Speciale riforma PA

Avvocati 2 novembre 2012, 16:44

Riforma forense: come sarà l’avvocatura. Il testo aggiornato

Compensi, liberalizzazione, obblighi e tirocinio.


La Camera dei Deputati ha approvato lo scorso 31 ottobre, a larga maggioranza, la tanto vituperata riforma forense, che approda adesso al Senato per l’approvazione definitiva.

Lo spedito iter del provvedimento fa presumibilmente pensare che il ddl diventi legge prima della scadenza naturale della legislatura, come auspicato dagli organismi forensi, ansiosi di dotarsi di un nuovo statuto professionale.

Di seguito, le novità più rilevanti poste in essere dalla riforma:

Rapporti avvocato – cliente, obblighi, concorrenza

Il provvedimento interviene in maniera incisa nei rapporti tra avvocato e cliente, stabilendo che la determinazione del compenso sia del tutto libera. L’avvocato ha però l’onere di informare il cliente sulla complessità dell’incarico e sulle spese ipotizzabili, fornendogli altresì un preventivo a richiesta. In caso di disaccordo, vengono in soccorso i parametri del Ministero sulla determinazione del compenso. All’avvocato rimane inoltre specifica competenza nella consulenza stragiudiziale. Vengono introdotte inoltre le società di capitali tra avvocati ma senza il socio esterno, per garantire l’autonomia della prestazione professionale. Introdotto inoltre l’obbligo  dell’iscrizione alla Cassa forense, dell’assicurazione per la responsabilità civile e della formazione continua per tutti. Viene superato a tal fine il sistema dei crediti formativi. Via libera anche alla pubblicità informativa su Internet, a patto che sia «trasparente,veritiera, non suggestiva né comparativa». L’esercizio della professione dovrà essere effettivo e continuativo come condizione per la permanenza dell’albo: la prova dell’effettività dovrà prescindere dal reddito.

Ordini forensi e accesso alla professione

La riforma apre gli Ordini forensi al pubblico, tanto da prevedere un apposito sportello di consulenza e orientamento per il cittadino. Vengono istituiti inoltre i consigli distrettuali di disciplina, con incompatibilità per garantire la terzietà del giudizio deontologico e una maggiore tipizzazione degli illeciti disciplinari in ossequio al principio delle certezza del diritto. Arrivano anche le quote rosa nelle elezioni dei consigli dell’Ordine, del Cnf e dei Consigli distrettuali di disciplina. Rivoluzione tirocini: la pratica durerà diciotto mesi, potrà essere svolta presso due avvocati contemporaneamente e con nuove modalità, al di là del lavoro tradizionale in studio. Le scuole forensi dovranno inoltre predisporre dei corsi di formazione specifici. Ai praticanti avvocati spetta anche un compenso commisurato all’effettivo apporto, oltre il rimborso delle spese. L’esame per l’abilitazione consisterà in tre prove scritte e una orale, senza codici commentati e giuramento degli avvocati presso il relativo Consiglio dell’Ordine in seduta pubblica.

Commenti

Il Cnf e l’Oua si dicono favorevoli alla riforma, seppur con qualche riserva, mentre le Camere penali sperano in un miglioramento del testo in Senato. La riforma «rafforza la qualificazione professionale degli avvocati per tutta la durata dell’esercizio professionale – afferma il Consiglio nazionale forense – e tutela l’interesse pubblico all’effettività della tutela dei diritti dei cittadini e al miglioramento della giurisdizione». «È un forte passo in avanti: i professionisti non sono imprese e non possono soggiacere alle logiche di mercato, ma devono garantire qualità», commenta il presidente dell’Oua, Maurizio de Tilla, che sottolinea tuttavia come resti qualche elemento di criticità, tra cui l’accesso. «C’è la proposta del numero programmato all’Università. Attendiamo dal guardasigilli – sollecita de Tilla – un provvedimento straordinario che cambi davvero il volto della professione forense, puntando sulla qualità». Infine la specializzazione: «Occorrerà – chiosa l’Ucpi – togliere l’esclusività delle Università in ordine alle convenzioni che disciplinano la formazione degli specialisti, e inoltre si dovrà dare alle associazioni forensi un riconoscimento pieno e non soltanto indiretto».

Qui il testo approvato dalla Camera e ricostruito dal Cnf

Qui l’evoluzione del testo: da quello approvato dal Senato il 23 novembre 2010 a quello approvato dalla Camerao

Qui la relazione della Commissione Giustizia


Pubblicato da il 2 novembre 2012 alle 16:11 in Avvocati
Tags: , , , , ,


3 Commenti per Riforma forense: come sarà l’avvocatura. Il testo aggiornato

  1. giovanni

    Complimenti al governo dei tecnici che ci ha lascaito questo bel ricordino facendo approvare al Senato la riforma forense.
    In estrema sintesi per le nuove generazioni cambierà solo la modalità di accesso. Da un’esame del tutto aleatorio che non ha mai permesso di valutare l’effettiva preparazione del canditato lasciando quasi sempre al caso l’effettivo superamento quantomeno degli scritti si passa, a quanto pare, ad un esame molto più complesso senza codici commentati simile al concorso in Magistratura.
    Nei siti accreditati impazza ormai il testo della riforma oltre che, a chiare e luminose lettere, la possibilità di diventare abogado in Spagna omologando il titolo. Complimenti alla corporazione forense di questo passo degli avvocati resterà solo il ricordo: le giovani generazioni saranno tutti abogadi stabiliti e gli unici avvocati artefici di questo scempio passeranno, si spera come tutti, prima o poi a miglior vita.
    Per quel che mi riguarda non mollerò mai sono pronto a sotenere l’esame senza codici ccommentati, bendato e con una mano, la destra ovviamente, legata dietro la schieda.
    Resistere, resistere, resistere ad ogni costo
    Cordiali Saluti esimio collega
    Giovanni

  2. Mangia Luigi

    la riforma va rovesciata: tirocinio a tre anni ed abolizione dell’esame.
    La focoltà di Giurisprudenza è l’unica nel mondo che ti dà la certezza di tornare indietro e l’incertezza di andare avavti. Mi spiego meglio. Ammettiamo che un dottore con patrocinio non superi, per diversi motivi, l’esame di abilitazione, per 6 anni, sapete cosa succede? non può più esercitare (anche nei limiti imposti) nè rifare il tirocinio. Questa è l’avvocatura!!! Concludendo, un qualsiasi soggetto si iscrive a giurisprudenza, si laurea, fa il tirocinio, si abilita con il patrocinio, non supera l’esame e……..torna indietro di qualche anno senza alcuna possibilità…..viva l’Italia!!!!!
    ok su corsi di formazione obbligatori.

  3. flavio

    la riforma dell’esame è stata per ora stralciata e sarà oggetto di un eventuale provvedimento ad ok!
    http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-10-31/riforma-forense-camera-dice-174435.shtml?uuid=AbiZUkyG

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Fisco 30 luglio 2014, 16:09

Debiti con Equitalia: il prelievo dai conti correnti esiste già

Saldo in ritardo: pignoramento di oltre diecimila euro da conto corrente

Costituzionale 30 luglio 2014, 14:23

Chi è Giuseppe Tesauro, nuovo presidente della Corte Costituzionale

Avvocato cassazionista e docente, in passato ha guidato l’Antitrust

Welfare 30 luglio 2014, 10:05

Pensioni: gli effetti della legge Fornero. A Roma gli assegni top

Così sono cambiati gli assegni dopo diciotto mesi di cura Fornero

Welfare 29 luglio 2014, 18:12

Riforma Pa, ritardo in Commissione: tremano i Quota 96

Commissione Bilancio, stop al decreto 90? La pensione si complica

Scuola 29 luglio 2014, 15:43

Secondo Ciclo Tfa 2014: errori, risultati e risposte corrette ai test

Chiude il test preselettivo del Secondo ciclo: polemiche ed errori


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su