Speciale Jobs Act

Flash 27 marzo 2012, 00:05

Codice antimafia, si accelera

Il ministro Cancellieri annuncia la volontà del Governo di anticipare l’entrata in vigore di alcune norme del decreto 159/2011. Ieri intanto si è insediata la Consulta Antimafie della Provincia di Roma


Un’accelerazione sulle nuove disposizioni antimafia. Il decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, è entrato in vigore il 13 ottobre scorso, ma molte delle sue disposizioni non sono ancora operative. E così “stiamo lavorando con il ministro Severino per un’anticipazione dell’entrata in vigore del codice antimafia, che ha dei tempi di entrata in vigore più lenti sui quali cercheremo un’accelerazione“, ha annunciato ieri il ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri, a margine della firma del Patto territoriale di legalità sottoscritto nella sede di Confindustria a Bergamo. Sottolineando che si tratta di un “codice molto ben fatto e che ha degli aspetti molto interessanti“, il ministro ha spiegato che “stiamo mettendo a punto certi aspetti però siamo ancora a lavoro ed è ancora presto per dire come e cosa faremo“.
Fatto sta che sono a questo punto in cantiere anticipi sui tempi di piena vigenza del provvedimento il quale, ricordiamo, punta a semplificare l’attività degli operatori della legge e a migliorare l’efficienza delle procedure di gestione, destinazione ed assegnazione dei beni confiscati (proprio ieri il direttore dell’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata – Anbsc, prefetto Giuseppe Caruso, ha firmato alcuni decreti di destinazione inerenti ad automobili e beni immobili confiscati in via definitiva alla criminalità organizzata in Calabria).
Tra le novità del provvedimento, da ricordare:
- il limite di durata per il procedimento di secondo grado, con la perdita di efficacia del sequestro qualora non venga disposta la confisca nel termine di un anno e sei mesi dalla immissione in possesso da parte dell’amministratore giudiziario, nonchè, in caso di impugnazione della decisione, entro un anno e sei mesi dal deposito del ricorso;
- l’introduzione della revocazione della decisione definitiva sulla confisca di prevenzione, volta a consentire agli enti assegnatari dei beni confiscati di gestirli senza timore di doverli restituire; la disciplina dei rapporti con le procedure concorsuali, per risolvere questioni interpretative causate dalla mancanza di una specifica normativa in materia;
- i beni sequestrati o confiscati nel procedimento di prevenzione sono sottratti dalla massa attiva del fallimento e sono gestiti e destinati secondo le norme sul procedimento di prevenzione;
- la disciplina degli effetti fiscali del sequestro: l’amministratore assume la qualità di sostituto d’imposta, paga provvisoriamente le imposte relative ai beni sequestrati e alla fine della procedura, se i beni vengono restituiti, recupera nei confronti del proprietario.
Ieri intanto si è insediata la Consulta Antimafie della Provincia di Roma, nuovo strumento che intende rafforzare la rete del territorio contro la criminalita’ organizzata coinvolgendo sia i comuni che la societa’ civile. Presieduta da Franco La Torre, figlio del noto membro del PCI ucciso dalla mafia nel 1982, e’ composta di diritto dall’assessore provinciale con delega alla Sicurezza, da due consiglieri provinciali, dal comandante della Polizia Provinciale, da un rappresentante dell’Agenzia Nazionale dei beni confiscati alla mafia e da un rappresentante della prefettura.
Fanno parte della Consulta anche i sindaci dei comuni della Provincia, i sindacati, le associazioni di categoria e i presidenti dei municipi di Roma che manifestano la volonta’ di aderire mediante un atto giuridico. Ma possono far parte anche gli enti, le associazioni e i comitati che hanno tra le loro finalita’ l’affermazione della cultura della legalita’ e il contrasto ad ogni forma di criminalita’ organizzata.

 

Giuseppe Manfredi


Pubblicato da il 27 marzo 2012 alle 00:03 in Flash
Tags: ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Lavoro 23 aprile 2014, 17:01

Jobs Act, sì alla fiducia sul decreto lavoro per i precari. Il testo

Il governo Renzi ottiene la fiducia alla Camera sul decreto lavoro

Flash 23 aprile 2014, 14:37

Papa Francesco, testo e video dell’udienza generale dopo Pasqua 2014

Ecco il testo e video integrale dell’udienza in piazza San Pietro di papa Francesco, del 23 aprile 2014, a tre giorni dalla Pasqua. Il saluto in arabo

Ambiente 23 aprile 2014, 11:42

Mud 2014: dopo il via del Sistri, rimane l’obbligo di invio sui rifiuti

Il 30 aprile scade il termine. Commercianti e altri soggetti obbligati

Fisco 23 aprile 2014, 08:06

Spesometro 2013-2014, finestra fino al 30 aprile. Le regole

Da ieri, obbligo di invio acquisti per tutti i contribuenti

Università 22 aprile 2014, 16:42

Università 2014, ecco i risultati del test di ammissione di Medicina

Il Miur ha pubblicato online i risultati del test di medicina


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su