In un periodo in cui l’abrogazione delle tariffe professionali è argomento centrale, sono moltissimi gli avvocati in seria difficoltà per la riscossione delle parcelle. In tempo di crisi, infatti, percepire il compenso dovuto dal proprio assistito o dalla parte soccombente non è più il naturale epilogo dello svolgimento dell’attività professionale e sempre più spesso, ci si trova costretti a procedere con l’ingiunzione di pagamento.

Nonostante la legge preveda anche un procedimento speciale “agevolato” per la liquidazione delle prestazioni giudiziali civili (art. 29 Legge 13 giugno 1942, n. 794) e, comunque, l’avvocato può sempre scegliere di procedere con decreto ingiuntivo, riuscire ad ottenere il quantum dovuto non è impresa semplice. A conferma di ciò, una recentissima sentenza della Cassazione Civile, n. 7764/2012 depositata il 17 maggio scorso la quale, pur non stravolgendo ma semplicemente riconfermando gli orientamenti giurisprudenziali costanti, sottolinea e ribadisce alcune posizioni in merito alla liquidazione di diritti e onorari del procedimento.

Tre i punti chiave della decisione: in primo luogo, la Corte ridimensiona il ruolo del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati. Se infatti la parcella corredata dal parere di conformità assume il valore di prova privilegiata ed è vincolante per il Giudice chiamato a pronunciare l’ingiunzione, tale valore viene facilmente vanificato dalla semplice opposizione ex art. 645 c.p.c. proposta dal convenuto.

In questo caso la parcella, finanche vidimata dal Consiglio dell’Ordine, assume il valore di semplice dichiarazione unilaterale del professionista, con conseguente inversione dell’onere della prova in merito alla effettività della prestazione, all’applicazione delle tariffe e alla rispondenza delle stesse, valutazione tra l’altro lasciata al libero apprezzamento del giudice.

Ma c’è di più. In seconda battuta la Corte afferma che la valenza probatoria della parcella corredata dal parere dell’Ordine può essere vanificata in sede di opposizione con una “contestazione anche di carattere generico“, la quale “è idonea e sufficiente ad investire il giudice del potere-dovere di dar corso alla verifica della fondatezza della contestazione e, correlativamente, a far sorgere per il professionista l’onere probatorio in ordine tanto all’attività svolta quanto alla corretta applicazione  della pertinente tariffa“.

Secondo la Suprema Corte, quindi, il parere del Consiglio dell’Ordine non ha valore di certificazione amministrativa e non esonera il professionista dal provare il fondamento della sua pretesa, anche in assenza di contestazione specifica.

Da ultimo, la Suprema Corte sottolinea nuovamente la poca importanza della vidimazione del Consiglio dell’Ordine anche in merito alla’applicazione dello scaglione tariffario: l’attestazione, infatti, non fa presumere la veridicità del valore della causa indicato dal professionista, dichiarazione che va verificata e valutata in relazione al grado di accoglimento delle domanda.

Richiamando i principi ex art. 6 D.M. 392/1990, la Corte ricorda che nell’ipotesi dell’accoglimento parziale, nella liquidazione degli onorari a carico del soccombente, nel giudizio per pagamento somme, il valore della causa va calcolato facendo riferimento “alla somma attribuita alla parte vincitrice, piuttosto che quella domandata. In caso di rigetto della domanda, il valore della controversia è determinato dalla somma richiesta, salvo il potere di compensazione, ipotesi riferita alla liquidazione a favore del convenuto vittorioso“.

In conclusione, il professionista che non riesce ad ottenere il compenso, pur decidendo di affidare all’autorità del proprio Ordine di appartenenza la vidimazione della parcella, non è esente dal rischio di vedersi ridotto il compenso e, soprattutto, di dover affrontare le lungaggini di un procedimento ordinario.

Qui il testo integrale della sentenza n. 7764 del 17 maggio 2012


CONDIVIDI
Articolo precedenteDonazione tra ex, la Cassazione fa… confusione!
Articolo successivoSua Eccellenza Ministro del licenziamento
Silvia Surano
Umbra di nascita ma non di origini, ho conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l'Università di Perugia. Il titolo di avvocato, conquistato con forte determinazione, è stato per me un punto di partenza, una grande responsabilità e, soprattutto, un onore che ogni giorno devo dimostrare di aver meritato con lo studio costante, l’impegno, la dedizione. Mi occupo di diritto civile ed amministrativo, coltivando la passione per i profili giuridici legati all'uso di internet e delle nuove tecnologie. Amo il lavoro di squadra e la collaborazione. La mia felicità è la consapevolezza di avere qualcosa di prezioso: sani principi, entusiasmo, una famiglia meravigliosa a sostenere il mio cammino, persone importanti e luoghi più o meno lontani dove sentirmi a casa.

7 COMMENTI

  1. Gentile Avvocato,
    è da quasi 5 anni che ho conferito procura al mio legale per un divorzio, che è sfociato poi con una revisione delle condizioni divorzili; a far data dal 2012 il mio avvocato ha già percepito da me ca 10 ml euro.
    Quest’anno il mio ex marito ha riproposto un ricorso in Cassazione per reclamare l’ultimo dispositivo, per farla breve si è concluso con un intervento che ha visto la firma di un accordo a tre (compresa la figlia ormai maggiorenne). A conclusione di questo ultimo tranche di lavoro il mio legale ha emesso pro forma pari a € 3.647,00 senza alcun dettaglio. Ad oggi non ho ancora onorato la notula e non ho intenzione, in quanto mi sembra fuori misura.
    Come mi posso comportare? Grazie infinite

  2. Gentile Avv. Surano
    Un legale del suo distretto (perugia) mi ha rappresentato in una causa civile che si e’ conclusa con il risarcimento di un danno. Il mio difensore si è dichiarato antistatario ed ha avuto pagato il compenso direttamente dalla parte soccombente nella misura stabilita dal giudice in sentenza.
    Ora vuole pagato una somma di pari importo anche da me, mi ha sollecitato piu’ volte e mi ha preannunciato un decreto ingiuntivo.
    Ora io penso che questa sia un autentico ricatto estorsione perche’

    1. per 4 5 udienze di causa civile ordinaria senza perizie e testimonianze lui ha percepito circa 10.000 euro e non gli bastano
    2. il giudice che ha deciso la causa ha deciso che quello è il compenso che gli spetta entro il limite minimo della tariffa.

    Io temo che pur avendo ragione da vendere possa essere stritolato dal sistema giudiziario vessatorio nei confronti del cliente-cittadino.
    Da chi mi dovrei far difendere in caso di controversia giudiziaria? da un avvocato? e l’avvocato naturalmente andrà a favore di chi? della sua categoria o del cliente che ha osato metterersi contro la lobby degli avvocati?

  3. avvocato Surano buongiorno,
    sono stato difeso da 2 avvocati per una causa che ho perso e che mi vede costretto a pagare 8000 euro…
    purtroppo le parcelle dei 2 avvocati arrivano ad un totale di 10.000 euro!!!! non le potrò pagare. da tener presente che le parcelle mi sono state presentate a fine lavori!! ovvero dopo un anno e mezzo!!! posso rivalermi in qualche modo?
    grazie

  4. Vorrei contestare la parcella del mio avvocato, fittiziamente, anche di 1 centesimo, solo per riempire il Giudice, di “cartacce”.
    Come lo faccio ?
    Urgente.
    P.S. Rispondere, direttamente, al: luca.grassi.68@gmail.com

SCRIVI UN COMMENTO