Speciale riforma PA

Professioni 16 dicembre 2011, 14:05

Concorso Magistratura: perché si può partecipare solo 3 volte?

Qualche dubbio sulla legittimità costituzionale della procedura di selezione. Perché non chiedere ad un giudice?


È noto che alcuni concorsi pubblici possono essere sostenuti per non più di tre volte: tra questi, innanzitutto il concorso per magistrato ordinario, al quale non possono accedere “coloro che, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda, sono stati dichiarati non idonei in tre concorsi per l’ammissione in magistratura”.

Viene da chiedersi se disposizioni di tal genere siano compatibili con la Costituzione o, quanto meno, se siano costituzionalmente orientate, se cioè, pur ammessa la loro legittimità costituzionale, siano in grado di attuare pienamente lo spirito e la ratio propri dei principi costituzionali.

Un limite di tal genere, certamente, non si rinviene nelle disposizioni costituzionali, che sono improntate ad una logica opposta volta, al contrario, alla rimozione di ostacoli all’effettiva partecipazione di tutti i cittadini all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Così recita l’art. 3 Cost: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Esso sembra volerci suggerire di confidare nelle nostre capacità in quanto la Repubblica farà di tutto per consentire il pieno sviluppo della persona umana, cui necessario presupposto è la piena realizzazione delle proprie aspirazioni lavorative e professionali.

Allora perché una legge può stabilire che dopo tre giudizi negativi non siamo e non possiamo mai più essere idonei a quella professione? Le possibilità di miglioramento delle conoscenze e delle competenze sono inesauribili e, d’altro canto, sono innumerevoli le variabili temporanee che possono pregiudicare il buon esito di una prova concorsuale: perché dunque, dopo 3 insuccessi, si è ritenuti definitivamente inetti a quel lavoro?

Il Costituente non sembra pensarla allo stesso modo, confidando al contrario nelle capacità di progresso e di sviluppo della persona. Compito della Repubblica è, infatti, quello di favorire la piena realizzazione personale, anche e soprattutto nel mondo del lavoro, non certo quello di porvi un limite.

Stabilisce a tal proposito l’art. 4: “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.

Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

Può forse dirsi che tra le condizioni che rendano effettivo il diritto al lavoro rientra quel limite che non consente nemmeno la partecipazione al concorso a chi è già risultato inidoneo per tre volte?

A ciò si aggiunga il fatto che, nel concorso per magistrato, il giudizio di inidoneità può derivare da un’insufficienza relativa ad uno soltanto dei tre elaborati scritti della stessa procedura concorsuale, dato che i voti riportati nelle prove scritte non formano media tra loro: così, se si ottiene un ottimo voto, anche il massimo, in due elaborati (ad esempio, quelli di diritto civile e diritto penale), ma “N.I.” (non idoneo) nell’altro (ad es. di diritto amministrativo), ne deriva un complessivo giudizio di inidoneità; se la stessa cosa si ripete per altri due concorsi, si è “tagliati fuori” per sempre da quella professione, sulla base di soli 3 temi con giudizi negativi a fronte complessivamente di 9 fatti, di cui 6 con giudizi positivi. E ciò è, spesso, conseguenza di tracce mal formulate o poco chiare, che potrebbero, addirittura, sembrar contenere errori giuridici!

Per non parlare poi di quei casi in cui, nonostante si sia miracolosamente riusciti a superare il grosso scoglio delle prove scritte, arrivi a stroncare ogni speranza un giudizio di inidoneità nelle prove orali; e ciò a causa ad es. di un’insufficienza nella lingua straniera prescelta!

Per di più, l’art. 4 Cost. non stabilisce una generica possibilità di svolgere il lavoro che si vuole, ma riconosce un potere-dovere di lavorare concorrendo al progresso della società, ponendo come unici parametri “le proprie possibilità e la propria scelta”. Corrisponde forse ad una propria scelta l’abbandono delle proprie aspirazioni professionali, a causa di un giudizio negativo formulato da altri uomini, altrettanto fallibili, e sulla base di una valutazione comparatistica con altri candidati?

Se le proprie possibilità consentono margini indefiniti di miglioramento, perché non dare nemmeno la possibilità di verificarlo in altri e successivi concorsi per la stessa funzione?

L’art. 97 Cost., disponendo al 3° comma “Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso, salvo i casi stabiliti dalla legge”, e, soprattutto, l’art. 106 Cost. (“Le nomine dei magistrati hanno luogo per concorso”) contengono norme volte a consentire l’accesso ai pubblici uffici più ampio ed equo possibile, senza favoritismi e senza restrizioni. I casi, in cui l’accesso non avviene mediante concorso, sono eccezionali.

Le norme costituzionali, dunque, sembrano ipotizzare due vie: o non è richiesto un concorso per accedere ai pubblici impieghi, compreso quello di magistrato (eccezioni stabilite da legge), o è richiesto e tanto basta (regola), senza essere posta alcuna altra condizione o tanto meno autorizzato un ulteriore limite legislativo.

Su cosa si fonda, dunque, la disposizione legislativa che limita solo a 3 possibili i giudizi di inidoneità? E perché poi 3 e non 1 o 2 o 4 o 5 ecc…ecc…? Risponde, forse, all’esigenza di limitare il numero dei partecipanti per contenere le spese organizzative e gestionali della procedura concorsuale? Ma in tal caso potrebbe valutarsi il ricorso ad altri espedienti più equi, quale, ad esempio, un minimo costo a carico di chi presenta la domanda di partecipazione al concorso.

A tali riflessioni, occorre aggiungere la considerazione che il concorso per magistrato ordinario è stato, da ultimo, reso un concorso di seconda fascia, ovverosia un concorso per il quale sono richiesti titoli ulteriori a quello della laurea: ciò presuppone un maggior grado di competenza e di expertise dei partecipanti e, dunque, una competizione concorsuale più serrata che rende più arduo il successo e che parrebbe giustificare ancor meno la definitività di un giudizio “inidoneo” avuto in tre differenti concorsi.

Infine, resta da chiedersi se può dirsi superato il limite di partecipazione di tre volte per chi ha sì preso parte a 3 procedure concorsuali di accesso alla funzione di magistrato, ma queste differiscono tra loro a seguito delle modifiche legislative apportate.

Qualche spiegazione si rende qui necessaria.

Prima delle novità introdotte dal D.Lgs. n. 160/2006 (e dalla legge 111/2007), il concorso per magistrato era essenzialmente così configurato:

  1. denominato “concorso per uditore giudiziario”;
  2. accessibile col solo titolo di laurea;
  3. con 2 prove scritte.

Dopo, è diventato un concorso :

  1. definito “concorso per magistrato ordinario”;
  2. di seconda fascia (per il quale non basta più il solo titolo di laurea);
  3. con 3 prove scritte.

A seguito di tali modifiche, può ragionevolmente sostenersi che si tratti dello stesso tipo di concorso? E, dunque, che la partecipazione al primo tipo, con esito “inidoneo”, possa cumularsi con quella/e al secondo, di pari esito, e contribuire a considerare così raggiunto quel numero massimo di possibili partecipazioni ai concorsi per magistratura?

Varrebbe, forse, la pena di sottoporre l’interrogativo ad un giudice vero, magari impugnando, dinanzi al T.A.R. competente, anche l’attuale bando di concorso per magistrato.

Ma, soprattutto, varrebbe ancor più la pena sottoporre il dubbio circa la legittimità costituzionale, sotto il profilo della ragionevolezza, di disposizioni legislative che pongono limiti massimi al numero di volte in cui si può prendere parte ad un concorso pubblico, come quello per diventare magistrato.

Nel segno dell’iniziativa “L’Italia che vorremmo”, lanciata sulle pagine di Leggi Oggi, consiglio un articolo che reca qualche proposta di modifica legislativa della procedura di selezione dei magistrati.


Pubblicato da il 16 dicembre 2011 alle 14:12 in Professioni
Tags: , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ersilia Guzzetta

avvocato amministrativista, giramondo, internazionalista

Rss Feed Facebook LinkedIn Twitter


Articoli dello stesso autore

Professioni 16 dicembre 2011, 14:05

Concorso Magistratura: perché si può partecipare solo 3 volte?

Qualche dubbio sulla legittimità costituzionale della procedura di selezione. Perché non chiedere ad un giudice?

Professioni 15 novembre 2011, 13:55

Concorso Magistratura 2011: si parte già male

Bando a rischio bocciatura innanzi al TAR se non interverrà il nuovo Governo

Varia 26 febbraio 2011, 08:00

La “rivoluzione francese” del Nordafrica

Ora come non mai, il popolo nordafricano esprime autenticamente e tragicamente la volontà di autodeterminarsi, nel significato più profondo ed autentico del termine

Amministrativo 14 febbraio 2011, 09:03

DURC e tracciabilità: da verifica della regolarità delle imprese ad alibi per i ritardi nei pagamenti

Le imprese non possono ottenere il DURC e quindi proprio quel pagamento da parte della PA che è all’origine dell’irregolarità


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su