Speciale riforma PA

Europa 23 gennaio 2012, 18:03

News dall’Europa in materia di sprechi alimentari

La Commissione per l’Agricoltura e lo Sviluppo rurale del Parlamento UE propone una risoluzione per affrontare con urgenza il problema dello spreco alimentare negli Stati dell’Unione


In questi giorni, la Commissione per l’Agricoltura e lo Sviluppo rurale del Parlamento Europeo ha portato all’attenzione dell’assemblea di Strasburgo una propria proposta di risoluzione, da fare adottare alla Commissione Europea.

Il testo, illustrato dal relatore europarlamentare Salvatore Caronna, si pone lo scopo di inserire, nell’agenda delle istituzioni comunitarie (e dunque anche in quella della stessa Commissione Europea! ), la priorità di “affrontare con urgenza il problema dello spreco alimentare (negli Stati dell’Unione) lungo tutta la catena dell’approvvigionamento e del consumo” e di “definire strategie per migliorare l’efficienza della catena agroalimentare comparto per comparto“.

Per esattezza e completezza di dati, dobbiamo ulteriormente specificare che il su citato testo della Commissione Agricoltura di Strasburgo denuncia come lo spreco di cibo risulti insostenibile sia da un punto di vista sociale che da un punto di vista ambientale. Con una popolazione mondiale in continua crescita ( nonché con 79 milioni di individui che, solamente all’interno dell’UE, vivono ancora al di sotto della soglia della povertà ), sprecare le risorse alimentari diviene un fatto assolutamente intollerabile.

Se poi si voglia considerare l’impatto provocato sull’ambiente dallo spreco di alimenti, si consideri che ogni anno le enormi quantità di cibo non consumato ( 89 milioni di tonnellate! ) producono ben 170 milioni di tonnellate di anidride carbonica. Ed è ovviamente inutile specificare come e quanto tale gas possa essere il responsabile, insieme al metano (sempre derivato da sostanze alimentari non consumate), dell’effetto serra che affligge il nostro globo. Oltre al danno ambientale causato dal cibo non utilizzato, vanno poi considerate, come ulteriore nocività, le notevoli spese per il trattamento e lo smaltimento degli alimenti/rifiuti.

Così, in base a quanto poc’anzi esposto, la risoluzione della Commissione per l’Agricoltura e lo Sviluppo rurale del Parlamento Europeo chiede “una strategia coordinata, seguita da azioni concrete e da uno scambio delle migliori prassi a livello europeo e nazionale“, così da migliorare il coordinamento tra gli Stati membri, nell’ottica di evitare e prevenire gli sprechi alimentari e di migliorare l’efficienza della catena agroalimentare. Inoltre, suggerisce di “promuovere relazioni dirette fra i produttori ed i consumatori, accorciando la catena dell’approvvigionamento alimentare ( secondo il concetto della filiera corta )“. In più: si vorrebbero indurre tutti i soggetti interessati, al fine di farli adoperare per il miglioramento ulterioriore della logistica, del trasporto, nonché della gestione delle scorte e degli imballaggi. E tutto ciò, perchè – come spiega sempre la risoluzione in oggetto – nei Paesi industrializzati la parte più consistente dello spreco alimentare si concentra nelle ultime fasi, ovvero in quelle della distribuzione e del consumo.

In conclusione: la lotta allo spreco delle sostanze commestibili dovrà divenire una priorità all’interno dell’agenda politica europea. In tal senso, si chiedono – alla Commissione Europea, al Consiglio UE, ed a tutti gli Stati membri – strategie e misure di una certa concretezza.

Iniziando – perchè no? – da una consistente sensibilizzazione dell’informazione. A mo’ d’esempio, la stessa Commissione per l’Agricoltura ha richiesto insistentemente di proclamare il 2014 “Anno Europeo contro gli sprechi alimentari“.


Pubblicato da il 23 gennaio 2012 alle 18:01 in Europa
Tags: , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Antonio Ruggeri

Giurista “umanista”

Rss Feed


Articoli dello stesso autore

Avvocati Professioni 4 aprile 2014, 15:45

Cassazione: diniego di onorario all’avvocato negligente

Per la cassazione chi svolge il patrocinio legale è tenuto a risarcire in prima persona il danno da lui causato al proprio cliente

Novità Codice Strada 4 febbraio 2014, 09:04

Unione europea e assicurazioni italiane

Sono legittimi i risarcimenti calmierati per alcuni danni da sinistro stradale

Salute 23 gennaio 2014, 15:01

Gennaio 2014: novità in campo di responsabilità mediche

La Corte ha sentenziato la “colpa grave“ di un medico che col decreto Balduzzi non era prevista.

Bioetica 12 aprile 2013, 08:00

Bioetica. Di nuovo problemi in materia di fecondazione eterologa

Il Tribunale di Milano ha invitato la Consulta ad esprimersi circa la conformità della legge 40 del 2004 ai princìpi della Costituzione

Bioetica 19 marzo 2013, 08:00

Cellule staminali: l’odissea della piccola Sofia

Il pericolo di discriminazione nei confronti del paziente e l’epilogo della storia della piccola Sofia


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su