Speciale riforma PA

Lavoro 7 febbraio 2012, 13:59

Mammà e papà sono il vero welfare italiano… ma non ditelo alla Cancellieri!

Affermare che i giovani non vogliono lavorare lontani da mammà e papà è un insulto grave a tutte le famiglie


Ormai le intemerate dei componenti del Governo sono a getto continuo e senza freni, tutte frutto di un repertorio tanto odioso, quanto stantio: i giovani a 28 anni non laureati “sfigati”, il posto fisso “monotono”, le tutele “da spalmare” (come la marmellata nei panini), i giovani “bamboccioni”, e, naturalmente, indisponibili a cercare lavoro lontani da “mammà e papà”.

Battute da Bagaglino in salsa tecnico-liberista de noantri, che lasciano pensare al paradosso di un governo “tecnico” sempre più portato a dire, fare, colloquiare in un modo che più “atecnico” non potrebbe.

L’ultima uscita del Ministro dell’interno è irritante di per sé, ma tanto più se detta lo stesso giorno in cui si è appreso che la figlia del Ministro del lavoro lavora nella stessa università di mamma e papà e la fondazione che presiede è finanziata dalla banca presso cui lavora la mamma, e, ancora, se proveniente da un ex prefetto. Sì, proprio uno di quei funzionari che il problema della casa, nel caso di trasferimenti, non ce l’ha perché gliela mette a disposizione lo Stato. Anzi, nella realtà i “padroni di casa” dei prefetti sono le province. Vuoi vedere che con la loro soppressione ci troviamo anche i prefetti “flessibilizzati” ed in cerca di casa in affitto, come tutti gli altri mortali?

In ogni caso, l’uscita, la ripetizione, questa sì monotona e rafferma, che i giovani non vogliono lavorare lontani da mammà e papà è veramente un insulto grave a tutte le famiglie. Il tanto decantato “nucleo familiare”, buono per parlarne nei convegni e per presentare promesse in campagna elettorale, ma mai destinatario di politiche sociali e di incentivo degne di tal nome.

E dire che non mancano ministeri, assessorati, commissioni, per le “pari opportunità”, sempre impegnatissimi a finanziare convegni, seminari, pièce teatrali, ricerche per capire quali sono i bisogni e le necessità delle famiglie, senza mai spendere un centesimo per la necessità più evidente e sotto gli occhi di tutti: costruire tanti, efficienti ed accoglienti asili nido. La cui assenza è la prima ragione per la quale in Italia la natalità è sensibilmente più bassa rispetto ad altre Nazioni, come Francia, Germania e Paesi Scandinavi, ove le politiche per la famiglia sono esattamente opposte, ricche di investimenti ed incentivi alle persone ed allo stato sociale.

La famiglia, in Italia, è stata regolarmente ignorata e spennata, perché priva di politiche per incentivare la natalità e la cura dei minori, aggredita dalla tassazione sulla casa o vittimizzata dai costi per gli affitti insostenibili.

E tuttavia, la famiglia, mammà e papà, ha supplito in questi lustri all’assenza di un welfare vero ed organizzato. I genitori ospitano figli che non riescono a trovare lavoro e casa, spesso lasciano loro il trattamento di fine rapporto per consentire loro l’ingresso nel lavoro e l’accesso ad un’abitazione.

Come si può, seriamente, imputare ai giovani di non voler abbandonare mammà e papà, in una società che non ha, essa, alcuna flessibilità organizzativa. Se vuoi muoverti in treno dal sud al nord ormai non hai più i convogli; il mercato delle case in affitto è totalmente in nero, bloccato; il mercato del lavoro poco trasparente perché le aziende si rifiutano di seguire canali ufficiali e pubblici di ricerca, ma utilizzano solo le “conoscenze”, sicchè se non hai l’amico di “papà” hai poche chance di trovare qualcuno che ti assuma. Inoltre, le banche, il “paradiso” del liberismo e della “flessibilità”, quelle stesse banche che hanno causato la crisi finanziaria apertasi nel 2008, che hanno avuto la forza di imporre i propri “tecnici” alla guida del Paese, se non vedono la firma di “mammà e papà” a garanzia, il prestito per aprire un’impresa o comperare una casa te lo fanno vedere col binocolo, ridendoti in faccia.

La famiglia, mammà e papà, ha fatto e fa da ammortizzatore sociale e i nostri genitori, come noi genitori, stiamo garantendo la tenuta anche democratica, oltre che sociale, del Paese.

Sfottere o insultare i giovani e, indirettamente, le loro famiglie è indice di una protervia imperdonabile e segno che le idee su come riformare davvero, dove destinare le risorse sottraendole ai tanti sprechi, purtroppo ancora mancano o sono molto, molto confuse.


Pubblicato da il 7 febbraio 2012 alle 13:02 in Lavoro
Tags: , , , ,


1 Commento per Mammà e papà sono il vero welfare italiano… ma non ditelo alla Cancellieri!

  1. Ancora una volta il Governo dimostra l’assoluto distacco dalla realtà di tutti i giorni, stante l’assoluta condizione di privilegio in cui versano i suoi componenti.
    Dispiace dirlo, vista anche l’attuale situazione in cui si trova l’Italia, ma la soluzione alla nostra condizione non potrà essere ancora a lungo “tecnica”, poichè è necessaria anche quella “politica” sebbene gli scenari attuali non siano assolutamente incoraggianti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Luigi Oliveri

dirigente pubblico, saggista, docente di diritto amministrativo

Rss Feed LinkedIn


Articoli dello stesso autore

Amministrativo 26 novembre 2014, 15:25

Province verso il default: ma ne valeva davvero la pena?

Dopo la riforma Delrio, si materializzano tagli ai servizi, difficoltà nella gestione degli oltre 56mila dipendenti e i problemi dello svolgimento funzioni

Amministrativo 22 ottobre 2014, 15:05

Città metropolitane? Costeranno più delle province

Due miliardi sono due miliardi e non quattro o tre. Una buona riforma è buona se produce effetti veri e buoni, non se è un caos più costoso. Basterebbero queste banalissime asserzioni “alla Catalano”, per certificare che la riforma Delrio delle province è il fallimento totale che si è sempre pronosticato ed evidenziato.

Amministrativo 20 ottobre 2014, 11:23

Legge di stabilità: tagli mostruosi alle province che annunciano nuove tasse

Tagli forfettari e lineari alla Tremonti: il governo con la legge di stabilità 2015 colpisce le Province e le disposizioni della legge Delrio non servono a niente.

Amministrativo 1 ottobre 2014, 08:39

Province: il presidente assorbe le competenze della soppressa giunta

Mentre si tengono le elezioni, decadono i vecchi organi, presidente, giunta e consiglio, e subentrano i nuovi. Ma nessuno rimpiazza la giunta provinciale

Amministrativo 22 settembre 2014, 15:12

Il tabù degli slogan falsati sulla dirigenza, duri, durissimi a morire

Non è assolutamente vero che i dirigenti pubblici non possano essere licenziati: ecco le risposte ad alcuni dei più frequenti slogan sulla PA


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su