Speciale riforma PA

altre giustizie 9 settembre 2012, 11:51

Texas: si può giustiziare un disabile mentale?

Un 54enne giustiziato nonostante la sua patologia. E la corte Suprema non è intervenuta


Il Texas è famoso per il rodeo, i cactus, il deserto e i giacimenti petroliferi; lo è anche, ma più tristemente, per il presidente con la W e la pena di morte, vero e proprio emblema dello stato federale. La statistica dice che, solo quest’anno, sono già 7 i giustiziati nel Texas mediante pena di morte e che, in linea di massima, è lo stato in cui viene applicata con maggior rigore e continuità.

A ben guardare la legislazione locale, perché negli U.S.A è così, ogni Stato ha la sua e vale entro i propri confini territoriali, sono numerosi, forse eccessivi, i crimini per cui si rischia di essere giustiziati; per omicidio di un agente di pubblica sicurezza o di un pompiere, per omicidio durante un rapimento, rapina, violenza sessuale aggravata, incendio doloso, un’ostruzione o una rappresaglia, un’evasione dal carcere, per omicidio al fine di remunerazione o per aver ucciso un impiegato di un istituto correzionale. Sono poi condannati al “miglio verde” tutti quei detenuti che commettono omicidio in carcere e stanno scontando pene per omicidio, rapimento aggravato, violenza sessuale aggravata, furto aggravato; chiaramente è contemplata l’esecuzione anche per chi uccide un minore di 6 anni.

E’ evidente che questa casistica presenta un’ambiguità nella discrezionalità degli eventi che possono condurre alla pena di morte. Forse che uccidere un bambino di 8 anni è meno grave rispetto ad uno di 6, appiccare un fuoco perché magari si è incoscienti e giovani è un errore da scontare con la propria vita? Sono solo due considerazioni, banali ed immediate, ma con più attenzione se ne potrebbero desumere tante altre, e dire che questo metodo, nato al fine di scoraggiare il crimine, non ha mai sortito gli effetti sperati perché il Texas è il quarto stato, sui 51 americani, col più alto tasso di omicidi; dunque un fallimento questa sistematica applicazione della pena.

Un fallimento ancor più lampante se i soggetti su cui viene eseguita sono addirittura invalidi mentalmente, non raggiungono cioè, secondo le perizie psichiatriche disposte, un Q.I. minimo (70) per essere ritenuti capaci di intendere e di volere. E’ stato il caso di Marvin Wilson, 54enne afro americano che ad agosto ha perso la vita nell’esecuzione che gli era stata predisposta per aver ucciso nel 1992 Jerry Williams, un informatore della polizia.

La vicenda non è del tutto chiara,   Wilson aveva un complice, tale Terry Lewis, che però ha potuto contare sulla testimonianza della moglie che ha incastrato Wilson; tuttavia prove a carico di questa tesi non sono mai emerse, non solo ma l’uomo si è sempre dichiarato innocente ma soprattutto non in grado mentalmente di compiere un atto del genere, visto l’esito della perizia psichiatrica (soli 61 punti di Q.I.). Dunque un caso controverso, ricco di zone d’ombra dove è facile scorgere cavilli a cui aggrapparsi e dubbi nei quali cadere, eppure, l’implacabilità della legge texana non ha fatto sconti, e così un altro uomo se ne è andato gettato a croce sul lettino dell’iniezione letale.

Non è il primo disabile che viene “immolato”, era già successo, a metà luglio, a Yokamon Hearn, 34enne affetto da alcolismo fetale. La questione non è solamente etica ma, soprattutto, giuridica in quanto nel 2002 la Corte Suprema americana ha deciso di vietare l’esecuzione di condannati con disabilità mentali, quindi sarebbero incostituzionali queste due esecuzioni, anche se c’è una postilla che di fatto rende vano questo nobile provvedimento: i giudici americani, infatti, hanno stabilito che siano i singoli Stati a decidere che cosa costituisca “disabilità”.

Un criterio decisamente troppo elastico e soggettivo per pensare che si possa applicare correttamente ad una tematica così delicata come l’esecuzione capitale, ma questi sono gli U.S.A., il Paese del mito della frontiera e delle grandi contraddizioni.


Pubblicato da il 9 settembre 2012 alle 11:09 in altre giustizie
Tags: , , , ,


1 Commento per Texas: si può giustiziare un disabile mentale?

  1. E’ pazzesco !!! Come psicoanalista con Tirocinio in Psichiatria è accertato che uno schizofrenico può essere molto pericoloso, ma non imputabile, poichè se la voce gli comanda di uccider lui lo fa senza neppure conoscere la persona, se è un paranoico può delirare che un passante sia un Killer mandato dalla CIA per ucciderlo e così uccide per “Difesa” I farmaci sono utili per calmare i deliri, ma spesso, una volta fuori non li prendono e così sono preda di deliri e allucinazioni, ma assolutamente privi di un esame di realtà, non chè coscenti di fare del male! Debbono essere uccisi perchè malati o perchè è il modo più veloce e drastico per eliminare un pericolo per la Società???
    Dr. Gianna Porri
    Psicoanalista
    Terapia Breve Focale
    Medicina Psicosomatica

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Alessandro Camillini

filologo, storico

Rss Feed Facebook LinkedIn Twitter


Articoli dello stesso autore

Scuola 7 febbraio 2014, 07:36

Concorso scuola 2014; ecco perché si può fare

Concorso scuola 2014; la speranza dei docenti precari dopo il comunicato del Miur

Auto e Fisco 7 ottobre 2013, 17:30

Leasing,flotte,fisco e mercato auto:Intervista al direttore vendite di Nissan

Intervista ad Alberto Sabatino, Direttore Corporate Sales di Nissan

Navigazione 16 settembre 2013, 09:35

Costa Concordia:la diretta streaming del recupero

Costa Concordia: la diretta streaming del salvataggio

Scuola 10 settembre 2013, 10:09

Decreto Scuola: Miracolo Carrozza. 85 mila assunti in 3 anni

85 mila assunzioni nella scuola nei prossimi 3 anni

Scuola 6 settembre 2013, 15:43

Scuola; previste assunzioni in ruolo ma mancano le coperture

Novità positive per il mondo della scuola, ma mancano i fondi


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su