Sanatoria 2012, in extremis arriva anche il parere dell’Avvocatura. Si sono ormai espressi tutti gli enti e organismi dell’apparato statale sulla finestra di 30 giorni aperta dal governo per mettere in regola i lavoratori immigrati.

Dopo il Ministero, con le “Frequently asked questions“, le istruzioni diramate tanto da Inps quanto da Inail, ora tocca all‘Avvocatura, che dirama un parere su alcuni punti non del tutto chiariti della sanatoria, in particolare sulel modalità attraverso cui dimostrarela presenza del clandestino in Italia.

Innanzitutto, l’avvocatura chiarisce proprio le indicazioni ministeriali, soprattutto laddove specificano che, per comprovare l’arrivo del clandestino, debba presentarsi un qualsiasi atto o documento proveniente da “organismi pubblici”. L’Avvocatura si concentra proprio su questa maxicategoria di apparati alla quale il dicastero, nel suo documento, ha fatto genericamente riferimento.

Secondo l’Avvocatura, infatti, sotto tale dicitura vanno inclusi anche “soggetti pubblici, privati o municipalizzati che istituzionalmente o per delega svolgono una funzione o un’attribuzione pubblica o un servizio pubblico”.

A questo proposito, l’avvocatura cita alcuni esempi di atti presentabili per certificare la presenza dell’immigrato in Italia al 31 dicembre 2011, come specificato nel decreto sanatoria: sarebbero dunque ritenuti validi certificati medici, iscrizione scolastica dei figli, sanzioni,multe e anche la titolarità di schede telefoniche. Documenti, cioè che vengono rilasciati a prescindere che il soggiorno sia lecito o meno da parte del destinatario.

Sempre in chiave di attestati validi per risalire al vissuto recente del clandestino, l’avvocatura si collega anche a eventuali certificazioni emanate da organismi pubblici comunitari e non nazionali.

Su quelle rilasciate da organi diplomatici o consolari, viene spiegato come tali atti siano del tutto assimilabili a quelli considerati nel punto precedente come provenienti da “organismi pubblici”.

Non basterà, invece, il timbro dell’area Schengen per dimostrare la presenza dell’extracomunitario sul territorio italiano alle date richieste: ad esso, andrà dunque allegato, spiega l’avvocatura, un qualsiasi documento comprovante la presenza del clandestino in territorio italiano al 31 dicembre 2011, come spiegato in precedenza.

Leggi il parere dell’Avvocatura sulla sanatoria 2012

Leggi le Faq ministeriali sulla sanatoria

 

9 COMMENTI

  1. Salve, sono in Italia da junio, sono arrivata perché sono sposata con cittadino italiano, pero solo dure tres mesi con lui perché mi maltrattava e solo voleva che le curase sua mama e li pulizia di casa. E non mi ha fatto il permesso di soggiorno, voglio sapere fino a quando posso essere qui, e Como posso me terme a refila. Ho un visto fino a junio. Grazie mi sono andata de la sua casa

  2. Salve, sono in Italia da junio, sono arrivata perché sono sposata con cittadino italiano, pero solo dure tres mesi con lui perché mi maltrattava e solo voleva che le curase sua mama e li pulizia di casa. E non mi ha fatto il permesso di soggiorno, voglio sapere fino a quando posso essere qui, e Como posso me terme a refila. Ho un visto fino a junio. Grazie

  3. ciao a tutti

    mi serve informazzione per cortsie

    arrivo il 27/1012 in italia con visto tourism. cosa posso fare per avere permesso di soggiorno ????

  4. Ciao ho perso il mio passaporto a 10gg fa… Ho fatto 3anni di superiore anche senza il permesso di soggiorno e ora vorrei sapere se potrei comprovare che sono Italia da dicembre dell’anno scorso… Grazie

  5. Cvando una persona ce arrivata in italia con visto regylare 31.08.2012.Deve prima rimanere clandestino e aspetare prosma sanatoria.

  6. sono venuta 17.02.2012 pero ho permesso scaduto a 2008 posso fare la domanda per sanatoria 2012.grazie mille

  7. salve, io nel mio pasaporto ho soltanto un timbro di fiumicino anno di 2009, non posso dimostrare altro ninete piu, ne tesera sanitaria, ne anche multa, asolutamente niente,posso fare la domanda per sanaoria 2012?
    grazie

  8. io no capito tuto.oggi io sentito per sanatoria quando fai richesta no serve datore solo paga posta mila euro dopo 6 mese documento quando rinuovo serve lavoro di contratto. QUESTO COSA VERU

  9. fra i documenti da esibire per una badante ucraina che sul passaporto ha solo il timbro di entrata in Europa (trattato di schengen) PUò valere un documento di assistenza domiciliare ASL a nome dell’assistita per la quale la badante lavora, ma firmato dalla
    badante per avvenuta assistenza e consegnato all’ASL . La copia di detto documento ci è fornita direttamente dall ASL e la firma della badante posta su detto certificato e la stessa posta sul passaporto.
    in attesa di una vostra risposta ringrazio

SCRIVI UN COMMENTO