Speciale Jobs Act

Professioni 25 maggio 2012, 11:31

Parcella dell’avvocato: quanto conta il parere dell’Ordine?

La generica contestazione può vanificare il parere del Consiglio dell’Ordine degli avvocati


In un periodo in cui l’abrogazione delle tariffe professionali è argomento centrale, sono moltissimi gli avvocati in seria difficoltà per la riscossione delle parcelle. In tempo di crisi, infatti, percepire il compenso dovuto dal proprio assistito o dalla parte soccombente non è più il naturale epilogo dello svolgimento dell’attività professionale e sempre più spesso, ci si trova costretti a procedere con l’ingiunzione di pagamento.

Nonostante la legge preveda anche un procedimento speciale “agevolato” per la liquidazione delle prestazioni giudiziali civili (art. 29 Legge 13 giugno 1942, n. 794) e, comunque, l’avvocato può sempre scegliere di procedere con decreto ingiuntivo, riuscire ad ottenere il quantum dovuto non è impresa semplice. A conferma di ciò, una recentissima sentenza della Cassazione Civile, n. 7764/2012 depositata il 17 maggio scorso la quale, pur non stravolgendo ma semplicemente riconfermando gli orientamenti giurisprudenziali costanti, sottolinea e ribadisce alcune posizioni in merito alla liquidazione di diritti e onorari del procedimento.

Tre i punti chiave della decisione: in primo luogo, la Corte ridimensiona il ruolo del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati. Se infatti la parcella corredata dal parere di conformità assume il valore di prova privilegiata ed è vincolante per il Giudice chiamato a pronunciare l’ingiunzione, tale valore viene facilmente vanificato dalla semplice opposizione ex art. 645 c.p.c. proposta dal convenuto.

In questo caso la parcella, finanche vidimata dal Consiglio dell’Ordine, assume il valore di semplice dichiarazione unilaterale del professionista, con conseguente inversione dell’onere della prova in merito alla effettività della prestazione, all’applicazione delle tariffe e alla rispondenza delle stesse, valutazione tra l’altro lasciata al libero apprezzamento del giudice.

Ma c’è di più. In seconda battuta la Corte afferma che la valenza probatoria della parcella corredata dal parere dell’Ordine può essere vanificata in sede di opposizione con una “contestazione anche di carattere generico“, la quale “è idonea e sufficiente ad investire il giudice del potere-dovere di dar corso alla verifica della fondatezza della contestazione e, correlativamente, a far sorgere per il professionista l’onere probatorio in ordine tanto all’attività svolta quanto alla corretta applicazione  della pertinente tariffa“.

Secondo la Suprema Corte, quindi, il parere del Consiglio dell’Ordine non ha valore di certificazione amministrativa e non esonera il professionista dal provare il fondamento della sua pretesa, anche in assenza di contestazione specifica.

Da ultimo, la Suprema Corte sottolinea nuovamente la poca importanza della vidimazione del Consiglio dell’Ordine anche in merito alla’applicazione dello scaglione tariffario: l’attestazione, infatti, non fa presumere la veridicità del valore della causa indicato dal professionista, dichiarazione che va verificata e valutata in relazione al grado di accoglimento delle domanda.

Richiamando i principi ex art. 6 D.M. 392/1990, la Corte ricorda che nell’ipotesi dell’accoglimento parziale, nella liquidazione degli onorari a carico del soccombente, nel giudizio per pagamento somme, il valore della causa va calcolato facendo riferimento “alla somma attribuita alla parte vincitrice, piuttosto che quella domandata. In caso di rigetto della domanda, il valore della controversia è determinato dalla somma richiesta, salvo il potere di compensazione, ipotesi riferita alla liquidazione a favore del convenuto vittorioso“.

In conclusione, il professionista che non riesce ad ottenere il compenso, pur decidendo di affidare all’autorità del proprio Ordine di appartenenza la vidimazione della parcella, non è esente dal rischio di vedersi ridotto il compenso e, soprattutto, di dover affrontare le lungaggini di un procedimento ordinario.

Qui il testo integrale della sentenza n. 7764 del 17 maggio 2012



Pubblicato da il 25 maggio 2012 alle 11:05 in Professioni
Tags: , , ,


1 Commento per Parcella dell’avvocato: quanto conta il parere dell’Ordine?

  1. Pingback: refLex – Istantanee di vita forense – Il blog di Silvia Surano Parcella dell’avvocato: quanto conta il parere dell’Ordine?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Silvia Surano

avvocato, blogger

Rss Feed Facebook LinkedIn Twitter


Articoli dello stesso autore

Appalti pubblici Tecnologia 9 ottobre 2013, 09:00

Firma digitale: sufficiente anche senza il documento di identità

Il 20 settembre scorso il Consiglio di Stato si è pronunciato in merito alla validità della firma digitale nelle procedure di gara telematiche

Commerciale 25 gennaio 2013, 13:30

Concorsi a premio: una disciplina da rivedere?

D.P.R. 430/2001: una normativa spesso ignorata, a volte aggirata, tra ostacoli e difficoltà interpretative

Processo Amministrativo 23 gennaio 2013, 09:30

Giustizia Amministrativa: oggi l’udienza contro delibera su assegnazione interna delle cause

E’ scontro tra i giudici amministrativi sulle delibere del CPGA sui criteri di riparto del carico di lavoro tra i magistrati delle varie sezioni dei TAR

Processo Amministrativo 8 gennaio 2013, 00:01

Processo Amministrativo: come cambiano le impugnazioni dopo i due correttivi al codice

Tutte le novità apportate al Libro Terzo del Codice del Processo Amministrativo (Decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104) dai due decreti correttivi

Avvocati 26 novembre 2012, 09:32

Riforma forense, le reazioni di praticanti e studenti

In un momento difficile e di grande tensione, studenti e praticanti, diretti interessati da molte modifiche dell’ordinamento professionale, non restano a guardare e inviano una lettera al Senato con riflessioni, perplessità e proposte


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su