Speciale riforma PA

Stranieri 5 ottobre 2012, 13:29

Sanatoria 2012: clandestini in Italia, i documenti che lo dimostrano

Valide anche le schede telefoniche


Sanatoria 2012, in extremis arriva anche il parere dell’Avvocatura. Si sono ormai espressi tutti gli enti e organismi dell’apparato statale sulla finestra di 30 giorni aperta dal governo per mettere in regola i lavoratori immigrati.

Dopo il Ministero, con le “Frequently asked questions“, le istruzioni diramate tanto da Inps quanto da Inail, ora tocca all‘Avvocatura, che dirama un parere su alcuni punti non del tutto chiariti della sanatoria, in particolare sulel modalità attraverso cui dimostrarela presenza del clandestino in Italia.

Innanzitutto, l’avvocatura chiarisce proprio le indicazioni ministeriali, soprattutto laddove specificano che, per comprovare l’arrivo del clandestino, debba presentarsi un qualsiasi atto o documento proveniente da “organismi pubblici”. L’Avvocatura si concentra proprio su questa maxicategoria di apparati alla quale il dicastero, nel suo documento, ha fatto genericamente riferimento.

Secondo l’Avvocatura, infatti, sotto tale dicitura vanno inclusi anche “soggetti pubblici, privati o municipalizzati che istituzionalmente o per delega svolgono una funzione o un’attribuzione pubblica o un servizio pubblico”.

A questo proposito, l’avvocatura cita alcuni esempi di atti presentabili per certificare la presenza dell’immigrato in Italia al 31 dicembre 2011, come specificato nel decreto sanatoria: sarebbero dunque ritenuti validi certificati medici, iscrizione scolastica dei figli, sanzioni,multe e anche la titolarità di schede telefoniche. Documenti, cioè che vengono rilasciati a prescindere che il soggiorno sia lecito o meno da parte del destinatario.

Sempre in chiave di attestati validi per risalire al vissuto recente del clandestino, l’avvocatura si collega anche a eventuali certificazioni emanate da organismi pubblici comunitari e non nazionali.

Su quelle rilasciate da organi diplomatici o consolari, viene spiegato come tali atti siano del tutto assimilabili a quelli considerati nel punto precedente come provenienti da “organismi pubblici”.

Non basterà, invece, il timbro dell’area Schengen per dimostrare la presenza dell’extracomunitario sul territorio italiano alle date richieste: ad esso, andrà dunque allegato, spiega l’avvocatura, un qualsiasi documento comprovante la presenza del clandestino in territorio italiano al 31 dicembre 2011, come spiegato in precedenza.

Leggi il parere dell’Avvocatura sulla sanatoria 2012

Leggi le Faq ministeriali sulla sanatoria

 


Pubblicato da il 5 ottobre 2012 alle 13:10 in Stranieri
Tags: , , , , , , , ,


9 Commenti per Sanatoria 2012: clandestini in Italia, i documenti che lo dimostrano

  1. Nahomi

    Salve, sono in Italia da junio, sono arrivata perché sono sposata con cittadino italiano, pero solo dure tres mesi con lui perché mi maltrattava e solo voleva che le curase sua mama e li pulizia di casa. E non mi ha fatto il permesso di soggiorno, voglio sapere fino a quando posso essere qui, e Como posso me terme a refila. Ho un visto fino a junio. Grazie mi sono andata de la sua casa

  2. Nahomi

    Salve, sono in Italia da junio, sono arrivata perché sono sposata con cittadino italiano, pero solo dure tres mesi con lui perché mi maltrattava e solo voleva che le curase sua mama e li pulizia di casa. E non mi ha fatto il permesso di soggiorno, voglio sapere fino a quando posso essere qui, e Como posso me terme a refila. Ho un visto fino a junio. Grazie

  3. walid

    ciao a tutti

    mi serve informazzione per cortsie

    arrivo il 27/1012 in italia con visto tourism. cosa posso fare per avere permesso di soggiorno ????

  4. Nilton Junior

    Ciao ho perso il mio passaporto a 10gg fa… Ho fatto 3anni di superiore anche senza il permesso di soggiorno e ora vorrei sapere se potrei comprovare che sono Italia da dicembre dell’anno scorso… Grazie

  5. margaryta

    Cvando una persona ce arrivata in italia con visto regylare 31.08.2012.Deve prima rimanere clandestino e aspetare prosma sanatoria.

  6. svetlana

    sono venuta 17.02.2012 pero ho permesso scaduto a 2008 posso fare la domanda per sanatoria 2012.grazie mille

  7. tamara

    salve, io nel mio pasaporto ho soltanto un timbro di fiumicino anno di 2009, non posso dimostrare altro ninete piu, ne tesera sanitaria, ne anche multa, asolutamente niente,posso fare la domanda per sanaoria 2012?
    grazie

  8. al mamum

    io no capito tuto.oggi io sentito per sanatoria quando fai richesta no serve datore solo paga posta mila euro dopo 6 mese documento quando rinuovo serve lavoro di contratto. QUESTO COSA VERU

  9. TINA

    fra i documenti da esibire per una badante ucraina che sul passaporto ha solo il timbro di entrata in Europa (trattato di schengen) PUò valere un documento di assistenza domiciliare ASL a nome dell’assistita per la quale la badante lavora, ma firmato dalla
    badante per avvenuta assistenza e consegnato all’ASL . La copia di detto documento ci è fornita direttamente dall ASL e la firma della badante posta su detto certificato e la stessa posta sul passaporto.
    in attesa di una vostra risposta ringrazio

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Lavoro 19 settembre 2014, 09:27

Jobs Act, sì al nuovo testo. Cosa cambia per contratti e controlli

Con il contratto nei primi tre anni licenziamenti selvaggi. Le altre novità

Edilizia 18 settembre 2014, 15:18

Decreto sblocca Italia, le novità in materia edilizia e urbanistica

Dia, Scia, autorizzazioni, permessi, destinazioni degli edifici: la guida

Economia 18 settembre 2014, 11:13

Imprese, le agevolazioni fiscali 2014 e 2015 per gli investimenti

Credito d’imposta per chi investe in macchinari: requisiti, casi e vantaggi

Lavoro 18 settembre 2014, 09:23

Jobs Act e articolo 18, così cambieranno i contratti di lavoro

Il contratto di lavoro a tutele crescent e le altre novità nel ddl al Senato

Fisco 18 settembre 2014, 08:02

Tasi 2014, il tempo è scaduto. Dove si pagherà a ottobre

Scadenza per la pubblicazione delle nuove aliquote


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su