Speciale Jobs Act

Diritto d'autore 9 febbraio 2012, 21:26

Caso “contrassegno SIAE”: è l’ora dei rimborsi

La brutta storia del contrassegno SIAE e del balzello ad esso collegato (che frutta ogni anno alla SIAE circa 10 milioni di euro) è ora vicina al capolinea.


E’ una sentenza storica quella con la quale il Consiglio di Stato ha definitivamente accertato l’illegittimità della previsione contenuta nel D.p.c.m. n. 31 del 23 febbraio 2009 relativo alla nuova disciplina sull’obbligo di apposizione del contrassegno SIAE, l’anacronistica ed inutile pecetta adesiva che continua a campeggiare su CD e DVD distribuiti nel nostro Paese ed a fruttare milioni di euro all’anno alla Società italiana autori ed editori.

Come qualcuno, forse, ricorderà, all’indomani della decisione – era il lontano novembre 2007 – con la quale la Corte di Giustizia dell’Unione Europea aveva dichiarato l’illegittimità della previgente disciplina italiana in materia, appunto, di obbligo di apposizione del contrassegno SIAE, la Presidenza del Consiglio dei Ministri era corsa ai ripari, varando – su commessa e suggerimento della SIAE – un nuovo regolamento destinato a prendere il posto di quello appena dichiarato illegittimo, a reintrodurre l’obbligo di “pecettare” CD e DVD e, soprattutto, a salvare il portafoglio della SIAE da un epilogo ineluttabile: dover restituire a migliaia di imprenditori decine di milioni di euro incassati negli ultimi anni in forza di una norma ormai dichiarata inopponibile ai privati dalla Corte di Giustizia.

Nel Regolamento, infatti, la Presidenza del Consiglio dei Ministri aveva, tra l’altro, scritto che i rapporti patrimoniali intercorsi in epoca anteriore alla decisione della Corte di Giustizia tra i privati e la SIAE venivano fatti salvi.

Come dire che, nonostante l’illegittimità della norma impositiva dell’obbligo di apposizione del contrassegno e di pagamento del correlato balzello, SIAE avrebbe potuto trattenere la montagna di euro sin li incassati.

Si trattava di un’autentica aberrazione giuridica figlia di un’amministrazione [n.d.r. la Presidenza del Consiglio dei Ministri] che aveva ritenuto di poter difendere il proprio portafoglio e quello di un ente pubblico economico come la SIAE a discapito dell’interesse pubblico a che chi aveva versato milioni di euro in forza di una norma impositiva illegittima li riavesse indietro.

Chiamatelo senso di onnipotenza o, piuttosto, assenza totale di etica dello Stato. Il risultato non cambia.

Il Consiglio di Stato ha fatto ora giustizia e ricordato che un’amministrazione, con un Regolamento, non può riscrivere la storia a ritroso sollevando sé stessa ed un altro soggetto giuridico dall’obbligo di restituire a centinaia di imprese quanto indebitamente percepito.

La brutta storia del contrassegno SIAE e del balzello ad esso collegato – un balzello che, val la pena ricordarlo frutta, ogni anno, alla SIAE, circa dieci milioni di euro – è, ora, vicina al capolinea.

Stante il rifiuto della SIAE di restituire il maltolto, toccherà ai giudici tributari – cui la Corte di Cassazione ha attribuito la giurisdizione in materia – condannarla a restituirlo agli imprenditori.

Questi ultimi, dal canto loro, non dovranno far altro che chiedere indietro quanto versato almeno sino alla data di entrata in vigore della nuova disciplina ovvero fino al febbraio del 2009.

Un fiume di denaro che, in un momento di crisi, potrebbe, finalmente, tornare dove avrebbe dovuto restare: nelle casse delle imprese italiane che, invece, si sono ritrovate costrette a privarsene per deturpare le confezioni dei propri CD e DVD con odiose e costose pecette adesive.


Pubblicato da il 9 febbraio 2012 alle 21:02 in Diritto d'autore
Tags: , ,


2 Commenti per Caso “contrassegno SIAE”: è l’ora dei rimborsi

  1. A

    Fermo restando che il regolamento con cui si è parato il sedere alla SIAE anche secondo me non stava ne in cielo ne in terra, questo bollino che si dice tanto odiato teoricamente dovrebbe essere uno strumento d’aiuto a combattere la pirateria, dovrebbe esserci per un interesse di questi imprenditori.
    Ovviamente ogni servizio ha il suo costo, perchè questo non dovrebbe averlo? Gli imprenditori per quel pediodo di tempo non erano forse tutelati attraverso il bollino che garantiva il riconoscimento dei loro prodotti come originali? Potevano pretendere che questo loro interesse fosse tutelato gratuitamente, a spese dello stato?
    Questi imprenditori, diciamola tutta, sono solo dei distributori, rivendono un bene che non hanno creato quasi mai coi loro sforzi e investimenti, e da questo bene guadagno spesso anche somme consistenti. i veri autori di queste somme consistenti non vedono che una minima percentuale, intorno al 10%.
    Perciò che queste somme tornino in mano agli imprenditori non mi sembra una chissà che grande vittoria della giustizia

  2. linuxista

    secondo me un balzello in più per la pirateria! :) :))) … hackereggeremo sempre di piùùùù!!!!!!!!!!!!! copie illegali all in!.. grazie cassazione..!! :D

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Guido Scorza

avvocato, docente universitario, vicedirettore di Leggi Oggi

Rss Feed Facebook LinkedIn Twitter Google Plus


Articoli dello stesso autore

Privacy 29 aprile 2013, 09:04

Privacy: il Garante detta le istruzioni per l’adempimento agli obblighi di segnalazione

Ecco quali sono i principali obblighi contenuti nel recente provvedimento del Garante privacy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dello scorso 24 aprile

Politica 10 aprile 2013, 08:06

Governodelturismo.it: l’ultima eredità del Governo del Professore?

Evidentemente non sono bastati i 45 milioni di euro buttati dalla finestra per lo sviluppo del famoso portale del turismo italiano, “italia.it” del quale restano solo inchieste e macerie, né […]

Politica 17 febbraio 2013, 22:26

AGCOM: sondaggi per molti ma non per troppi

E’ uno di quei casi in cui la sconfitta precede il fischio di inizio, la partita che, nei prossimi mesi vedrà contrapposte, dinanzi ai giudici, la SWG, società di indagini […]

Diritto d'autore 30 ottobre 2012, 17:12

Opere orfane in digitale e online, al via direttiva Parlamento UE

Tutta una serie di istituti potranno riprodurre, digitalizzare indicizzare, catalogare e mettere a disposizione del pubblico tutte le opere orfane ovvero quelle in relazione alle quali nessuno dei titolari è stato individuato o rintracciato

Internet e responsabilità 29 agosto 2012, 15:25

Intermediari non vigilantes

La libertà fondamentale di ricevere e comunicare informazioni può essere limitata solo ove ciò risulti necessario e proporzionato rispetto al fine perseguito


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su