Speciale riforma PA

Commerciale 21 settembre 2012, 11:56

Imprese, sì al pagamento entro 30 giorni. Uffici pubblici ancora esclusi

Ma chi vanta crediti con la P.A. dovrà attendere ancora


Pagamenti tra imprese, sì al limite massimo di 30 giorni, ma, per adesso, solo tra privati. Dalla Commissione Attività produttive della Camera è arrivata la luce verde per un un provvedimento che intende stabilire a un mese l’intervallo per il saldo degli oneri da prestazione, escludendo, però, dalla futura norma qualsiasi riferimento alla pubblica amministrazione.

Il disegno di legge è stato presentato in maniera condivisa da esponenti di diversi partiti, a compimento di quanto già anticipato nel testo dello Statuto d’Impresa, legge 180/2011, approvata il 15 novembre dello scorso anno. Con l’ok al testo unificato presentato ieri in Commissione, si avvia il processo di recepimento della direttiva comunitaria 2011/7/UE, datata 16 febbraio 2011, che invitava a legiferare sui ritardi dei pagamenti sia tra privati, che tra questi ultimi e gli enti pubblici.

Peccato che, come detto, per il momento non siano state incluse nel novero delle imprese che potranno far valere il limite massimo di 30 giorni, quelle realtà industriali che detengono crediti presso la pubblica amministrazione, forse il male più esteso nel circuito economico oggi fortemente rallentato, soprattutto nel settore dell’edilizia.

A questo proposito, i relatori del testo in Commissione hanno auspicato che entro novembre si possa pervenire a una stesura definitiva del disegno di legge, che tenga conto anche della pubblica amministrazione, come, del resto, invita la direttiva europea da cui nasce la proposta.  Una via possibile, in questo senso, è che si ricorra alla Cassa Depositi e Prestiti, in quanto sciolta dai vincoli del Patto di stabilità, per garantire anche da parte della Pa pagamenti tempestivi e secondo i limiti previsti.

E bando ai cavilli: le associazioni di categoria potranno avanzare cause per sancire la non validità di tutte quelle postille contrattuali che sovente contraddistinguono i rapporti tra amministrazioni e ditte vincitrici di appalti.

Per quanto riguarda i rapporti tra privati, invece, viene stabilito nel nuovo ddl che l’impresa in stato di credito possa richiedere presso la Camera di Commercio una certificazione ufficiale del saldo mancante, documento dal valore legale anche in sede di tribunale, che può essere fatto valere per ottenere dal giudice la disposizione immediata del versamento.

La Camera di Commercio potrà, comunque, svolgere il ruolo di conciliazione tra le due parti in causa. All’impresa in stato di debito, infatti, sarà concesso ricorrere presso i suoi uffici per ottenere l’apertura di un procedimento di mediazione coordinato da un istituto finanziario in grado di prendere parte alla pronta risoluzione del pagamento inevaso.


Pubblicato da il 21 settembre 2012 alle 11:09 in Commerciale
Tags: , , , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Fisco 20 ottobre 2014, 15:29

Legge di stabilità 2015, il nuovo regime dei minimi per le partite Iva

Cosa cambia con il nuovo regime agevolato: requisiti e calcolo

Fisco 20 ottobre 2014, 12:58

Legge di stabilità 2015: bonus e agevolazioni su casa ed edilizia

Bonus energia e ristrutturazioni, lavori in condominio e le altre detrazioni

Economia 20 ottobre 2014, 09:20

Legge di stabilità 2015, il testo è sparito. Finora uscite bozza e slide

Ancora non c’è testo ufficiale, ma Renzi tranquillizza. Le versioni in circolazione

Lavoro 20 ottobre 2014, 08:11

Jobs Act: le modifiche alla Camera. Licenziamenti e articolo 18

Le concessioni potrebbero arrivare sui licenziamenti disciplinari

Ambiente 17 ottobre 2014, 15:21

Detrazioni fiscali per il risparmio energetico: il diritto tributario

Come regolamenta la materia il diritto tributario, in condominio e non


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su