Speciale riforma PA

Lavoro 15 marzo 2012, 14:38

Ammortizzatore sociale inedito in arrivo: aspettando… l’ASPI!

Il testo della riforma del lavoro e la nuova assicurazione sociale per l’impiego, secondo il documento del Governo


La rete attuale di ammortizzatori sociali si caratterizza per una certa disomogeneità di tutela in base all’appartenenza settoriale, alla dimensione di impresa ed la tipologia dei contratti di lavoro. Nel tentativo di coprire i buchi neri creati dalle riforme pregresse, nel tentativo di estendere le tutele in fase di entrata e di uscita dal mercato del lavoro, il Ministro Fornero lancia la sua proposta di riforma (qui il testo integrale).

A) Assicurazione sociale per l’impiego (Aspi)

Si tratta di uno strumento volto a sostituire le attuali indennità ed, in particolare, l’indennità di mobilità, l’indennità di disoccupazione non agricola ordinaria, l’indennità di disoccupazione con requisiti ridotti e l’indennità di disoccupazione speciale edile.

La riforma prevede l’estensione di tale strumento di tutela agli apprendisti ed agli artisti (dipendenti), attualmente esclusi dall’applicazione di ogni strumento di sostegno del reddito.

Mentre restano coperti dalla nuova assicurazione tutti i lavoratori dipendenti – stabili o precari- del settore privato o di quello pubblico

Requisiti di accesso all’Aspi sono almeno 2 anni di anzianità assicurativa ed almeno 52 settimane nell’ultimo biennio.

La durata massima prevista è di 12 mesi per i lavoratori con meno di 55 anni di età e di 18 mesi per i lavoratori con almeno 55 anni di età (nei limite delle settimane di lavoro nel biennio di riferimento).

L’importo ipotizzato è di €1.119,32, con abbattimento dell’indennità del 15% dopo i primi sei mesi e di un ulteriore 15% dopo altri sei mesi.

Quanto ai casi di nuova occupazione, si prevede che i periodi di lavoro inferiori a 6 mesi comportino la sospensione del trattamento, con ripresa alla fine del periodo di lavoro e che i periodi di lavoro superiori a 6 mesi facciano ripartire, in presenza dei necessari requisiti contributivi, il trattamento.

In tal caso, il requisito di accesso è la presenza di almeno 13 settimane di contribuzione negli ultimi 12 mesi.

L’indennità verrà calcolata in maniera analoga a quella prevista per l’Aspi.

La durata massima sarà posta pari alla metà delle settimane di contribuzione nell’ultimo biennio. Sarà tuttavia prevista la sospensione dell’erogazione del beneficio per periodi di lavoro inferiori a 5 giorni.

B) Fondi di solidarietà e cassa integrazione

La riforma prevede fondi di solidarietà per la tutela in costanza di rapporto di lavoro per i settori non coperti dalla normativa in materia di integrazione salariale (ordinaria e straordinaria).

Detti fondi saranno, infatti, volti a finanziare la prestazione di trattamenti di integrazione salariale per i casi di riduzione o sospensione dell’attività lavorativa dovuti a causali previste dalla normativa in materia di integrazione salariale ordinaria o straordinaria.

Si prevede che l’istituzione dei fondi sia obbligatoria per tutti i settori, in relazione alle imprese con più di 15 dipendenti.

Nei settori per i quali non siano stipulati accordi collettivi volti all’attivazione del fondo di solidarietà è prevista l’istituzione di un fondo residuale, con le seguenti caratteristiche:

prestazione di importo pari all’integrazione salariale, contribuzione a carico del datore di lavoro, durata non superiore a 1/8 delle ore complessivamente lavorabili da computare in un biennio mobile.

Quanto infine alla Cassa integrazione per l’industria, si prevede la creazione di due gestioni contabili separate, nell’ambito del bilancio Inps, cui affluiscano i contributi per cassa integrazione ordinaria e straordinaria, con obbligo di bilancio in pareggio a decorrere dal 2015.

La proposta di riforma prevede infine la creazione di una cornice giuridica per gli esodi con costi a carico dei datori di lavoro.

Per gli esodi fino al 2015, si prevede che il primo periodo, per i lavoratori licenziati con procedura di mobilità, sia coperto dall’indennità di mobilità, fermo restando il requisito di 5 anni dal momento dell’esodo a quello del pensionamento.

Per le imprese sopra i 50 dipendenti, per i quali vi è l’obbligo di contribuzione al fondo di tesoreria, si prevede che il conguaglio del Tfr dal fondo avvenga soltanto nel momento in cui il lavoratore andrà in pensione.

Tra lo scetticismo dei sindacati, in fermento per l’imminente battaglia sull’art.18, e la vaghezza delle notizie trapelate, la paura che l’impianto normativo degeneri nel mero assistenzialismo, una cosa sulla proposta va detta: forse la tanto auspicata flexsecurity-o flessicurezza per dirla “alla nostrana”, sembra qualche passo più vicina…

Lucia Polizzi


Pubblicato da il 15 marzo 2012 alle 14:03 in Lavoro
Tags: , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Avvocati 30 ottobre 2014, 14:04

Formazione continua, il regolamento per avvocati in vigore dal 2015

Il testo entrerà in vigore il primo gennaio. I crediti da maturare

Edilizia 30 ottobre 2014, 12:14

Decreto Sblocca Italia approvato alla Camera: modifiche e novità

Approvato il decreto 133 Sblocca Italia: le novità su Iva, detrazioni, lavori

Welfare 30 ottobre 2014, 07:52

Quota 96, si attende l’emendamento in legge di stabilità 2015

Finanziaria in commissione Bilancio. Quota 96 in pensione da settembre?

Novità Codice Strada 28 ottobre 2014, 17:24

Aggiornamento carta di circolazione: i chiarimenti del Ministero

Documento ufficiale del ministero chiarisce l’obbligo del 3 novembre

Europa Flash 28 ottobre 2014, 16:59

CEF program: new Calls for Proposals open till February 2015

The CEF program constitutes a key instrument to promote growth, jobs and competitiveness through investments on essential infrastructures at European level


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su