Speciale Tari e Tasi

Amministrativo Finanza Locale 17 settembre 2012, 13:38

Finanza locale, tra spending review e cattiva politica

Nuovo intervento slogan del Sottosegretario all’Economia e alle Finanze Polillo


In un nuovo intervento, in senso cronologico non nei contenuti, il Sottosegretario Polillo ha affermato: “Su finanza pubblica locale maggiori controlli. Altrimenti i rivoli della spending review sono travolti dai fiumi in piena della cattiva politica” (twitter 15 settembre 2012).

Dal Sottosegretario all’Economia e alle Finanze è lecito attendersi meno generalizzazioni e luoghi comuni e più proposte concrete.

Ritiene forse il sottosegretario Polillo che la “cattiva politica” e gli spechi si annidino solo nella finanza locale?

Crede davvero che siano gli Enti Locali la causa dei disastri della finanza pubblica?

E’ intollerabile che da chi ha responsabilità di Governo si continui ad operare per slogan, soprattutto da un Governo “tecnico”, che non avrebbe bisogno di inseguire il facile consenso in vista di una scadenza elettorale.

Tali dichiarazioni sono quanto meno irrispettose per  le tante Amministrazioni Locali che operano seriamente e correttamente, nel rispetto di tutti i vincoli di finanza pubblica, al servizio dei cittadini verso i quali rappresentano il primo presidio di legalità e democrazia e di presenza delle Istituzioni sul territorio.

E’ intollerabile che le stesse non siano supportate da dati concreti; ancora peggio se tali convinzioni sono alla base delle scelte di Governo, a sostegno di quel processo ormai avanzato di centralizzazione dell’Amministrazione che non gioverà certo né all’efficienza dei servizi per i cittadini né alle finanze pubbliche.

A supporto di una precedente simile affermazione, il Sottosegretario aveva fatto riferimento ad una indagine dell’Istat, svolta su incarico del Ministero dell’economia e la Conferenza Stato – regioni, che dimostrerebbe il crescente peso della finanza locale sulla finanza pubblica italiana.

La Relazione della Corte dei Conti sulla gestione finanziaria degli Enti Locali negli esercizi 2010-2011 al contrario attesta i buoni risultati conseguiti in termini di spesa corrente degli Enti Locali: ha avuto successo – si legge – la riduzione delle spese per il personale e per il funzionamento, il che ha determinato, rispetto al 2009, un contenimento della crescita della spesa nei Comuni (+ 2,03%) ed una diminuzione per le Province (- 1,63%) e per le Comunità montane (- 4,48%). Riduzioni che, sottolinea la Corte, sarebbero state ancora più marcate in assenza della “spinta delle spese per prestazione di servizi

E il presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino, nel corso della recente audizione davanti la commissione Bilancio alla Camera: ha affermato: “Lo Stato fa meno investimenti e a pagarne le conseguenze sono le amministrazioni locali, che hanno visto un taglio di trasferimenti pari al 20% negli ultimi due anni. L’andamento delle spese dello Stato, in un quadro di generale declino degli investimenti vede una distribuzione diseguale di questa tendenza: con le amministrazioni centrali meno colpite dagli effetti di contenimento e, invece, le amministrazioni locali mostrano nel biennio 2010-2011 una diminuzione vicina al 20%”.

Sono elementi di valutazione che provengono dall’organo di controllo dei conti pubblici previsto dalla Costituzione, non da qualche inchiesta giornalistica più o meno interessata.

Tanto dovrebbe bastare per affrontare il tema con la serietà che la sua complessità richiede e che non tollera generalizzazioni e semplificazioni.


Pubblicato da il 17 settembre 2012 alle 13:09 in Amministrativo Finanza Locale
Tags: , , , , ,


2 Commenti per Finanza locale, tra spending review e cattiva politica

  1. Pingback: Province, “piccoli” Comuni e patto di stabilità: quando i nodi vengono al pettine, un coiffeur d’eccezione streccia la situazione … « Le Amministrazioni provinciali della Repubblica Italiana: un pezzo di Patria da salvare.

  2. Alessio

    Ricordiamoci sempre che Polillo bazzica da anni nella stessa area politica di Brunetta, gente che più che governare punta al consenso fondato sul nemico di turno da demonizzare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Carlo Rapicavoli

Direttore Generale della Provincia di Treviso

Rss Feed Twitter


Articoli dello stesso autore

Politica 19 marzo 2014, 12:34

L’euforia del cambiamento

Viviamo un periodo storico caratterizzato dalla voglia di “cambiamento” rafforzata dalla crisi economica e dall’inadeguatezza della politica a dare risposte

Salute 12 marzo 2014, 09:09

I costi assicurativi insostenibili per le aziende sanitarie e le prime esperienze di autoassicurazione

La crescita esponenziale dei contenziosi e gli incrementi consistenti dei risarcimenti per i casi di responsabilità sanitaria, cosiddetta medical malpractice, hanno fatto esplodere i premi assicurativi di Responsabilità Civile a livelli non più sostenibili dalle Aziende Sanitarie.

Amministrativo Politica 11 gennaio 2014, 11:27

Sentenza Tar Piemonte: annullata l’elezione del Presidente e dei consiglieri della Regione

Il Tar Piemonte annulla le elezioni regionali del 2010. Si riandrà al voto?

Amministrativo 23 dicembre 2013, 12:00

La Camera del Deputati approva il disegno di legge su Province e Città Metropolitane

Tutte le novità di rilievo riguardanti le “Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni”

Costituzionale Politica 9 dicembre 2013, 09:01

Porcellum a corte e parlamento delegittimato?

La sentenza della Corte, che ha dichiarato l’incostituzionalità della legge elettorale vigente (il Porcellum) assume portata storica per l’oggetto del sindacato e per le ripercussioni nella vita politico-istituzionale italiana


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su