“E’ un modo  per evitare una preparazione troppo mnemonica. I candidati avranno davanti lo stesso software che useranno il giorno della preselezione e potranno prenderci la mano” lo ha dichiarato non più tardi di lunedì ad orizzonte scuola un rappresentante del ministero dell’Istruzione riferendosi alloscuramento volontario delle risposte corrette nell’esercitatore messo a disposizione dal ministero per i candidati che dovranno sostenere la prima prova del concorso a cattedre. Se abbiamo definito questo intento nobile, perché, da una parte, l’obiettivo è garantire che non ci siano raggiri, ma viga la parità di possibilità per ciascun candidato, dall’ altra qualche dubbio lo lascia qualora ci siano errori riscontrabili nei quesiti e nelle risposte.

Quello che ci interessa però non sono gli ipotetici errori che nessuno ancora ha riscontrato quanto piuttosto che, ad appena due ore dalla pubblicazione della banca dati, sia comparso sul web un software contenente non solo le 3500 domande ufficiali messe a disposizione dal ministero, ma anche le risposte esatte. E’ in vendita infatti un esercitatore simile in tutto e per tutto a quello ministeriale che a differenza di quello ministeriale rivela anche quali domande si sbagliano e quali sono le soluzioni ai quiz.

Come è possibile che esista un software che dopo appena due ore abbia potuto mettere on line domande ufficiali e soluzioni? La cosa stupisce ancora di più se si pensa all’annuncio del ministero che sbandiera una volontà di equità e di esclusione dei furbi dal concorso, la stonatura è evidente perché vuol dire che qualcosa non ha funzionato e se ha funzionato lo ha fatto davvero male. Va ricordato che il materiale presente nella banca dati ministeriale non è fruibile da chiunque ma solo da coloro che sono iscritti al concorso che possono esercitarsi previa inserzione del proprio codice fiscale nel software.

Dunque se la riproduzione delle domande e delle risposte è vietata severamente, come è possibile che una azienda riesca ad entrare in possesso di queste informazioni e tradurle in un software funzionante in grado di rilevare la correttezza o meno delle risposte date dal candidato? Il ministero dell’Istruzione ha delle responsabilità dirette in una cosa come questa? E’ possibile che sia un modo obliquo per finanziare le spese concorsuali che questa volta, a differenza del Tfa, non sono state ammortizzate direttamente dai partecipanti?

Che le banche dati del ministero abbiano subito un attacco da parte di hacker? E se così fosse perché la protezione non era adeguata a proteggere i dati che non dovevano essere di dominio pubblico? Gli interrogativi sono tanti, ma al momento quello che abbiamo, oltre la prova dell’esistenza di questo software, non sono altro che le congetture di chi si trova di fronte ad una situazione poco chiara. Sarebbe davvero un peccato se l’Italia avesse perso l’ennesima occasione per penalizzare i “furbetti” e premiare quelli davvero meritevoli.

Qui il testo della mail che prova che il software in questione è in commercio.


4 COMMENTI

  1. ok! ho compreso l’intento nobile….ma altrettanto nobile mi sembra poter comprendere i propri errori…..se veramente esiste un software che indica le correzioni potreste indicare dove reperirlo?

  2. Non capisco perchè abbiate oscurato i dati dell’Azienda e del sito web dove ricercare le risposte; perchè è evidente che se qualcuno vende in rete software o altro, si assume la responsabilità anche penale relativa alla disponibilita di quanto messo in commercio; e d’altro canto, nel caso effettivamente fossero già on line le risposte dei quiz, questo metterebbe in evidenza l’incapacità del ministero ed in generale del governo che si presume ‘tecnico’ a gestire persino una cosa semplice quanto un concorso pubblico, inchiodando il ministro Profumo alle sue responabilità.
    Perchè se fosse vero, una sola dovrebbe essere la prima parola pronunciata da chiunque sia interessato all’argomento: DIMISSIONI!

  3. … e se le soluzioni sono on line… per quale motivo avete cancellato nella mail pubblicata i riferimenti che potrebbero consentire A TUTTI di avere le stesse possibilità di accedervi??

    Questo articolo, in questo modo, da formalmente condivisibile diventa una ennesima presa in giro per i soliti ignoti come me.

    Cordiali saluti

SCRIVI UN COMMENTO