minore presso la madre ritardi,mancata consegna o impedimento di incontri sono provocati dal comportamento della stessa che manipola e plagia il figlio. Quando una coppia vive insieme il minore non mostra avversione nei confronti dei genitori;subito dopo la separazione si presentano i problemi.Come mai ? Questa è la violenza più grave che viene perpetrata,perchè colpsce il padre e il figlio.Quando il genitore si separa dall’altro ,non si separa dal figlio.

  3. MZ

    Onestamente, non mi è chiara l’equazione divorzio breve = maggiore capacità di gestire le emozioni. Si può anche sostenere il contrario, tanto più che, purtroppo, molti degli esecrabili casi di femminicidio riguardato coppie per cui il problema del divorzio (breve o lungo) non si pone neppure.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Maria Giuliana Murianni

avvocato, mediatrice familiare

Rss Feed


Articoli dello stesso autore

Società 11 aprile 2014, 09:30

Divorzio breve… La lunga marcia riprende

Il nuovo testo ridurrà drasticamente il tempo di attesa per giungere allo scioglimento o alla cessazione degli effetti civili

Processo Civile Società 31 dicembre 2013, 08:47

Sesso per contratto… Lucia come Frine?

L’assurdo contratto che prevedeva l’obbligo per una segretaria di fare sesso con l’assessore, suo titolare, quattro volte al mese

Civile Professioni 15 novembre 2013, 12:28

Dal 30 novembre il via ai contratti di convivenza… dal notaio!

I notai promuovono i cd “contratti di convivenza” per le famiglie more uxorio

Animali 13 settembre 2013, 08:00

Da ora è l’uomo il miglior amico del cane! In vigore le nuove norme sull’incolumità pubblica

Con le nuove norme i proprietari sono i “responsabili” delle conseguenze civili e penali dei comportamenti del loro cane

Civile 25 luglio 2013, 08:00

Cassazione, legittimo il mantenimento all’ex coniuge con precedenti penali

Il vincolo coniugale della assistenza materiale prescinde da ogni valutazione sullo stile di vita dei coniugi


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su