Speciale Jobs Act

Civile 17 gennaio 2012, 00:10

Il cambio del cognome di persona maggiore di età

Un ragazzo maggiorenne, a seguito di peculiari avvenimenti che riguardano la sua vita, decide di cambiare cognome. Quali ostacoli incontrerà?


Un ragazzo, ormai divenuto maggiorenne, a seguito di peculiari avvenimenti che riguardano la sua vita, decide di cambiare cognome. Tale decisione matura con forza nel giovane, dopo essere venuto a sapere che il cognome posseduto lo lega ad un uomo, ad un presunto padre, che nella realtà dei fatti ‘’non lo è’’. Il ragazzo, infatti, viene cresciuto dalla madre naturale e dal suo compagno, quest’ultimo reale punto di riferimento del giovane e quindi reale figura paterna. Il giovane, neo maggiorenne, si trova così a dover far fronte ad una verità diversa! Risultano essere due le iniziative che il giovane protagonista decide di intraprendere: in primis, promuovere l’istanza per il mutamento del cognome (appare doveroso, a parere del ragazzo, assumere il cognome di colui che da sempre si è mostrato un vero padre, ovvero il compagno della madre!) e, in contemporanea, l’azione di disconoscimento di paternità.

Ebbene, prima di analizzare la normativa che disciplina il caso descritto, è bene volgere l’attenzione alla Carta Costituzionale, ove risulta essere espressamente tutelata l’identità personale, ex art. 2 Cost.L’identità personale è un mero diritto soggettivo, inteso come diritto ad essere se stessi e a far sì che venga rispettata l’immagine di partecipe alla vita associata, nonché le proprie idee, esperienze, convinzioni e quindi tutto ciò che contribuisce a formare l’individuo. Il diritto al nome, nello specifico, costituisce uno dei diritti fondamentali di ciascun individuo, ex artt. 2, 22 Cost.. Costituzionalmente parlando, si individua, quindi, un’espressa difesa della personalità nella sua ‘’complessità’’ ed ‘’unitarietà’’.

L’art. 6 c.c., rubricato ‘’diritto al nome’’, sancisce chiaramente il principio dell’immutabilità del nome e del cognome‘’ogni persona ha diritto al nome che le è per legge attribuito. Nel nome si comprendono il prenome e il cognome. Non sono ammessi cambiamenti, aggiunte o rettifiche al nome, se non nei casi e con le formalità dalla legge indicati’’. Per cui il cambio e la modifica del nome e del cognome rivestono caratteri eccezionali e possono essere ammessi solo in presenza di ‘’situazioni cc.dd. rilevanti’’. Si pensi ad un cognome ridicolo o vergognoso o perché rivela l’origine naturale o ‘’per motivi diversi’’ (…). Il D.P.R. – 3 novembre 2000, nr. 396, ex artt. 84 et ss., disciplina l’iter amministrativo necessario per promuovere l’istanza relativa al cambiamento del nome e/o cognome. Quest’ultima, infatti, va inoltrata al Prefetto del luogo di residenza o nel cui territorio è situato il comune che ha l’atto di nascita trascritto. Istanza che verrà accolta solo in caso di motivazioni significative e profonde, per poi essere trasmessa al Ministero dell’Interno. Il Prefetto, pertanto, in un’iniziale fase di valutazione dell’istanza, dovrà assumere essenziali informazioni e successivamente esprimere un proprio parere tecnico da trasmettere al Ministro competente. Per quanto concerne l’eventuale, contemporanea, azione di disconoscimento della paternità si rinvia all’articolo di recente pubblicato. In questa sede vi è solo da rilevare il termine di decadenza all’esercizio dell’azione, la quale potrà essere intrapresa (ex art. 244 c.c.): dal figlio, entro 1 anno dal compimento della maggiore età o dal momento in cui venga successivamente a conoscenza dei fatti che rendono ammissibile il disconoscimento.

Non di recente, la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 12641 del 26 maggio 2006, ha affermato, con enfasi, che ”bisogna avere essenziale riguardo all’identità personale posseduta dal minore nell’ambiente in cui è cresciuto (…)”. Il minore, o il ragazzoa dir della Corte, prende consapevolezza della sua identificazione cognominale, frequentando le organizzazioni educative scolari, maturando una precisa identità personale per il fatto di essere conosciuto nella cerchia sociale dove vive (con il cognome posseduto!)”.

Insomma, partendo da queste basilari ragioni normative e giurisprudenziali, di regola, non è ammesso il mutamento del nome e/o cognome! Se ciò avvenisse, con facilità ed automaticità, si assisterebbe ad un palese nocumento alla serena ed equilibrata crescita psicofisica della persona ed alla sua vita di relazione. Ma ci si chiede: se il cognome si è radicato nel contesto sociale in cui il giovane, ora maggiorenne, si trova a vivere (identificandolo personalmente), permettere il mutamento del cognome significherebbe, sempre e comunque, concretizzare una privazione di un elemento essenziale della personalità? Oppure, in qualche modo, gioverebbe all’interessato rispetto, per esempio, ad una ‘’verità diversa’’ che lo riguarda direttamente e che potrebbe condizionarlo maggiormente nel futuro?


Pubblicato da il 17 gennaio 2012 alle 00:01 in Civile
Tags: , , , , , ,


1 Commento per Il cambio del cognome di persona maggiore di età

  1. Fulvio

    Buongiorno, una domanda a proposito del cambio di cognome.
    Il caso che sottopongo riguarda un minore che raggiungerà la maggiore età a breve.
    Si tratta di una situazione abbastanza complessa in quanto di nascita non italiana ma adottato 5 anni orsono , quindi naturalizzato italiano.

    Questa adozione purtroppo si è rivelata un fallimento in quanto a causa di incompatibilità, ha abbandonato la famiglia adottiva ed il tribunale dei minori lo ha affidato ad una comunità di accoglienza.
    Ora io, con moglie e figlio lo abbiamo conosciuto circa due anni fa’, frequentando da volontari come famiglia di appoggio la comunità che lo ospitava ed il rapporto che si è creato è ottimo, al punto che egli stesso ha espresso il desiderio di poter venire a vivere con noi appena raggiunta la maggior età. In questo frangente, il ragazzo valutava anche appunto, la possibilità di abbandonare il cognome della famiglia che lo adottò 5 anni fa’.
    La mia domanda riguarda la fattibilità del cambio con il mio cognome, alla luce degli eventi sopra esposti e se questo cambio possa esulare da una adozione vera e propria, almeno nell’immediato.
    Ringraziando resto in attesa di una gradita consulenza.
    Fulvio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Tiziano Solignani

papà, blogger, scrittore, avvocato

Rss Feed Facebook LinkedIn Twitter Google Plus


Articoli dello stesso autore

Avvocati 7 gennaio 2013, 10:15

La legge di riforma forense: un punto di partenza e non di arrivo

Caratteristiche e natura della nuova legge regolante la professione forense

Civile 4 novembre 2012, 13:09

Convivenza more uxorio, la Cassazione interviene sull’arricchimento ingiustificato

Quando finisce una convivenza chi se ne va può chiedere indietro le spese per l’acquisto della casa?

Mediazione 26 ottobre 2012, 07:00

Mediazione e mediatori: questione di saggezza (e di autorevolezza!)

La mediazione, non è, o non è solo, una tecnica, ma richiede caratteristiche che il nostro corpo di giuristi è andato sempre più perdendo: il prestigio, l’autorevolezza, la finezza interpretativa, la preparazione e l’umanità, intesa come empatia

Civile 9 ottobre 2012, 15:17

Rilevabilità d’ufficio della nullità del contratto, la Cassazione fa chiarezza!

Il giudice chiamato a pronunciarsi sulla risoluzione di un contratto, di cui emerge la nullità dai fatti allegati e provati, non può sottrarsi all’obbligo del rilievo

Avvocati Concorrenza 23 agosto 2012, 18:12

La pubblicità degli avvocati è legittima quando incide sulla sfera razionale e non su quella emotiva degli utenti

A proposito della recente sentenza della Cassazione, n. 14368 del 10 agosto 2012


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su