Speciale Jobs Act

Scuola 14 settembre 2012, 10:18

Concorso scuola 2012: Profumo di confusione, i conti non tornano

12000 posti in 3 anni… e lo stesso per i docenti dalle graduatorie?


La creatura del ministro dell’Istruzione Profumo, il concorso per la scuola, continua a muoversi nell’incertezza proprio come un bambino che ha appena imparato a camminare. L’incertezza, tuttavia, in questo caso è una colpa, perché equivale ad una mancanza di chiarezza e trasparenza che dovrebbero essere sinonimo del ministero che, per altro, ne aveva fatto gran vanto ai tempi del Tfa quando il ministro non esitò a mettere in piazza nome e cognome dei colpevoli, o presunti tali, che avevano redatto il fallimentare test.

Il ritornello che continua ad abbindolare un po’ tutti è che il concorso si farà, che il 24 settembre uscirà il bando ufficiale e sarà tutto più chiaro, che è il primo concorso dopo 13 anni e creerà sicuramente nuovi posti di lavoro; tutto vero non fosse altro che i mirabolanti numeri proposti all’inzio, 11.892 nuovi posti e 22.000 assunzioni attinte dal faraonico elenco dei 180.000 precari in graduatoria ad esaurimento, abbiano conosciuto progressivamente revisioni al limite del surreale.

Surreale che si è sfiorato anche quando il ministro ha dichiarato che dalla cadenza biennale dei concorsi si sarebbe passati ad una annuale fino al 2015 per normalizzare la situazione e consentire il maggior numero di ingressi possibili, cosa che non è del tutto vera perché il numero magico di 11.892 nuovi posti in realtà è da spalmare, come riportato da Italia Oggi, in questo modo;  6 mila nel 2013, 3 mila nel 2014 e un po’ più di 2.500 nell’anno successivo.

Dunque in 3 anni, se i numeri saranno confermati ci saranno meno assunzioni anche del periodo in cui il ministero era gestito dalla criticatissima Gelmini; infatti basti dire che se i posti disponibili sono 12.000 circa per i candidati al concorso, sono il medesimo numero per quei futuri docenti che provengono dalle graduatorie, quindi non più 22.000 come detto all’inizio, ma 24.000 da spalmare anche questi in 3 anni, a fronte degli 86.000 messi in ruolo, in un periodo di tempo equivalente, dal precedente ministero.

La pubblicizzata manovra di ringiovanimento della scuola rischia così di essere un bluff perché, di fatto, la scansione con cui verranno effettuate le assunzioni corrisponde ad un vero e proprio blocco delle immissioni in ruolo, ma c’è di più, non essendo cambiata la legge vigente si potranno candidare al concorso solo i laureati entro il 2004, oltre a tutti coloro in possesso dell’abilitazione, quindi saranno tagliati fuori tutti i giovani laureati e anche quell’ampio bacino di 30.000 laureati che stanno ottenendo l’abilitazione mediante il percorso del Tfa.

Quest’ultimi si potranno giocare le loro chances durante la prossima primavera, a maggio, ma c’è un piccolo problema: il concorso appena bandito ha valenza triennale, dunque l’abilitazione conseguita a concorso finito ha valore, praticamente, simbolico; dopo il danno di immagine che il Tfa ha procurato all’istruzione italiana anche la beffa di arrivare fuori tempo utile, del resto si sa quale sia stato il reale “utile” del test, quello economico per lo stato e le università.

Questa situazione, sconosciuta ai più perché coperta dal clamore del futuro bando di concorso, non è sfuggita però ai sindacati che sono in costante trattativa con il ministero per ottenere una ripartizione dei posti di lavoro più giusta e mirata ai reali bisogni dei lavoratori della cultura. E’ proprio per questo motivo che il 21 settembre, in tutte le città italiane, i lavoratori precari della conoscenza, delle scuole, delle università, degli enti di ricerca, dei conservatori e delle accademie celebreranno ‘il giorno del merito’, iniziativa con cui si vuole ricordare i meriti e i diritti acquisiti di un’intera generazione di docenti e ATA, le competenze e le conoscenze, le esperienze e i progetti per una scuola migliore, di qualità. Ci saranno presìdi davanti alle Prefetture e alle Regioni, assemblee aperte,eventi serali.

Questa iniziativa è organizzata dai Coordinamenti precari FLC CGIL e delle sedi provinciali, inoltre per il giorno dopo, il 22 settembre, è prevista una manifestazione nazionale indetta per salvaguardare i diritte dei precari della scuola; la stagione di scioperi e proteste che sembrava conclusa con la fine dell’ultima legislatura Berlusconi torna a riaffacciarsi nello scenario italiano, giustamente, visto che anche ciò che sembra un provvedimento a favore della popolazione rischia di essere l’ennesima subdola manovra demagogica di campagna elettorale.


Pubblicato da il 14 settembre 2012 alle 10:09 in Scuola
Tags: , , , , , , , , ,


1 Commento per Concorso scuola 2012: Profumo di confusione, i conti non tornano

  1. Pingback: Concorso scuola: bando previsto per il 24 settembre… « IL GHIGNO

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Alessandro Camillini

filologo, storico

Rss Feed Facebook LinkedIn Twitter


concorsi a cattedre 2012

Articoli dello stesso autore

Scuola 7 febbraio 2014, 07:36

Concorso scuola 2014; ecco perché si può fare

Concorso scuola 2014; la speranza dei docenti precari dopo il comunicato del Miur

Auto e Fisco 7 ottobre 2013, 17:30

Leasing,flotte,fisco e mercato auto:Intervista al direttore vendite di Nissan

Intervista ad Alberto Sabatino, Direttore Corporate Sales di Nissan

Navigazione 16 settembre 2013, 09:35

Costa Concordia:la diretta streaming del recupero

Costa Concordia: la diretta streaming del salvataggio

Scuola 10 settembre 2013, 10:09

Decreto Scuola: Miracolo Carrozza. 85 mila assunti in 3 anni

85 mila assunzioni nella scuola nei prossimi 3 anni

Scuola 6 settembre 2013, 15:43

Scuola; previste assunzioni in ruolo ma mancano le coperture

Novità positive per il mondo della scuola, ma mancano i fondi


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su