Speciale riforma PA

Civile 22 novembre 2011, 13:38

Il nuovo testamento biologico in Italia secondo il disegno di legge approvato alla Camera

Il ddl pende al Senato, arriverà alla fine prima dello scioglimento delle Camere?


Non si parla più di testamento biologico, anche se pende al Senato il disegno di legge già approvato dalla Camera quest’estate.

Si tratta di un articolato normativo che verrà a cadere nel momento in cui il Parlamento dovesse essere sciolto.

E’ utile riassumere i punti salienti del disegno di legge:

1) Le dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT) non sono vincolanti per i medici ed escludono la possibilità di sospendere nutrizione ed idratazione al paziente, salvo in casi terminali.

2) Le dichiarazioni anticipate di trattamento sarebbero applicabili solo qualora il paziente dimostrasse un’accertata assenza di attività cerebrale.

Il testo legislativo si compone di otto articoli.

Articolo 1
“Riconosce e tutela la vita umana, quale diritto inviolabile e indisponibile, garantito anche nella fase terminale dell’esistenza e nell’ipotesi in cui la persona non sia più in grado di intendere e di volere, fino alla morte accertata nei modi di legge”, e vieta esplicitamente “ogni forma di eutanasia e ogni forma di assistenza o di aiuto al suicidio, considerando l’attività medica e quella di assistenza alle persone esclusivamente finalizzate alla tutela della vita e della salute nonchè all’alleviamento della sofferenza”. Risulta quindi assolutamente vietata ogni interruzione al malato, seppure in stato vegetativo, di alimentazione ed idratazione artificiali.

Articolo 2
E’ quello sul consenso informato: “Salvo i casi previsti dalla legge, ogni trattamento sanitario è attivato previo consenso informato esplicito ed attuale del paziente prestato in modo libero e consapevole”.

Articolo 3
Definisce le modalità ed i limiti delle dichiarazioni anticipate di trattamento, nelle quali il dichiarante “esprime orientamenti e informazioni utili per il medico, circa l’attivazione di trattamenti terapeutici purchè in conformità a quanto prescritto dalla presente legge”. La normativa prevede, in sostanza, che il paziente possa dichiarare esplicitamente quali trattamenti ricevere per una sua grave patologia futura, ma che non possa escludere quelli a cui non desidera essere sottoposto. In ogni caso, il testo ribadisce che alimentazione ed idratazione “dovranno essere mantenute fino al termine della vita, ad eccezione del caso in cui le medesime risultino non più efficaci nel fornire al paziente i fattori nutrizionali necessari alle funzioni fisiologiche essenziali del corpo. Esse non possono formare oggetto di dichiarazione anticipata di trattamento”.
L’articolo prevede anche in quale preciso momento dovrebbe scattare, per il paziente, l’applicazione del proprio testamento biologico. L’applicazione del biotestamento potrà avere inizio solamente per chi si trovi “nell’incapacità permanente di comprendere le informazioni circa il trattamento sanitario e le sue conseguenze per accertata assenza di attività cerebrale integrativa cortico-sottocorticale “. Si parla, pertanto, di un paziente che non possa più “ assumere decisioni che lo riguardano”.

Articolo 4
Stabilisce che le DAT abbiano valore per 5 anni e siano rinnovabili.

Articolo 5
Prevede che, entro 2 mesi dal varo della legge, vengano istituite dal Ministero della Salute “ linee guida “, cui le Regioni dovranno conformarsi “ per assicurare l’assistenza ospedaliera, residenziale e domiciliare per i soggetti in stato vegetativo “.

Articolo 6
Fissa la figura del fiduciario nominato dal dichiarante della DAT. Tale fiduciario costituirebbe “l’unico soggetto legalmente autorizzato ad interagire con il medico” ( per quanto riguarda le volontà espresse nella DAT stessa ). Se un paziente non dovesse nominare un fiduciario ( il quale, fra l’altro è sostituibile in ogni momento dallo stesso soggetto nominante ), i compiti di quello saranno adempiuti dai familiari nell’ordine previsto dal codice civile.

Articolo 7
Sancisce che il biotestamento non sarà vincolante per il medico. “Gli orientamenti espressi dal soggetto nella sua dichiarazione anticipata di trattamento – si legge infatti nel testo – sono presi in considerazione dal medico curante che, sentito il fiduciario, annota nella cartella clinica le motivazioni per le quali ritiene di seguirle o meno”. Il nuovo testo di legge non parla più, fra l’altro, del “ collegio dei medici “, inizialmente previsto per dirimere eventuali controversie tra medico e fiduciario.

Articolo 8
Istituisce il registro delle DAT “nell’ambito di un archivio unico nazionale informatico. Il titolare del trattamento dei dati contenuti nel predetto archivio è il Ministero della Salute”.


Pubblicato da il 22 novembre 2011 alle 13:11 in Civile
Tags:


3 Commenti per Il nuovo testamento biologico in Italia secondo il disegno di legge approvato alla Camera

  1. Pingback:   Il nuovo testamento biologico in Italia secondo il disegno di legge approvato alla Camera | yoursite

  2. Franzina Bilardo

    Ringrazio per l’estrema rilevanza della notizia e per la linearità con cui sono state riportate le linee essenziali della tanto attesa riforma normativa.
    Si tratta di una materia che, personalmente, ritengo importantissima e sulla quale è assolutamente necessario avere idee chiare e precise sui nodi fondamentali che l’applicazione della stessa comporta.
    Conoscendo la finezza ed il livello culturale dell’Autore, mi auguro che possa seguire – per noi utenti – gli ulteriori svolgimenti della novella legislativa e tenerci adeguatamente informati sul relativo percorso parlamentare.

  3. Pingback: Il nuovo testamento biologico in Italia secondo il disegno di legge approvato alla Camera | POLITICA DEI SERVIZI SOCIALI

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Antonio Ruggeri

Giurista “umanista”

Rss Feed


Articoli dello stesso autore

Avvocati Professioni 4 aprile 2014, 15:45

Cassazione: diniego di onorario all’avvocato negligente

Per la cassazione chi svolge il patrocinio legale è tenuto a risarcire in prima persona il danno da lui causato al proprio cliente

Novità Codice Strada 4 febbraio 2014, 09:04

Unione europea e assicurazioni italiane

Sono legittimi i risarcimenti calmierati per alcuni danni da sinistro stradale

Salute 23 gennaio 2014, 15:01

Gennaio 2014: novità in campo di responsabilità mediche

La Corte ha sentenziato la “colpa grave“ di un medico che col decreto Balduzzi non era prevista.

Bioetica 12 aprile 2013, 08:00

Bioetica. Di nuovo problemi in materia di fecondazione eterologa

Il Tribunale di Milano ha invitato la Consulta ad esprimersi circa la conformità della legge 40 del 2004 ai princìpi della Costituzione

Bioetica 19 marzo 2013, 08:00

Cellule staminali: l’odissea della piccola Sofia

Il pericolo di discriminazione nei confronti del paziente e l’epilogo della storia della piccola Sofia


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su