La Commissione Lavoro del Senato ha approvato in via definitiva diverse, importanti modifiche al ddl lavoro: tra queste, in particolare si segnalano il salario base per i lavoratori co.co.pro, il nuovo parametro per stabilire le false partite Iva e le modifiche all’articolo 18 per quel che riguarda il reintegro dei lavoratori licenziati per motivi disciplinari. Le partite Iva vere saranno quelle con reddito annuo lordo tra i 17 e i 18 mila euro mentre resta fermo lo scoglio dei voucher dei lavoratori agricoli, vero problema di fondo di tutto il processo di modifica visto che non c’è visione univoca tra Ministero dell’Agricoltura e del Welfare.


SCRIVI UN COMMENTO