Speciale riforma PA

Fisco 20 febbraio 2012, 17:35

Canone Rai “speciale” o tassa sulla “modernità”?

L’art. 17 del decreto Monti “Salva Italia” richiama un regio decreto del 1938 che obbliga a pagare il canone chiunque detenga un apparecchio idoneo alla ricezione di immagini.


E’ un vento di tempesta quello che si sta abbattendo sulla Rai in questi giorni, nubi tempestose spinte dalla furia di commercianti e consumatori al quale è arrivato un bollettino di pagamento per il canone rai “speciale”.

Si tratta della tanto vituperata “tassa sulla televisione” che adesso graverebbe non più solamente sui televisori, ma anche sui computer, sugli smartphone, sugli i-pad e su tutto ciò che trasmette immagini. Tutto ciò a causa di un regio decreto 1938.

La denuncia arriva da R.ETE. Imprese Italia, un’associazione che raggruppa varie categorie, da Confcommercio a Confartigianato. Nei giorni scorsi sono state spedite una valanga di lettere che intimano il pagamento del c.d. Canone speciale rai, come prevede l’art. 17 del decreto salva italia (d.l. 201/2011), a più di cinque milioni di soggetti imprenditoriali, con richieste che variano dai 200 ai 6000 euro all’anno, per un totale di 980 milioni di euro. In base al regio decreto n. 246 del 1938 infatti “Chiunque detenga uno o più apparecchi atti od adattabili alla ricezione delle radioaudizioni è obbligato al pagamento del canone di abbonamento“. In altre parole, qualsiasi apparecchio che teoricamente può essere modificato per guardare un programma televisivo è soggetto al canone/tassa. Quindi, non solo tv, ma anche pc, smartphone, un i-pad, un monitor fino addirittura a chi possiede un videocitofono. Ad essere colpite le più svariate categorie, dai tabaccai alle agenzie viaggi, agli studi medici alle imprese di trasporto, ai condomini e questo, sottolinea la Confcommercio, mentre è sotto gli occhi di tutti lo stato di grave difficoltà delle imprese.

Esigere il pagamento del canone rai mi semvbra applicare un balzello assurdo, inutile, incomprensibile, peraltro anche contraddittoro, se si considera che giustamente il governo spinge sul versante dell’innovazione per semplificare il rapporto tra imprese e p.a.” , afferma il Presidente di Confcommercio Carlo Sangalli.

Le associazioni hanno scritto al presidente del consiglio Monti e al ministro dello sviluppo Passera per cancellare il provvedimento, chiedendo di chiarire in ogni caso se il nuovo canone rai è da considerarsi una tassa sulla modernità e sullo sviluppo che colpisca chiunque possieda un pc.

Sull’argomento, la giurisprudenza è abbastanza chiara ed univoca.

La Corte di cassazione, con la sentenza del 20 novembre 2007 n. 24010 ha esplicitato la natura del canone di abbonamento radiotelevisivo stabilendo che “il canone di abbonamento radiotelevisivo non trova la sua ragione nell’esistenza di uno specifico rapporto contrattuale che leghi il contribuente, da un lato, e l’ente Rai, che gestisce il servizio pubblico radiotelevisivo, dall’altro, ma costituisce una prestazione tributaria, fondata sulla legge, non commisurata alla possibilità effettiva di usufruire del servizio de quo”. Pertanto l’imponibilità dipende esclusivamente dalla detenzione di un apparecchio, indipendentemente dall’effettiva ricezione dei programmi della Rai o dalla mancanza di interesse a riceverne. La legittimità dell’obbligo è stata confermata anche da altre sentenze della Corte costituzionale, tra cui la sentenza n. 535 12 maggio 1988 : “Se in un primo tempo sembrava prevalere la configurazione del canone come tassa, collegata alla fruizione del servizio, in seguito lo si è piuttosto riconosciuto come imposta, facendo leva sulla previsione legislativa dell’articolo. 15, secondo comma, della legge n. 103 del 1975, secondo cui il canone è dovuto anche per la detenzione di apparecchi atti alla ricezione di programmi via cavo o provenienti dall’estero“. Insomma, anziché essere il corrispettivo della fruzione di un servizio, il canone si baserebbe sul presupposto che un apparecchio (tv, pc, telefonino, altro) è “una manifestazione, ragionevolmente individuata, di capacità contributiva“.

Le associazioni dei consumatori sono già sul piede di guerra. Secondo l’Aducin assenza di una determinazione in tal senso del Ministero dello sviluppo economico che non ci risulta esistere, la richiesta della Rai è illegittima”. Per l’Adusbef e Federconsumatori, l’estensione del canone a computer e telefonini “è l’ennesima vergogna, l’ennesimo tentativo di scippo con destrezza che deve essere respinto al mittente. La Rai, un’azienda lottizzata che sempre di più sforna cattiva informazione e servizi spesso taroccati e strappalacrime per inseguire il feticcio dell’audience  ha sfornato l’ennesimo balzello, a carico di imprese, studi professionali ed uffici, per imporre un pesante tributo che va da un minimo di 200 euro fino a 6mila euro l’anno a carico di oltre 5 milioni di utenti per un controvalore di 1 miliardo di euro l’anno“.

Sull’odiosa questione, è stata presentata una interrogazione parlamentare al Ministero dello sviluppo economico Passera.

E’ peraltro evidente che obbligare un’azienda a pagare un abbonamento TV per il solo fatto di avere dei pc è paradossale. Primo, perché il computer è uno strumento ormai indispensabile allo svolgimento di qualsiasi attività lavorativa, e l’inclusione dello stesso fra gli apparecchi tassati significherebbe di fatto imporre una nuova imposta sul lavoro. – afferma l’Aduc in un comunicato stampa – Secondo, perché in un momento di grave crisi economica, si andrebbe a colpire d’improvviso il mondo produttivo per un importo superiore al miliardo di euro pur di tener in vita un’azienda, la Rai, gestita secondo il peggiore malcostume italiano”.


Pubblicato da il 20 febbraio 2012 alle 17:02 in Fisco
Tags: , , , ,


3 Commenti per Canone Rai “speciale” o tassa sulla “modernità”?

  1. Pingback: Scandalo Regioni: quando i soldi pubblici finanziano il reality

  2. Pingback: Scandalo Regioni: quando i soldi pubblici finanziano il reality

  3. mauro

    Non vorrei dire una isattezza ma mi pare che nel 1992,quando dopo le elezioni, entrò in parlamento una folta schiera di deputati leghisti, che tra le prime iniziative fù quella di dire ai cittadini di non pagare più il canone rai e che avrebbero fornito anche una assistenza legale in merito. In seguito a ciò, il ministro dell’allora telecomunicazioni, emanò un decreto che diceva che il canone rai non si doveva pagare per il solo fatto di ricevere dei programmi radio o televisivi ma invece per la sola detenzione dell’apparecchio, anche se non funzionante, oppure non in grado, per causa rai, di non ricevere i suoi segnali od anche per usarlo (come facevo io) per monitor per giocare ai primi giochi elettronici. Oggi, mi sembra scandaloso, che il primo ministro Monti, riesumi un decreto del 1938 (era fascista) per cercare di portare a casa qualche euro in più. Monti, con la sua visione di mercato libero, dovrebbe mettere tutte e due le mani ed occhi, dentro il carrozzone rai, che si mangia milioni di euro all’anno (con i miei soldi), per mantenere il posto fisso a delle persone (messe li dalla partitocrazia) che sono in esubero rispetto al prodotto che fornisce ai telespettatori e molte volte anche incapaci. Quindi, dico io, rai senza canone e che si aggiusti a far quadrare i conti come fanno le tv commerciali (perchè la rai non vive solo del mio canone ma sopratutto degli sponsor e della pubblicità commerciale in base al prodotto che offre). Preferisco una tv pay x wiu

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Politica 28 novembre 2014, 12:29

MoVimento 5 Stelle, inizia l’era 2.0: Grillo apre a cinque leader

Grillo propone cinque nomi per guidare M5S. “Rimarrò come garante”

Welfare 27 novembre 2014, 13:48

Pensioni in anticipo: in legge di stabilità stop alle penalizzazioni

Emendamenti: arriva il tetto alle pensioni d’oro dei manager pubblici

Amministrativo 27 novembre 2014, 07:51

Legge di stabilità, Province: emendamento su esuberi e pensioni

Due strade per chi è in eccesso: pensione coi requisiti pre Fornero o trasferimento

Scuola 26 novembre 2014, 17:25

Scuola, Italia condannata per la mancata assunzione dei precari

Vanno assunti 250mila precari. Leggi il testo completo

Lavoro 26 novembre 2014, 09:17

Jobs Act, approvato il testo alla Camera: cambia l’articolo 18

Le novità su licenziamenti, contratto a tutele crescenti, mansioni


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su