Speciale riforma PA

Fisco 5 marzo 2013, 13:00

Responsabilità negli appalti: gli ultimi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate. La nuova circolare

Commento alla circolare numero 2/E del 1 marzo 2013


L’articolo 13 ter del “Decreto crescita” (decreto legge n. 83 del 22.06.2012) ha modificato la disciplina prevista in tema di responsabilità solidale negli appalti (articolo 35 commi 28 e seguenti del decreto legge n. 223 del 2006). E’ stata estesa, in particolare, la responsabilità all’Iva, oltre che alle ritenute fiscali sui redditi da lavoro dipendente, e prevista una sanzione amministrativa per il committente che non richieda il rilascio dell’attestazione di regolarità fiscale.

Nello specifico il dettato normativo modificato prevede che, il committente nei confronti dell’appaltatore e l’appaltatore nei confronti del subappaltatore, richiedano alla controparte (l’appaltatore nel primo caso ed il subappaltatore nel secondo) una specifica documentazione, prima di pagare il corrispettivo. Quest’ultima deve attestare il regolare versamento delle somme dovute a titolo di Iva e di ritenute fiscali sui redditi da lavoro dipendente, derivanti dal contratto d’appalto stipulato, il cui termine di versamento sia scaduto alla data dell’attestazione.

Il mancato rilascio dell’attestazione comporta:

  • una responsabilità solidale, in capo all’appaltatore, per le somme non versate dal subappaltatore a titolo di Iva e ritenute fiscale da lavoro dipendente, derivanti dal contratto di appalto stipulato, i cui termini di versamento siano scaduti alla data di incasso del corrispettivo;

  • una sanzione amministrativa (da 5 a 200 mila Euro), in capo al committente.

Tralasciando il giudizio circa l’opportunità di introdurre queste modifiche nell’attuale contesto economico, che pongono a carico del committente/appaltatore un ruolo di “controllore in nome del fisco”, il presente intervento rappresenta una sintesi della circolare numero 2/E emanata il primo di marzo. Il documento di prassi risolve alcuni dubbi interpretati sorti dopo la modifica legislativa del 2012.

Ambito di applicazione della disciplina

Soggetti coinvolti

La disciplina sopra descritta trova applicazione verso:

  • le persone fisiche (imprenditori o esercenti arti e professioni) che agiscano nell’ambito di attività rilevanti ai fini Iva;

  • i soggetti indicati agli articoli 73 e 74 del TUIR (società di capitali, enti pubblici e privati commerciali e non, Stato, regioni ed enti locali, etc.) in ogni caso.

Restano esclusi, quindi, i contratti d’appalto stipulati da privati ed, afferma la circolare, dal condominio in quanto non rientrante in nessuna delle fattispecie sopra citate.

Tipologie di contratto

La circolare chiarisce che la presenza della disposizione che ha modificato la disciplina (l’articolo 13 ter del decreto legge numero 83 del 2012), all’interno di un titolo denominato “Misure urgenti per le infrastrutture, l’edilizia ed i trasporti”, non limita l’ambito di applicazione al solo settore edilizio. Secondo l’Amministrazione Finanziaria il regime si applica a tutti i contratti d’appalto (e subappalto) d’opere e servizi, a prescindere dal settore nel quale vengono stipulati.

L’Amministrazione Finanziaria precisa che restano esclusi: gli appalti di beni, i contratti d’opera (Art. 2.222 e seguenti c.c.), i contratti di trasporto e di subfornitura, le prestazioni consortili.

Decorrenza temporale

La nuova disciplina si applica ai contratti d’appalto stipulati a partire dal 12 agosto 2012 . In caso di contratti soggetti a rinnovo è rilevante la data in cui è avvenuto quest’ultimo.

Attestazione della regolarità fiscale

Con riferimento all’attestazione di regolarità fiscale che deve essere richiesta dall’appaltatore al subappaltatore e dal committente all’appaltatore, la circolare fornisce una serie di precisazioni:

- l’attestazione può consistere anche in una dichiarazione sostitutiva d’atto notorio sottoscritta dall’appaltatore (o da subappaltatore), come già affermato nella circolare 40/E del 2012. La dichiarazione sostitutiva è alternativa all’’asseverazione rilasciata da un Caf o da un professionista abilitato;

- è possibile il rilascio di un’attestazione “cumulativa”, nel caso in cui sussistano più contratti d’appalto stipulati fra le medesime parti;

- la regolarità dei versamenti fiscali deve essere attestata alla data in cui l’appaltatore (o il committente) effettua la disposizione di pagamento, non rilevando la successiva data in cui le somme vengono accreditate sul conto corrente dell’appaltatore (o del subappaltatore);

- in caso di cessione a terzi del credito vantato dall’appaltatore (o dal subappaltatore), l’attestazione da rilasciare alla controparte deve riferirsi alla data in cui viene comunicata detta cessione del credito.

Il testo integrale della circolare N.2/E 1 marzo 2013


Pubblicato da il 5 marzo 2013 alle 13:03 in Fisco
Tags: , , , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Mirco Gazzera

Dottore commercialista

Rss Feed


Articoli dello stesso autore

Amministrativo 23 luglio 2014, 12:11

Fattura elettronica obbligatoria nei rapporti con la Pubblica Amministrazione

Da venerdì 6 giugno è entrato in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica nei confronti di alcune Pubbliche Amministrazioni (Ministeri, enti previdenziali e amministrazioni fiscali). Il presente intervento è dedicato a fornire un quadro delle novità e della disciplina riguardante la fattura elettronica in generale.

Appalti pubblici 7 luglio 2014, 17:13

Appalti nei Comuni non capoluogo di provincia: l’ANCI denuncia il blocco degli appalti

Com’è cambiata la legge sugli appalti dopo il decreto 66/2014. Quali sono le richieste dell’Anci e perché le novità rischierebbero di bloccare le gare

Amministrativo 1 luglio 2014, 10:51

Fattura elettronica: i chiarimenti della circolare 18/E emanata dall’Agenzia delle Entrate

Chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sulla fattura elettronica nella pubblica amministrazione, dopo il via all’obbligo. Sì ai documenti fiscali scansionati

Fisco 13 maggio 2014, 16:48

La notifica a mezzo posta di un atto impositivo deve pervenire al contribuente entro il termine decadenziale

La Commissione Tributaria di Milano ha sancito che ai fini del rispetto del termine decadenziale per la notifica dell’atto impositivo al contribuente conta la data di ricevimento da parte del contribuente

Amministrativo Edilizia 14 aprile 2014, 08:52

Aree edificabili: l’ I.C.I. è dovuta anche in presenza di vincoli

La Corte di Cassazioneritorna sull’assoggettamento all’I.C.I. delle aree fabbricabili sottoposte a vincoli o destinazioni particolari


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su