Speciale riforma PA

Politica 14 aprile 2012, 09:30

Partitocrazia all’italiana…

…tra atavici vizi pubblici e sporadiche virtù private


Meglio tardi che mai!

Dopo 20 lunghi anni dall’implosione della 1° Repubblica, il cui epilogo viene oggi individuato nei libri di storia con l’ossimoro “tangentopoli”, e dopo il referendum-farsa attraverso il quale gli italiani pensavano di avere demolito il finanziamento pubblico dei partiti politici, registriamo con cauto ottimismo l’intesa raggiunta dai leaders politici Alfano, Bersani e Casini finalizzata ad accendere i riflettori sui bilanci dei partiti.

I recenti casi Lussi-Bossi hanno, paradossalmente, avuto il merito di accelerare un dibattito che da diversi anni suscitava interesse solo in qualche aula universitaria. L’ipotesi di lavoro, per la quale l’intesa politica sembra raggiunta, mira ad assoggettare i bilanci dei partiti e dei movimenti politici ad un doppio controllo esterno, di cui il primo affidato ad una società di revisione iscritta nell’albo speciale tenuto dalla Consob, con il compito di garantire la trasparenza e la correttezza nella gestione contabile e finanziaria, e l’altro affidato ad una Commissione nazionale ad hoc tenuta ad effettuare il controllo del rendiconto, della relazione e della nota integrativa dei bilanci con riferimento alla conformità delle spese effettivamente sostenute ed alla regolarità della documentazione prodotta a prova delle spese stesse.

Rimandando alla lettura del testo finale del disegno di legge, che sarà approvato dal Parlamento con legge ordinaria, una riflessione più completa, un commento estemporaneo ci porta a focalizzare il vero nodo giuridico della questione. Il legislatore infatti, vorrebbe imporre ad associazioni politiche di diritto privato un controllo di tipo pubblicistico tradizionalmente riservato dal nostro ordinamento ad enti che orbitano nella galassia del pluralismo istituzionale. Inoltre, al già previsto obbligo di rendicontazione prescritto ai partiti ed ai movimenti politici che partecipano o hanno partecipato alla ripartizione dei rimborsi per le spese elettorali, si aggiungerebbe l’obbligo per i partiti e per i movimenti politici di investire la propria liquidità derivante dalla disponibilità di risorse pubbliche in strumenti finanziari diversi dai titoli emessi dallo Stato italiano.

Le disposizioni contenute nel disegno di legge sembrano escludere ipotesi di discriminazione tra controlli su finanziamenti pubblici e controlli su finanziamenti privati. Se la risposta sembra implicita in considerazione dell’esigenza funzionale di avere un’unica contabilità ed un unico modello di rendicontazione delle risorse finanziarie ricevute dal partito politico, altrettanto non può dirsi in ordine alla necessità di preservare l’autonomia finanziaria di cui pur dispone un’associazione di diritto privato. Una cosa è esercitare un siffatto controllo “statale” su soggetti che, ancorchè di natura privatistica, risultano destinatari di finanziamenti pubblici, altra cosa è assoggettare al medesimo controllo anche tutto ciò che risulta in tutta evidenza annoverabile tra le risorse finanziarie di provenienza privata. Bisogna infatti tener presente che le associazioni politiche godono delle quote associative versate dai singoli iscritti nonché di svariate forme di libera contribuzione privata regolarmente dichiarate e registrate. Risorse finanziarie che non possono essere confuse con quelle propriamente di natura pubblica.

Un siffatto intervento dello Stato come quello che si vuole introdurre nel sistema dei partiti, mentre troverebbe unanimi consensi nell’opinione pubblica sempre più accecata dal desiderio di demolire tutte le tipologie di “caste”, con particolare riguardo a quelle politiche, rischierebbe di accendere un campanello d’allarme all’interno dei principi che regolano uno Stato di diritto, certamente, ma anche uno Stato liberale. Evidente è infatti il rischio che possa prendere corpo un profilo d’incostituzionalità dell’approvanda legge per violazione dell’autonomia privata sottesa al principio di libera iniziativa economica previsto dall’art. 41 della Costituzione.

Il problema, di non facile soluzione, trae origine direttamente dall’art. 49 della Costituzione che vale la pena qui ricordare: “Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”.

Orbene, l’attribuzione di rilevanti funzioni pubbliche attribuite dalla Costituzione ai partiti politici mal si concilia con l’individuato strumento associativo di diritto privato, peraltro tenuto, nella pratica attuativa, accuratamente privo di riconoscimento governativo. Siamo quindi in presenza di enti la cui atipicità risulta in re ipsa per espressa volontà del Costituente.

In tale contesto, andrebbe seriamente valutata l’opportunità di pubblicizzare la natura giuridica degli attuali partiti politici, subordinando la ricezione del rimborso elettorale (rectius, finanziamento pubblico) al propedeutico riconoscimento governativo dell’associazione politica.

Tale accorgimento, invero, non richiederebbe la procedura aggravata dell’art. 138 Cost., prevista invece nell’ipotesi più radicale di modifica della natura giuridica. Il citato art. 49 parla infatti di associazioni, senza alcuna preclusione per il legislatore ordinario di prescrivere il riconoscimento governativo a quei partiti e movimenti politici che ambiscono a ricevere dallo Stato i rimborsi elettorali a titolo di finanziamento.

Peraltro, dello stesso avviso sembra essere un’autorevole Organo dell’Unione Europea.  Nel recentissimo documento elaborato dalla Commissione GR.E.CO (Groupe d’Etats Contre la Corruptione, il braccio anti-corruzione dell’organizzazione paneuropea), è stato sottolineato che “la maggiore debolezza” del sistema dei partiti politici in Italia sta nei controlli, che il ruolo che i cittadini possono svolgere è “molto limitato” e che quello esercitato dalle autorità pubbliche è “molto frammentato”, “più formale che sostanziale”. In tale contesto la Commissione GR.E.CO, ritiene che in Italia si dovrebbe avviare un processo di riforma dei partiti cominciando da una chiara definizione del loro status legale.

Appare quindi evidente, non solo a noi, che il problema del necessario controllo esterno dei bilanci dei partiti politici può trovare soluzione solo se si riconsidera la natura giuridica di diritto privato chela Costituzione del ’48 ha voluto privilegiare, anche a costo di affrontare il percorso più lungo, ma più sicuro, della modifica costituzionale dell’art. 49.

Rimane altresì intatto il problema, non secondario, di non lasciare al dirigente di partito la facoltà di sostituirsi alla sede normativa per determinare egli stesso, con interpretazioni estemporanee ed arbitrarie il “metodo democratico” della vita interna del partito politico, atteso che in questi 60 anni di vita repubblicana, queste organizzazioni proprie della società civile e protagoniste indefettibili della vita politica ed istituzionale dello Stato italiano sono riuscite solamente a mescolare atavici vizi pubblici con sporadiche virtù private. Dovremo forse auspicare altri scandali come quelli Lussi-Bossi per attirare anche in questo delicato ambito l’attenzione del nostro Parlamento?


Pubblicato da il 14 aprile 2012 alle 09:04 in Politica
Tags: , , , ,


3 Commenti per Partitocrazia all’italiana…

  1. Pingback: Italia’s got talents politici (da finanziare con soldi pubblici) – Comuni.it - Servizi al cittadino e alle pubbliche amministrazioni

  2. maria grazia

    L’articolo tocca molti temi che sono ben diversi da “mandiamoli a casa sono tutti ladri”. Tuttavia la rinascita della classe politica passa necessariamente attraverso una profonda revisione delle strutture partitiche, protagoniste nel bene e nel male

  3. Pingback: Partitocrazia all’italiana… @ Liberamente

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Massimo Greco

funzionario regionale, politico, saggista

Rss Feed Facebook


Articoli dello stesso autore

Consumatori 12 luglio 2014, 14:57

Un balzello che somiglia tanto ad un truffa

La società Sostare convenzionata con il Comune di Catania chiede 25,20 euro per la trasgressione al Codice della Strada. Ma i privati non iscrivono a ruolo

Amministrativo 6 luglio 2014, 11:08

Il declassamento dell’ente intermedio siciliano non sarà indolore

La provincia regionale quale ente territoriale di governo, la legittimazione ad agire in giudizio, il ruolo della Corte dei Conti e le attività di promozione

Amministrativo Costituzionale 29 giugno 2014, 17:37

Servizio 118. Confermata in Cassazione la condanna per danno erariale a 17 Deputati dell’ARS

Se un tempo l’impegno in politica era notoriamente più gratificante e ben remunerato, da qualche anno la scelta di entrare in campo nell’arena delle istituzioni pubbliche, ancorchè attraverso un’investitura popolare, […]

Amministrativo Servizi pubblici 12 maggio 2014, 16:44

Il caos degli ATO rifiuti in Sicilia e la responsabilità dei Sindaci

Le responsabilità del fallimento del sistema di gestione integrata dei rifiuti in Sicilia sono diffuse e non tutte riconducibili in capo alla mala politica

Amministrativo Fisco 4 maggio 2014, 09:25

I nuovi consorzi di comuni siciliani dovranno pagare anche l’IRES

I nuovi consorzi di comuni siciliani dovranno pagare anche l’IRES


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su