I candidati ad un concorso pubblico che non svelano il nome di chi gli ha fornito, in anticipo, le informazioni sui titoli dei temi della prova per l’esame di ammissione, rischiano la condanna per favoreggiamento.

E’ quanto afferma la Suprema Corte di Cassazione che, con la sentenza 18.943/2012, ha confermato la condanna nei confronti di una signora di Trapani che partecipava a un concorso per 72 posti di lavoro come infermieri professionali presso l’ospedale cittadino.

La donna era stata trovata in possesso di tutte le tracce per i temi della prova di ammissione, ma non aveva voluto svelare il nome di chi gliele avesse fornito in anticipo.

In primo grado il Tribunale di Trapani, il 13 luglio 2009, aveva condannato la donna, sentenza confermata anche dalla Corte d’appello di Palermo il 25 ottobre 2011.

La candidata “omertosa” si era difesa, innanzi ai supremi giudici, sostenendo che, in realtà quelli che lei aveva in mano erano solo “gli argomenti maggiormente a rischio di concorso” e che, pertanto, “mancherebbe la prova” del favoreggiamento.

La Cassazione tuttavia ha sottolineato “l’esatta corrispondenza di tutti i titoli dei temi anticipati dall’imputata” con quelli effettivamente usciti. Ma non solo. I supremi giudici le hanno anche rimproverato la sua “consapevole condotta omissiva nella catena di causalità che ha impedito l’accertamento della fonte delle informazioni illecite”.

La donna è stata anche condannata a versare mille euro alla Cassa delle Ammende.


SCRIVI UN COMMENTO