Speciale riforma PA

Fisco 20 novembre 2012, 12:14

Redditometro, Redditest, Spesometro, Anagrafe: le differenze

L’Agenzia delle entrate oggi ha ufficializzato l’uscita del Redditest


Oggi l’Agenzia delle Entrate ha ufficializzato, con una conferenza stampa, l’uscita del redditest, il software pensato per i contribuenti per aiutarli nella definizione dei propri esborsi ed entrate. Questo strumento che, giova ricordarlo, ha una funzione puramente di compliance non ha la capacità di segnalare il contribuente che non ha una dichiarazione dei redditi al Fisco, piuttosto gli segnala su come intervenire nella gestione della propria economia per farsi così trovare pronto alla dichiarazione vera e propria, quindi semplicemente uno strumento di prevenzione fiscale.

Non è però l’unico strumento che l’Agenzia delle entrate userà per sondare le “tasche” dei cittadini per questo è necessario non confondersi; per quanto i termini fra loro si assomigliano, redditometro, redditest, spesometro ed anagrafe dei conti correnti, non sono certo la stessa cosa. Spieghiamo ora di seguito le differenze principali e le caratteristiche che fanno di ogni strumento qualcosa di unico, ma che soprattutto ha funzioni e impieghi diversi.

Il redditometro si basa sulle spese effettuate dal cittadino. Questo dato verrà reperito analizzando quelle spese, quei consumi che sono già stati rilevati nella anagrafe tributaria, verranno analizzate quelle spese stimate il cui onere sarà determinato applicando un certo valore a specifiche tipologie di costi pluriennali come possono essere i mutui. In modo più residuale viene compiuta una verifica anche sulla spesa media Istat che inquadra le uscite medie di tipo corrente (alimentari, abbigliamento, calzature etc.) sostenute da ogni tipo di famiglia che vive in una certa area geografica.

Il redditest, d’altro canto, sarà finalizzato a riconoscere le spese più importanti che vengono sostenute dal reddito famigliare,  esso consente in via del tutto preventiva ed anonima di certificare, con buona approssimazione, se il reddito dichiarato è congruente con le spese sostenute. I dati come detto saranno in forma anonima quindi non lasceranno tracce sul web, il redditest, più semplicemente, è uno strumento rivolto ad incentivare la dichiarazione di un reddito adeguato almeno alle spese standard sostenibili dal contribuente.

Lo spesometro invece si muove su un criterio diverso; infatti mira a permettere all’Amministrazione di incrementare il numero di informazioni per quantificare la capacità di spesa dei contribuenti. Questo strumento ha la finalità di controllare i pagamenti che eccedono un determinato limite, tutti i soggetti titolari di partita Iva sono obbligati a rendere noto via internet, all’Agenzia delle Entrate, qualsiasi incasso di importo sopra i 3.600 euro. Gli intermediari finanziari hanno tempo fino al 31 gennaio 2013 per dichiarare all’anagrafe tributaria i dati sullo shopping di lusso pagato con bancomat o carte di credito.

Infine c’è l’anagrafe dei conti correnti, una banca dati che ha il compito di facilitare l’emersione della base imponibile. Il Dl 201/2011 ha stabilito che gli operatori finanziari mandino costantemente all’anagrafe tributaria, oltre ai conti correnti e i rapporti finanziari esistenti già censiti, ogni informazione necessaria per consentire al Fisco di effettuare i propri controlli. I dati potranno essere impiegati per la creazione di liste selettive di contribuenti a maggior rischio di evasione.


Pubblicato da il 20 novembre 2012 alle 12:11 in Fisco
Tags: , , , , , , , , , , ,


1 Commento per Redditometro, Redditest, Spesometro, Anagrafe: le differenze

  1. Pingback: Redditometro: Befera difende il redditest dalle critiche

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Economia 28 agosto 2014, 15:08

Decreto sblocca-Italia 2014: la bozza del testo in arrivo in Cdm

Confermato il bonus Irpef per chi compra casa. Edilizia, nuovo regolamento

Scuola 28 agosto 2014, 12:41

Riforma scuola 2014: così avverranno le assunzioni dei precari

Si parte dai vincitori senza cattedra. Esami, cambiano maturità e terza media

Welfare 28 agosto 2014, 07:57

Pensione anticipata, donne in fuga: requisiti e scadenze per l’opzione

Statali, privati, autonomi: condizioni e tempi per fare domanda

Consumatori 27 agosto 2014, 16:49

Vacanza rovinata: ecco la guida completa per farsi risarcire

I diritti del viaggiatore e le responsabilità dei tour operator

Giustizia 27 agosto 2014, 15:03

Riforma giustizia 2014, torna la prescrizione: le novità nel ddl

Taglio prescrizione, falso in bilancio, cambiano Csm e responsabilità


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su