Negli ultimi giorni i ministeri delle Infrastrutture, dell’Interno e dello Sviluppo economico hanno emesso una direttiva sulla circolazione invernale le cui principali novità sono rappresentate dal divieto di circolazione alle moto e ai motorini in caso di neve o ghiaccio, scatola nera più vicina e sanzioni più leggere se con la patente B si viene sorpresi alla guida di una moto potente.

C’è di più, infatti, in caso di emergenza neve è stato varato un decreto interdirigenziale che fornisce la definizione di scatola nera ai fini degli sconti assicurativi Rc auto disposti dal decreto liberalizzazioni dell’anno scorso (Dl 1/12) e una circolare destinata alle forze dell’ordine sull’attuazione delle nuove norme sulle patenti.

La direttiva sulla circolazione è stata creata per uniformare quella giungla sorta due anni e mezzo fa quando la riforma del Codice della strada (legge 120/10) ha dato il via libera agli enti proprietari delle strade di imporre l’obbligo di catene a bordo o di gomme invernali montate per periodi interi e non solo di nevicate in atto. Si è stabilito, dunque, che i periodi designati per montare le i pneumatici da nevsiano per tutti gli automobilisti dal 15 novembre al 15 aprile, salvo rare particolarità come in alta quota.

Persino le singole restrizioni temporanee dovute a emergenza, che sono materia di sindaci e prefetti, vanno concordate rivolgendosi alle autorità competenti delle zone limitrofe, sulla cui viabilità si ripercuoterebbe un possibile blocco. Queste, tuttavia, sono solo indicazioni di massima; le direttive ministeriali non hanno un valore vincolante per le altre autorità e infatti alcuni esempi hanno già dimostrato questa tesi.

Un’altra questione sorta negli ultimi anni concerneva i veicoli a due ruote, per i quali non sono disponibili né catene né gomme invernali. La direttiva decreta che gli obblighi stagionali non si riferiscano a questi mezzi, ma in caso di neve o ghiaccio sulla strada e di nevicate in atto non è permessa la circolazione. E’ stato confermato, infine, che i pneumatici che abilitano alla circolazione non sono obbligatoriamente quelle invernali specifiche: sono sufficienti le “M + S”.

Per quanto riguarda la scatola nera, sono state ufficializzate le caratteristiche del dispositivo, che riprendono quelle dei modelli già in commercio; servono un localizzatore gps, un impianto di trasmissione Gprs, un accelerometro triassiale, due tipi di memoria (flash e Ram), una batteria ricaricabile, un’antenna per comunicare wireless con gli apparati di bordo e diagnosi remota (per verificare che il dispositivo non venga manomesso).

Per le patenti, tra le molte puntualizzazioni del ministero dell’Interno si denota la non punibilità penale della guida con patente B o superiore di motocicli che necessitano la A2 o la A e che non c’è alcuna sanzione per chi ha un’abilitazione ridotta ai soli veicoli con cambio automatico e ne guida uno con cambio manuale.


NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO