Addio Monti, le province sopprimende vanno in cielo; enti inuguali, noti a chi é cresciuto tra voi, e impressi nella sua mente, ma meno a chi vellica i populismi più familiari e invocano l’abolizione, plaudenti, dé quali distingue lo scroscio, come il suono delle voci domestiche; dipendenti sparsi e sbigottiti nell’incertezza, come branchi di pecore pascenti; addio!

CONDIVIDI
Articolo precedente“Le conquiste di libertà non sono mai definitive…”
Articolo successivoMonti alla Camera: “Senza questo pacchetto l’Italia crolla..”
Luigi Oliveri
Di lontano figura a me mostrossi Alloro sul capo e in toga nera Un dotto ei parea; io mi commossi Quando lo duca mio, che con me era a me disse “favellagli, Alighieri” Guatando la figura molto austera Così, gli chiesi di ben curriculare Rispose la figura: Luigi Oliveri E' lo nome che a me si suole dare Laureommi, sì, e non da ieri Giurisprudenza è la facoltade Che frequentai; e lusinghieri Esiti ottenni nell'universitade E 100 e 10 fu valutazione nella Palermo, la mia cittade Giornalismo fu prima aspirazione Che cuore e spirto mio pervase Ma poi, rivolsi mia attenzione A enti locali in seguente fase De la mia attività lavorativa E la residenza mia rimase In scaligera terra. Ne deriva Annuale esperienza dirigente Dopo svolta carriera direttiva Lo scriver rimase in me latente Articoli ed anche libri pubblicai Di giornalismo, evidentemente Passion e velleità non più lasciai Di altro impulso ebbi ispirazione E fu così che poscia realizzai Che lo contatto con altre persone E il ragionar di leggi e di diritto Spingea a cimentar la formazione

2 COMMENTI

  1. A Luigi Olivieri per il divertente “PARAFRASANDO MANZONI”. Segnalo un refuso (sperando che sia tale!): dé (monti) va scritto “de’ ” in quanto l’apostrofo indica la troncatura della parola “dei”. Ad majora!

  2. Anche a me è venuta voglia di parafrasare Manzoni:

    «Costui (il governo Monti), da una sua finestrina che dominava un cortiletto di quel
    quartiere (la Penisola), avendo veduta Gertrude (la Nazione) qualche volta passare o girandolar lì, per ozio, allettato anzi che atterrito dai pericoli e dall’empietà dell’impresa, un giorno osò rivolgerle il discorso (alle Camere). La sventurata (Italia) rispose».

SCRIVI UN COMMENTO