Speciale riforma PA

Economia 26 novembre 2012, 16:16

Legge di stabilità 2013: ultimi fondi per scuola, pensioni e sicurezza

Servono 800 milioni per coprire le novità. I Comuni chiedono di allentare il patto di stabilità


La legge di stabilità si appresta a sostenere l’esame del Senato, dopo l’approvazione a colpi di fiducia ottenuta alla Camera, in seguito a più di una riscrittura nei passaggi alle Commissioni.

Ora, dunque, è il turno di palazzo Madama, dove la legge finanziaria per il biennio a venire potrebbe conoscere un altro maquillage prima che arrivi il momento di esprimersi da parte dei senatori.

I capitoli, così come quelli discussi fino a pochi giorni fa a Montecitorio, sono alquanto spinosi e hanno il potenziale di allungare ulteriormente i tempi di approvazione, così come successo nel primo giro di boa alla Camera.

Ora, all’appello mancherebbero tra i 600 e gli 800 milioni per portare a termine gli interventi messi in cantiere con le modifiche che si intende apporre al Senato.

Tra gli interventi al vaglio, vanno per la maggiore welfare e fisco, al solito sottoposti a continui ritocchi in base alle risorse disponibili e alle fasce che chiedono sostegno.

Si spiega così come temi al pari delle pensioni di guerra, o, ancora, i malati di Sla, per finire con accordo produttività e Tobin Tax, siano ancora sul tavolo del Parlamento.

Tradotto, significa: le Camere hanno dato la fiducia ma non sono disposte ad convertire la legge così com’è. Sono necessari alcuni accorgimenti e per questo è partita la corsa contro il tempo per trovare la quadra – economica in primis – e portare a casa la legge.

C’è, poi, il comparto degli enti locali, che reclama attenzione, con i Comuni in prima linea dopo il successo della manifestazione dei sindaci a Milano settimana scorsa, sotto il cappello dell’Anci.

A questo proposito, sempre di “stabilità” si finisce a discutere, ma, nel caso delle amministrazioni locali, ci si deve riferire al “patto”: è questo, il patto di stabilità, che i municipi chiedono di allentare così come avvenuto per quelli recentemente alluvionati.

Solo la Commissione Bilancio di palazzo Madama chiarirà se sussiste ancora un margine di intervento in questo senso, così come, dagli stessi uffici, si saprà se potranno essere trovati altri 30 milioni per la sicurezza, cavallo di battaglia del governo precedente e un po’ decaduto come capitolo di spesa negli ultimi mesi.

E arriviamo alla scuola: si lavora, in Commissione, per trovare un piccolo portafogli da destinare all’edilizia scolastica, con tante strutture che richiedono manutenzione urgente.

Ma da dove potrebbe arrivare tutto questo nuovo fiume di denaro che si sta cercando di disotterrare? Secondo le prime voci, la legge di stabilità potrebbe attingere al Fondo Irap per professionisti e autonomi per un capitale di 500 milioni, più altri 900 provenienti direttamente da palazzo Chigi.

Leggi le modifiche alla legge di stabilità 2013 approvate alla Camera


Pubblicato da il 26 novembre 2012 alle 16:11 in Economia
Tags: , , , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

concorsi a cattedre 2012

Articoli dello stesso autore

Welfare 23 luglio 2014, 10:29

Riforma pensioni? No, è in arrivo il prelievo 2014 di Renzi e Padoan

Bonus 80 euro da rendere permanente: ipotesi prelievo sugli assegni Inps

Flash 23 luglio 2014, 08:54

Costa Concordia, in diretta video la partenza verso il porto di Genova

Ecco live in diretta streaming tv,la partenza dall’Isola del Giglio della nave Costa Concordia, diretta al porto di Genova a due anni e mezzo dall’incidente

Amministrativo 22 luglio 2014, 16:32

Commissioni Affari Costituzionali: a breve notizie sulla sorte dei TAR

A breve conosceremo il destino degli otto TAR menzionati nel DL n.90

Civile 22 luglio 2014, 14:27

Condomini molesti, lo sfratto ora è più difficile per chi disturba

L’ultima pronuncia della Cassazione: niente sanzioni senza norma

Salute 22 luglio 2014, 12:07

Così sarà la nuova sigaretta elettronica. Cadono tutti i divieti

Sì nei luoghi pubblici e anche alla pubblicità: all’interno una vera sigaretta


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su