Speciale riforma PA

Flash 24 aprile 2012, 00:10

Norme anticorruzione in accelerazione

Gli emendamenti sulle politiche di prevenzione verranno presentati direttamente in aula, annuncia il ministro Patroni Griffi. Sindacati preoccupati per il ventilato taglio del personale nell’amministrazione dell’Interno


L’approvazione del disegno di legge ‘anticorruzione’ dipende dal Parlamento: il Governo ha fatto la sua parte. E’ quanto ha affermato il ministro per la Funzione Pubblica e la Semplificazione, Filippo Patroni Griffi, in occasione di un convegno sul ddl anticorruzione. “Credo che ormai ci siamo – ha detto – il ministro di Grazia e Giustizia, Paola Severino, ha presentato l’emendamento sulla repressione, la parte penale, e per quanto riguarda gli emendamenti sulle politiche di prevenzione verranno presentati direttamente in aula perche’ il disegno di legge era gia’ fase avanzata quindi non era possibile presentarli in commissione”.

Sui tempi di approvazione, il ministro ha chiarito che la questione riguarda piu’ il Parlamento che il Governo. Rispondendo a chi chiedeva se la legge arrivera” in tempi brevi, Patroni Griffi ha affermato: “Immagino di si’, dipendera’ dalla calendarizzazione che verra’ fatta in Parlamento, con la presentazione degli emendamenti da parte del ministro Severino il governo e’ pronto”. Il ministro si è anche soffermato sulle prese di posizione assunte in questi giorni da altri membri dell’Esecutivo in merito alla spending review e quindi ai tagli alla spesa pubblica (ieri il ministro dell’Intero Cancellieri ha affermato che vuole ridurre di un decimo i dipendenti dell’amministrazione dell’interno), sostenendo che il cuore della “spending review” non e’ la riduzione dei dipendenti pubblici ma la razionalizzazione dell’organizzazione della macchina statale e della spesa pubblica. Il ministro ha reso noto che si e’ ancora nella fase di esame anche se a livello avanzato. “Stiamo progressivamente andando al concreto, e’ evidente – ha affermato – che si discute sui singoli aspetti e sulle singole misure. Credo che il punto della situazione lo faremo a breve, non siamo ancora pronti per farlo ma potremo farlo a breve. Continuo a pensare che per rendere strutturale la riduzione della spesa ed evitare tagli casaccio – tagli lineari – e’ importante incidere sulla struttura delle amministrazioni, sulla riorganizzazione delle amministrazioni in modo che poi si possano avere servizi pubblici erogati in maniera funzionale ed economica, il che non significa massicci licenziamenti”. Riguardo poi ai tagli di personale nella Pubblica Amministrazione, il titolare del dicastero di Palazzo Vidoni, e’ molto cauto. “Parlare di questi prima di avere i dati sulla riorganizzazione, sui servizi, sul fabbisogno e sulle eccedenze credo che sia poco serio. Prima di tagliare il personale ci sono due anni per riqualificarlo e ricollocarlo in funzioni produttive”. Il disegno di legge anticorruzione e’ “un primo passo, che deve essere incrementato nella parte amministrativa”, ha affermato il presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino. Giampaolino, ha definito il disegno di legge anticorruzione “un primo passo, che deve essere incrementato nella parte amministrativa”, facendo presente che si tratta “di un buon inizio” e riconoscendo che al ministro della Giustizia, Paola Severino, “va dato atto di essere stata una delle prime penaliste ad essersi interessata di questa materia”. “Il problema della corruzione – ha aggiunto – e’ di un intervento sistematico amministrativo che riguardi le pubbliche amministrazioni, fin dal momento della formazione dei funzionari, anzi fin dal momento in cui si assumono i pubblici dipendenti”. Riguardo poi ad un eventuale ripristino della normativa sul falso in bilancio, Giampaolino ha risposto che “il falso in bilancio ancorche’ un reato formale e’ comunque un reato che, come altri aspetti di illeciti formali, tutela dei valori in se’, che sono i valori del corretto modo di essere dei mercati e della concorrenza”.

La Uil, commentando le parole della Cancellieri, si dice nel frattempo preoccupata sulla “reale volonta’ del Governo di sviluppare il confronto con le Organizzazioni sindacali sull’efficienza e la qualita’ del lavoro pubblico”. In una nota il segretario confederale Paolo Pirani dice: “avevamo inteso dal ministro Patroni Griffi che non vi erano provvedimenti in arrivo per il pubblico impiego, in quanto era in corso un tavolo di confronto con le Organizzazioni sindacali. Questa mattina (ieri, ndr) viene annunciata dall’autorevolissimo ministro degli Interni la presentazione di un piano per tagliare un dipendente su dieci nel Ministero di sua competenza, facendo anche uso di presunti pensionamenti anticipati (sarebbe da chiedersi, in tempi di esodati, quanto praticabili) e rinunciando a quelle assunzioni che pure la legge permetterebbe”. Pirani conferma, infine, “tutte le nostre preoccupazioni sulla reale volonta’ del Governo di sviluppare utilmente il confronto con le Organizzazioni sindacali sull’efficienza e la qualita’ del lavoro pubblico”.

 

Fortunato Laurendi


Pubblicato da il 24 aprile 2012 alle 00:04 in Flash
Tags:


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Fisco 24 ottobre 2014, 16:11

Spesometro 2015, torna il volto feroce del fisco sui controlli Iva

In legge di stabilità 2015 la nuova strategia anti evasione delle Entrate

Economia 24 ottobre 2014, 11:33

Legge di stabilità 2015, ok di Napolitano: il testo alle Camere

Cambia il bonus bebè, chiarimenti Irpef sul Tfr in busta paga

Edilizia 24 ottobre 2014, 09:40

Riforma del catasto, cambiano le classificazioni. Decreto in arrivo

L’Agenzia delle Entrate cambia categoria a migliaia di abitazioni

Giustizia 24 ottobre 2014, 08:06

Riforma della giustizia, sì in Senato al maxiemendamento

OK alla fiducia. I punti principali: divorzio breve, negoziato, magistrati

Professioni 23 ottobre 2014, 16:21

Esame avvocato 2014: bando, requisiti, domande e date scritti

Tutto sull’esame di Stato per l’abilitazione alla professione


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su