Speciale Jobs Act

Costituzionale 29 marzo 2012, 00:05

Così la riforma della Costituzione

Riduzione del numero dei parlamentari; rafforzamento dei poteri del premier; superamento del bicameralismo perfetto. E’ l’esito dell’incontro tra i saggi della maggioranza


La riduzione del numero dei parlamentari; la revisione dell’eta’ per l’elettorato attivo e passivo; il rafforzamento dell’esecutivo e dei poteri del premier in Parlamento; l’avvio del superamento del bicameralismo perfetto.

Ecco in sintesi i punti chiave dell’accordo sulla revisione della Costituzione.

L’incontro tra i tecnici della maggioranza, svoltosi ieri pomeriggio, si è concluso con la messa a punto di un testo che modifica la seconda parte della Costituzione.

Sara’ presentato entro due settimane sotto forma di emendamento ad uno dei disegni di legge gia’ depositati in Senato. Hanno partecipato all’incontro Luciano Violante (Pd), Ferdinando Adornato (Udc), Italo Bocchino (Fli), Gaetano Quagliariello e Ignazio La Russa (Pdl). I saggi si rivedranno martedì prossimo per iniziare a stendere l’articolato della nuova legge elettorale sui cui i leader di maggioranza, Pier Ferdinando Casini, Pier Luigi Bersani e Angelino Alfano avevano raggiunto il giorno prima una intesa di massima e più squisitamente politica. L’accordo, è stato sottolineato, non presenta modifiche sostanziali rispetto alla cosiddetta bozza Violante, come lo stesso ex presidente della Camera, Luciano Violante, ha confermato ai giornalisti: “il testo e’ quello di cui si e’ parlato”.

Quanto alla legge elettorale ci sara’ una riunione nei prossimi giorni: il tema “e’ piu’ complicato, se ne parla fra qualche giorno”, ha replicato ancora Violante. Intanto Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano si augura che il cantiere delle riforme avviato in Italia in questi giorni vada avanti. Parlando a Capua, il capo dello Stato ha spiegato: “Oggi si sta approvando il decreto legge sulle semplificazioni e tutta una serie di provvedimenti di riforma importanti che avranno ancora uno sviluppo nelle prossime settimane. Si stanno aprendo nuovi cantieri anche non di precisa iniziativa del governo – ha continuato – come il cantiere delle riforme in campo costituzionale, elettorale e regolamentare. Mi auguro – ha concluso Napolitano – che soprattutto questo cantiere vada avanti rapidamente”.

Ma dopo la riunione della triade ormai ribattezzata ABC sulle riforme, soprattutto quelle elettorali, non mancano le polemiche. “Forse qualcuno pensa di poter andare alle elezioni ad ottobre, noi del Pdl invece pensiamo di no – afferma Gaetano Quagliariello vice presidente dei senatori del Pdl alla Telefonata di Maurizio Belpietro -. Il vertice ha allontanato le elezioni. I tempi per fare la riforma della legge elettorale ci sono. Se la bozza viene presentata entro la prossima settimana puo’ essere approvata in prima lettura prima dell’estate. Non credo che il Pd pensi alle elezioni anticipate, forse qualcuno nel Pd pensa di poter vincere le elezioni con una coalizione del 40%, con la foto di Vasto. Ma non credo che accadra’”. “Dopo il governo Monti si tornera’ alle urne e gli italiani eleggeranno i parlamentari. Se andra’ in porto la riforma della legge elettorale non ci saranno piu’ imbrogli – spiega Ferdinando Adornato -. Tuttavia, la legge non impedira’ di fare coalizioni, quello che non ci sara’ piu’ e’ l’obbligo di imporle a tutti”.

“La legge elettorale che vogliono fare permette al cittadino di dire vota il premier ma la coalizione e il programma ce lo scegliamo noi alla faccia tua – attacca il leader dell’Idv, Antonio Di Pietro -. Hanno fatto questa scelta perche’ Pd-Pdl-Udc vogliono le mani libere dopo le elezioni. Se vincono possono farsi le coalizioni che vogliono. Tutto questo e’ solo fumo negli occhi. Qui siamo altro che nella prima Repubblica, qui si tratta di vero attentato alla democrazia”.

Entrando nel merito, la bozza approvata ieri dai saggi, prevede il taglio del numero dei deputati (saranno 500, piu’ 8 eletti nelle circoscrizioni Estero); sara’ eleggibile alla Camera chi ha compiuto 21 anni. I senatori invece saranno 254 invece che 315, piu’ 4 eletti all’estero; eleggibile chi ha compiuto 35 anni, invece che 40. La Camera si occuperà delle materie di esclusiva competenza dello Stato, il Senato di quelle su cui vi è concorrenza con le Regioni. Il Governo potra’ chiedere che un disegno di legge sia inserito con priorita’ all’ordine del giorno della Camera, proporre al Presidente della Repubblica la nomina e la revoca dei ministri e chiedere al capo dello Stato lo scioglimento delle Camere. La sfiducia costruttiva deve essere sottoscritta da almeno un terzo dei componenti di ciascuna Camera e contenere l’indicazione del nuovo premier, oltre a dover essere approvata a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera.

 


Pubblicato da il 29 marzo 2012 alle 00:03 in Costituzionale
Tags:


1 Commento per Così la riforma della Costituzione

  1. Pingback: Meno parlamentari, più potere al premier: come cambierà la Costituzione – Comuni.it - Servizi al cittadino e alle pubbliche amministrazioni

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Lavoro 24 aprile 2014, 15:03

Jobs Act: decreto 80 euro in Gazzetta, ecco il taglio Irpef. Il testo

Ecco le coperture per il taglio dell’Irpef e gli 80 euro in più

Fisco 24 aprile 2014, 11:01

Concorso Agenzia delle Entrate 2014, cosa occorre sapere per i test

Bando in arrivo: tuttò ciò che serve per le prove scritte

Università 24 aprile 2014, 08:13

Università, arriva il bando per le scuole di specializzazione in Medicina

In arrivo in Gazzetta il bando con i posti. Come saranno le prove

Lavoro 23 aprile 2014, 17:01

Jobs Act, sì alla fiducia sul decreto lavoro per i precari. Il testo

Il governo Renzi ottiene la fiducia alla Camera sul decreto lavoro

Flash 23 aprile 2014, 14:37

Papa Francesco, testo e video dell’udienza generale dopo Pasqua 2014

Ecco il testo e video integrale dell’udienza in piazza San Pietro di papa Francesco, del 23 aprile 2014, a tre giorni dalla Pasqua. Il saluto in arabo


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su