Speciale riforma PA

Internazionale 6 aprile 2012, 19:53

La Corte Penale Internazionale c’é!

Contro la violazione dei diritti umani e in difesa dei bambini – soldato


L’istituzione della Corte Penale Internazionale ha colmato una lacuna nell’apparato internazionale posto a tutela dei diritti umani e rappresenta una tappa fondamentale nel processo di affermazione della forza del diritto contro le ingiustizie del più forte.

Lo Statuto di Roma, siglato il 17 luglio 1998, è entrato in vigore il primo luglio del 2002 segnando un punto di non ritorno nella storia della lotta contro l’impunità per i crimini più gravi che offendono la comunità internazionale. Per la prima volta è stato definito, specificamente, un nucleo di crimini, i c.d. Core crimes, che rappresentano per la loro gravità un’offesa all’intera collettività internazionale.

La Corte penale internazionale è stata, infatti, deputata ad esercitare la propria competenza giurisdizionale nei confronti di quelle violazioni dei diritti umani come il genocidio, i crimini contro l’umanità e i crimini di guerra che, per gravità e rilevanza internazionale, minacciano la pace e la sicurezza dei popoli.

La funzione di complementarietà della Corte dovrebbe contribuire a porre fine al gravissimo fenomeno dell’impunità dei grandi criminali internazionali: in base al principio di complementarietà, infatti, la giurisdizione della Corte può essere attivata qualora venga accertata l’incapacità o la mancanza di volontà dei tribunali interni di agire penalmente nei confronti dei presunti criminali. La prerogativa di perseguire il crimine è, dunque, lasciata in prima istanza alle corti nazionali e, solo una volta fallito il sistema penale interno, entra in azione la giurisdizione internazionale.

Per lo Statuto della Corte “reclutare o arruolare fanciulli di età inferiore a 15 anni (…) o farli partecipare attivamente alle ostilità” (art. 8, comma 2) integra un crimine di guerra. Questa disposizione è venuta in rilievo nel caso Lubanga, il primo processo della Corte contro il capo di un gruppo armato congolese, Thomas Lubanga Dyilo, accusato di arruolamento, coscrizione e uso di bambini al di sotto dei 15 anni per partecipazione attiva alle ostilità.

L’arruolamento e l’utilizzo di bambini e adolescenti nelle ostilità è un fenomeno molto più esteso di quanto si pensi e comprende:

l’arruolamento illegale da parte di gruppi armati;

l’arruolamento forzato da parte delle forze governative;

l’arruolamento o l’utilizzo di bambini nelle milizie o altri gruppi alleati con le forze armate;

l’utilizzo di bambini come spie;

l’arruolamento nell’esercito regolare in tempo di pace.

Per troppi anni la comunità internazionale si è marginalmente impegnata contro la denuncia di tali crimini lasciando così impuniti i diretti responsabili di simili violazioni del diritto.

Grazie al recente verdetto della Corte sul caso Lubanga è stato inaugurato un nuovo cammino verso il riconoscimento di una giustizia per i bambini soldato attraverso il riconoscimento di una responsabilità penale individuale per coloro che hanno reclutato e utilizzato bambini durante le ostilità.

Non si tratta, tuttavia, della prima condanna a livello internazionale per tale crimine, considerati gli analoghi verdetti emessi dal Tribunale Speciale per la Sierra Leone. In particolare, dello stesso crimine è accusato anche Charles Taylor, ex Presidente della Liberia.

Nel caso dell’ex capo delle milizie congolesi, Thomas Lubanga è colpevole di crimini di guerra per aver reclutato migliaia di bambini soldato durante la guerra civile della Repubblica democratica del Congo.

Il tribunale dell’Aja ha riconosciuto Lubanga colpevole per tutti i reati contestati, in particolare è stato riconosciuto colpevole dei crimini di coscrizione e arruolamento di bambini di meno di quindici anni per averli fatti partecipare a un conflitto armato.

Il processo a carico dell’ex signore della guerra era iniziato il 26 gennaio 2009, dopo essere stato arrestato e trasferito all’ Aja a seguito di un mandato di cattura internazionale per l’omicidio di nove caschi blu della MONUC (missione Onu in Congo).

Lubanga è stato il leader fondatore dell’Unione dei Patrioti Congolesi (Upc) e delle sue forze armate, le Forze patriottiche per la Liberazione del Congo (Fplc), nate nel 1999 dal caos esploso con la seconda guerra nel Paese. In quel periodo, nella regione nord-orientale dell’Ituri, le antiche ostilità inter-etniche tra Hema e Lendu sono sfociate in un cruento conflitto armato nel quale hanno perso la vita circa 60 mila civili.

La milizia aveva arruolato fra le sue fila, con la forza, centinaia di bambini costretti a combattere nel conflitto inter-etnico che, per più di 5 anni, dal 1999 al 2003, ha insanguinato la regione dell’Ituri.

Le forze di Lubanga combattevano a difesa degli Hema ed erano una delle sei milizie che, fino al 2003, si fronteggiarono – spesso col pretesto dell’odio etnico – per il controllo dell’Ituri e delle sue incredibili risorse auree.

Le prove prodotte dimostrano che Lubanga ha costretto migliaia di bambini in campi di addestramento, sottoponendoli a violente punizioni e duri allenamenti per il mancato rispetto delle ferree regole dei miliziani.

Alcuni studenti erano direttamente arruolati per strada, portati nei campi militari mentre tornavano a casa, all’uscita di scuola.

Nella sua relazione introduttiva il procuratore argentino Luis Moreno-Ocampo ha accusato l’imputato Lubanga di aver reclutato e addestrato centinaia di giovani tra i 9 e i 13 anni per uccidere, saccheggiare e violentare migliaia di nemici o di semplici abitanti delle zone contese. “I bambini“, ha sostenuto il procuratore, “continuano a soffrire delle conseguenze dei crimini che sono stati costretti a commettere. Non possono dimenticare ciò che hanno visto. Molti tra loro riescono a sopravvivere ai terribili ricordi solo ricorrendo a droghe, altri vivono prostituendosi“.

Ora nel mirino della Corte penale internazionale restano, tra gli altri, l’ex presidente ivoriano Laurent Gbagbo, consegnato nel novembre 2011 all’ Aja, e il presidente sudanese Omar al Bashir che, nonostante sia ricercato, resta saldamente a capo del Paese.

Tra i ricercati eccellenti figura un altro signore della guerra, l’ugandese Joseph Kony, leader dei ribelli dell’Esercito di resistenza del Signore e ricercato dal 2005.

La sentenza sul caso Lubanga, di poco successiva al video-denuncia “Stop Kony 2012” ha mandato un messaggio importante per chi – come loro – ha reclutato bambini soldato nel proprio esercito e dimostra che il mondo occidentale, dopo anni di imbarazzante silenzio, ha finalmente diretto il suo sguardo su uno dei più terribili crimini umanitari del continente africano.

Accusata da molti di essere scarsamente operativa, mancando di una effettiva forza di polizia e limitata a condurre indagini solo nei 120 paesi che ne riconoscono formalmente l’autorità, la Corte penale internazionale ha riscosso, con questa sentenza, un successo importante che potrebbe segnare un punto di svolta nella storia del diritto internazionale.


Pubblicato da il 6 aprile 2012 alle 19:04 in Internazionale
Tags: , ,


2 Commenti per La Corte Penale Internazionale c’é!

  1. Caro Benno spero che l’ultima corte quella creata contro i crimini all’Umanita’ sia piu’ efficace, continuo col dirti che i mormoni mistificano la realta’ a loro piacimento, io sono e resto Battezzato Cattolico Cristiano me ne basta uno, con tutti i peccati che posso fare, il divieto della sigaretta,del caffe’,del the’,del vino,della birra,del sesso..etc. l’hanno creato loro dicendo che il signore si offende,ma veramente quello he si offende sono io che non vivo sulle nuvole ma sulla Terra e sono fatto di Carne,Ossa, e Desideri, percio’ resto anche Laico,Liberale e faro’ tutti i peccati che posso, niente di personale con Joseph Smith il fondatore che era veramente Tollerante,Liberale,Cristiano e non come questi che si fanno chiamare santi degli ultimi giorni con tanti falsi profeti,assassini,bestemmiatori. Ciao

  2. Benno

    Questa è un’ottima notizia. Anche se ad onor del vero non capisco bene cosa questa Corte potrà nei fatti in più rispetto alla corte dell’Aja.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Giuliana Gianna

avvocato, viaggiatrice

Rss Feed Facebook LinkedIn


Articoli dello stesso autore

Consumatori 1 ottobre 2014, 15:43

Bagaglio registrato? Sì al supplemento del prezzo del biglietto aereo

Il prezzo da pagare per il trasporto dei bagagli registrati non è un elemento inevitabile del prezzo del trasporto aereo, ma può costituire un supplemento

Consumatori 11 settembre 2014, 16:25

Trasporto Aereo e ritardo. La nozione di “orario di arrivo” al vaglio della Corte di Giustizia Ue

La Nona Sezione della Corte di Giustizia Ue ha chiarito l’interpretazione della nozione di «orario di arrivo» del vettore aereo

Consumatori 10 aprile 2014, 15:15

GE.RI. e Elliot sospese dall’antitrust per pratiche aggressive e modalità scorrette

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha disposto la sospensione della GE.RI. e della ELLIOT da ogni attività diretta al recupero crediti

Consumatori 4 aprile 2014, 08:40

L’Italia in ritardo sui diritti dei passeggeri del trasporto ferroviario

Con il Regolamento (CE) n. 1371/200 sono stati disciplinati i diritti per i passeggeri del trasporto ferroviario

Europa 2 aprile 2014, 18:34

Diritto all’interpretazione e alla traduzione nei procedimenti penali

Il diritto all’interpretazione e alla traduzione per coloro che non parlano o non comprendono la lingua del procedimento, già sancito dall’articolo 6 della CEDU, dovrebbe ora trovare una più compiuta e concreta applicazione pratica.


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su