Speciale riforma PA

Diritto d'autore 3 maggio 2012, 18:31

Corte di Giustizia UE, non c’è copyright sullo studio di un software

Non vi è lesione del diritto d’autore laddove il legittimo acquirente della licenza si è limitato a studiare, ad osservare e a sperimentare il programma per riprodurne la funzionalità in un secondo programma


È escluso che possa essere tutelata dal diritto d’autore la funzionalità di un programma per computer e il linguaggio di programmazione utilizzato. Chi acquista la licenza ha, almeno in linea di principio, il diritto di osservarne, studiarne o sperimentarne il funzionamento per individuare le idee e i principi che sono del programma.

È quanto affermato dalla Grande sezione della Corte di giustizia europea con la sentenza pronunciata il 2 maggio nella causa 406/10.

L’importante pronuncia trae spunto da una controversia nata in Inghilterra tra la società SAS Institute Inc. e la società World Programming Ltd.

La prima aveva sviluppato il Sistema SAS, un insieme integrato di programmi che consente agli utenti di effettuare operazioni di elaborazione e di analisi di dati. Il componente centrale del sistema è denominato Base S e permette agli utenti di scrivere ed eseguire applicazioni («script») scritte nel linguaggio di programmazione S.

La società WPL si era resa conto che c’erano tuttavia potenziali spazi di mercato per un software alternativo in grado di eseguire applicazioni scritte in linguaggio S e aveva pertanto creato il World Programming System (WPS). Quest’ultimo emulava molte delle funzionalità dei moduli SAS nel senso che, con minime eccezioni, la WPL aveva cercato di garantire che i medesimi input (dati inseriti nel sistema) generassero gli stessi output (dati in uscita). Ciò avrebbe consentito agli utenti del sistema SAS di poter utilizzare in «World Programming System» gli script che essi avevano sviluppato per un impiego con il sistema SAS.

Per creare il suo programma la società W. aveva legalmente acquistato copie della versione per l’apprendimento del sistema S., fornite su licenza in base alla quale i diritti del titolare erano limitati a fini non di produzione.

Il SAS Institute aveva però instaurato un’azione legale dinanzi alla High Court of Justice diretta a far dichiarare che la WPL avesse copiato i manuali e i moduli del sistema SAS, violando i relativi diritti d’autore e i termini della licenza della versione per l’apprendimento.

Da qui, la questione posta alla Corte di giustizia in merito alla portata della tutela giuridica apprestata dal diritto dell’Unione per i programmi per elaboratore, chiedendo, in particolare, se detta tutela si estenda alla funzionalità e al linguaggio di programmazione.

La W. ha in altre parole utilizzato e studiato i programmi di S. per comprenderne il funzionamento, ma non ha mai avuto accesso al codice sorgente dei moduli S. nè è possibile affermare che lo abbia copiato.

La Corte di Giustizia rileva come l’oggetto della tutela conferita dalla direttiva 91/250 sia il programma per elaboratore in tutte le sue forme di espressione, quali il codice sorgente e il codice oggetto, che consentono di riprodurlo in diversi linguaggi informatici. Non costituiscono invece una forma di espressione né la funzionalità di un programma, né il linguaggio di programmazione e il formato dei file di dati utilizzati nell’ambito di un programma per sfruttare talune delle sue funzioni. Di conseguenza, essi non godono della tutela in base al diritto d’autore.

Pertanto, per i giudici europei, il titolare del diritto d’autore su un programma informatico non può impedire, fondandosi sul contratto di licenza, che l’acquirente di tale licenza osservi, studi o sperimenti il funzionamento dello stesso al fine di determinare le idee e i principi su cui si basa ogni elemento di quel programma, quando egli effettua operazioni coperte da tale licenza nonché le operazioni di caricamento e svolgimento necessarie all’utilizzazione del programma e a condizione che non leda i diritti esclusivi del titolare del diritto d’autore sul programma. Inoltre non vi è alcuna lesione del diritto d’autore laddove, come nella fattispecie, il legittimo acquirente della licenza non ha avuto accesso al codice sorgente del programma, ma si è limitato a studiare, ad osservare e a sperimentare tale programma per riprodurne la funzionalità in un secondo programma.

La Corte Ue constata infine che la riproduzione, in un programma per elaboratore o nel manuale d’uso del programma informatico, di taluni elementi descritti nel manuale d’uso di un altro programma tutelato dal diritto d’autore può costituire una violazione del diritto d’autore su quest’ultimo manuale qualora tale riproduzione costituisca l’espressione della creazione intellettuale propria dell’autore del manuale. Spetterà al giudice del rinvio accertare se l’asserita riproduzione costituisce l’espressione della creazione intellettuale propria dell’autore del manuale d’uso del programma informatico, tutelata dal diritto d’autore .

La Corte ha ricordato che la direttiva sulla tutela giuridica dei programmi per elaboratore «estende la tutela conferita dal diritto d’autore a tutte le forme di espressione della creazione intellettuale propria dell’autore di un programma per elaboratore».   Quindi, «le idee e i principi alla base di qualsiasi elemento di un programma» di software – «compresi quelli alla base delle sue interfacce – non sono tutelati dal diritto d’autore a norma della stessa direttiva». Per questo, «solo l’espressione di tali idee e di tali principi deve essere protetta dal diritto d’autore». Sulla base di queste considerazioni, la Corte «considera che non costituiscono una forma di espressione nè la funzionalità di un programma, nè il linguaggio di programmazione e il formato dei file di dati utilizzati nell’ambito di un programma per sfruttare alcune delle sue funzioni. Di conseguenza, essi non godono della tutela in base al diritto d’autore».

Qui il testo integrale della sentenza 2 maggio 2012,  Cgue, Grande Sezione, Causa C-406/10.



Pubblicato da il 3 maggio 2012 alle 18:05 in Diritto d'autore
Tags: , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Scuola 29 luglio 2014, 15:43

Secondo Ciclo Tfa 2014: errori, risultati e risposte corrette ai test

Chiude il test preselettivo del Secondo ciclo: polemiche ed errori

Salute 29 luglio 2014, 13:46

Manager Sanità in Sicilia. Perché Enna no

Parla il manager designato, Calogero Muscarnera

Cultura 29 luglio 2014, 12:14

Il decreto cultura è legge: agevolazioni fiscali e nuovi orari musei

Approvato in Senato il decreto Franceschini. Il testo

Amministrativo 29 luglio 2014, 07:54

Riforma PA, voto di fiducia. Così sarà la pensione dei Quota 96

Testo blindato. Cosa troveranno i Quota 96 nell’assegno Inps

Scuola 28 luglio 2014, 16:01

Miur, novità sulle graduatorie: criteri per assunzioni da settembre

Nota del ministero sulle assunzioni via graduatoria da qui al 2016


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su