Speciale Jobs Act

Penale 8 febbraio 2012, 11:59

Il possesso della password non salva dall’accesso abusivo ad un sistema informatico

Le Sezioni Unite penali della Cassazione risolvono un contrasto giurisprudenziale sul tema. Condannato maresciallo dei C.C. che aveva usato un database investigativo a fini privati


Commette il reato di accesso abusivo a un sistema informatico chi possiede la password del database ma la utilizza per scopi diversi, e quindi illeciti, da quelli consentiti e previsti dal titolare del sistema.

Lo hanno affermato le Sezioni unite penali della Corte di cassazione, con la sentenza n. 4694 del 7 febbraio 2012, ponendo così termine a degli orientamenti contrastanti in seno alla Suprema Corte che si erano formati negli ultimi anni sull’argomento.

Nel caso specifico, i Giudici Ermellini hanno confermato la condanna emessa dalla Corte d’Appello di Roma nei confronti di un carabiniere che, nonostante avesse accesso ad un database investigativo riservato agli appartenenti dell’Arma (S.D.I. “Sistema di Indagine”) tramite regolare password, si era tuttavia servito del sistema, in un momento in cui non risultava in servizio, non al fine della conduzione di un’indagine ufficiale, bensì per meri scopi privati, in particolare per svelare informazioni riservate ad una sua conoscente per aiutarla in vista di un procedimento di separazione. Un fine pseudo gossipparo, potremmo definirlo. Da qui, l’accusa nei confronti del maresciallo di abuso di potere e di violazione dei doveri inerenti le funzioni di ufficiale di p.g.

Gli avvocati del carabiniere avevano basato la strategia difensiva sostenendo l’inapplicabilità dell’art. 615 ter c.p. “Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico” all’uomo, in quanto titolare di regolare chiave d’accesso al sistema, venendo a mancare così la qualifica di “hacker” necessaria per far scattare il reato in questione.

Tuttavia le Sezioni Unite della Cassazione, aderendo ad un orientamento restrittivo proprio della quinta sezione penale, hanno precisato che “integra la fattispecie criminosa di accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico protetto, prevista dall’art. 615-ter cod. pen., la condotta di accesso o di mantenimento nel sistema posta in essere da soggetto che, pure essendo abilitato, violi le condizioni ed i limiti risultanti dal complesso delle prescrizioni impartite dal titolare del sistema per delimitarne oggettivamente l’accesso. Non hanno rilievo, invece, per la configurazione del reato, gli scopi e le finalità che soggettivamente hanno motivato l’ingresso al sistema”.

Qui il testo integrale della sentenza delle Sez. Unite penali della Cassazione n. 4694/2012

 


Pubblicato da il 8 febbraio 2012 alle 11:02 in Penale
Tags: , ,


1 Commento per Il possesso della password non salva dall’accesso abusivo ad un sistema informatico

  1. Pingback: La Cassazione torna sull’intrusione nel sistema informatico

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Salute 19 aprile 2014, 09:03

Le allergie primaverili o pollinosi: sintomi, diagnosi e prevenzione

Cos’è il polline? E perché è causa di allergie? Come curarsi? Ecco una guida ai sintomi più diffusi in primavera, in fatto di allergie

Economia 17 aprile 2014, 17:35

Def 2014, storico sì in Parlamento: rinviato il pareggio di bilancio

Sì al Def 2014 del Parlamento: rinviato al 2016 il pareggio di bilancio

Social Network 17 aprile 2014, 13:02

Cassazione: diffamazione su Facebook anche se non si scrive il nome

Condannato un utente di Facebook per offese in un commento

Welfare 17 aprile 2014, 10:11

Decreto esodati 2014, in Gazzetta il testo ufficiale. Posti e requisiti

Via libera a 17mila nuove salvaguardie per gli esodati

Economia 17 aprile 2014, 08:11

Def 2014 oggi alla Camera: a caccia di coperture per i Quota 96

Licenziato il testo del Def 2014 dalla Commissione Bilancio


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su