Speciale riforma PA

Lavoro Pubblico 25 marzo 2012, 14:20

L’articolo 18 ed il lavoro pubblico: è davvero un problema?

La riforma dell’art. 18 si applica o no al pubblico impiego? Lo stesso governo naviga nell’incertezza..


Tra le polemiche conseguenti alle iniziative del governo sul mercato del lavoro, c’è anche quella sull’applicazione dell’art. 18 dello Statuto dei lavoratori al lavoro pubblico.
Il governo ha implicitamente ammesso di essere in difficoltà, perché non ha subito precisato che la garanzia reale (cioè con l’ordine giudiziale di riassunzione) contro i licenziamenti – in qualsiasi versione verrà fuori dal Parlamento – non si applica ai rapporti di lavoro pubblico.
Alcuni commentatori hanno polemicamente precisato che già allo stato attuale della legislazione l’art. 18 St. lav. si applica ai rapporti di lavoro pubblico.
Si rifanno ad un precedente della Cassazione, sezione lavoro, n. 2233 del 2007.
A noi pare che la tutela cosiddetta reale contro i licenziamenti nel lavoro pubblico non costituisca un vero problema, perché già esiste, anche se l’art. 18 non sia applicabile.
Il precedente della Cassazione n. 2233/2007 non è del tutto risolutore.
In quel caso, infatti, si trattava del licenziamento di un dirigente pubblico, ma i contratti collettivi dei dirigenti pubblici già prevedono l’applicazione della tutela dell’art. 18 nel caso di licenziamenti discriminatori.
La Corte è stata chiamata a stabilire la portata di quelle previsioni, cioè se si applicassero anche ai licenziamenti non discriminatori, vale a dire quelli cosiddetti economici (senza giusta causa).
La Corte ha affermato che l’art. 18 si applica in tutta la sua estensione , in virtù del rinvio generale alla legge n. 300/1970 (Statuto dei lavoratori), effettuata dall’art. 51 d. lgs. n. 165/2001.
Ed appunto, se tale rinvio è davvero generale, vale per tutti i lavoratori pubblici, unitariamente considerati dal citato art. 51, che siano dirigenti o no.
Si potrebbe obiettare che se il rinvio all’art. 18 è stato previsto solo dai contratti collettivi per i dirigenti, e non anche degli altri lavoratori pubblici, una ragione ci sarà.
Secondo me la ragione della maggiore tutela per i dirigenti, è quella di salvaguardare la loro azione dalle interferenze dei politici, in modo che possano orientarla solo verso il buon andamento e l’efficienza, anziché secondo criteri di opportunità politica.
(Questo, ovviamente, funziona bene nel mondo ideale dell’ordinamento giuridico, non sappiamo se in quello reale le cose vanno davvero così …).
Insomma, la tutela reale per i dirigenti pubblici troverebbe il suo scopo nella garanzia della separazione tra poteri di gestione e poteri di direzione politica, pertanto non avrebbe alcuno scopo negli altri rapporti di lavoro pubblico.
Ma i dipendenti pubblici godono già di un’ampia tutela giurisdizionale di carattere reale.
Infatti l’art. 63, comma 2, d. lgs. n. 165/2001 prevede espressamente che il giudice adotti, nei confronti delle pubbliche amministrazioni, tutti i provvedimenti di accertamento, costitutivi o di condanna, richiesti dalla natura dei diritti tutelati, pertanto il giudice del lavoro ha il potere di adottare qualsiasi tipo di sentenza, ivi compresa la sentenza di condanna.
Così, sul fondamento di tale disposizione si è ammesso che il giudice possa condannare l’Amministrazione al conferimento degli incarichi di insegnamento a favore di aventi diritto (Cass., sez. lav., 14/10/2005 n. 19900), oppure all’adempimento dell’obbligo di valutare la posizione del dirigente ai fini del conferimento di un incarico (id., 26/11/2008 n. 28274).
Tale norma, quindi, si presterebbe ad essere utilizzata anche nel caso di licenziamento illegittimo, qualunque sia la causa.
Chiaramente, nel caso di persistente inottemperanza alla condanna, il comportamento dell’Amministrazione sarebbe fonte di ulteriore e specifico obbligo di risarcimento dei danni.
Probabilmente per questa ragione, in giurisprudenza non si è posto il problema dell’applicabilità dell’art. 18 l. n. 300/1970, tranne appunto il caso in cui c’era il rinvio da parte della contrattazione collettiva.
Se l’art. 63, comma 2, d. lgs. n. 165/2011 ha la portata che gli riconosce la giurisprudenza, dovrebbe resistere alle modifiche dell’art. 18 l. n. 300/1970, altrimenti dovrebbe considerarsi implicitamente abrogato.
L’alternativa alla tesi dell’abrogazione implicita sarebbe paradossale, e cioè ammettere che la tutela giurisdizionale per il rapporto di lavoro pubblico sarebbe minore nel caso più grave per il rapporto stesso, e cioè il licenziamento.


Pubblicato da il 25 marzo 2012 alle 14:03 in Lavoro Pubblico
Tags: , , , ,


5 Commenti per L’articolo 18 ed il lavoro pubblico: è davvero un problema?

  1. Pingback: Licenziamenti degli impiegati pubblici, tra Patroni Griffi e Fornero

  2. Pingback: Licenziamenti degli impiegati pubblici, tra Patroni Griffi e Fornero | Club U.D.S.

  3. Coro Cosimo

    Cosa accadrà senza il 18?
    Il mobbizzato verrebbe licenziato poiché “apparentemente” è il più debole, ma è colui che lavora di più e che viene spostato continuamente dove fa comodo al capo, quindi rimarrebbe comunque al proprio posto. Il fannullone neanche a parlarne perché è anche il più arrogante nei confronti del capo. L’imbecille, che non si sa neanche dove collocarlo ma fa comodo per dare l’impressione che è il capo che fa la differenza, per cui resterebbe al proprio posto…

  4. Pingback: La gran confusione su articolo 18 e lavoro pubblico

  5. Pingback: Lavoro pubblico e articolo 18: un finto problema? – Comuni.it - Servizi al cittadino e alle pubbliche amministrazioni

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Dario Sammartino

avvocato amministrativista, esperto in pubblico impiego

Rss Feed


Articoli dello stesso autore

Economia 26 giugno 2014, 12:04

Il rating di legalità come premio per le imprese virtuose

Cos’è il rating di legalità per le imprese e quali elementi lo costituiscono. Cosa è richiesto alle imprese e il ruolo delle banche nell’erogazione del credito

Religione 10 luglio 2013, 08:00

Pluralismo religioso, Sezioni unite: uguale libertà a tutte le confessioni

Il «pluralismo confessionale e culturale» e l’«eguale libertà delle confessioni religiose» sono valori costituzionali che devono essere assicurati e garantiti. E tale compito non può che spettare al giudice amministrativo

Amministrativo 15 maggio 2013, 16:06

Il diritto d’accesso diventa un po’ più democratico, ecco l’accesso civico

Il decreto legislativo n. 33/2013 ha riconosciuto un diritto di accesso più ampio sull’attività amministrativa

Lavoro 10 aprile 2013, 08:00

Demansionamento: scatta il risarcimento danni pari al 20% della retribuzione

Il TAR Liguria ha condannato il Ministero dell’Interno a risarcire il danno arrecato a un vigile del fuoco a causa dell’assegnazione a mansioni inferiori

Amministrativo 21 marzo 2013, 14:00

Il Consiglio di Stato allarga l’accesso ai documenti

Accesso ai documenti. Il Consiglio di stato tutela i cittadini


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su