Speciale Jobs Act

Civile 22 novembre 2011, 16:13

Alienazione parentale: risarcimento al padre che non riesce a vedere la figlia

Il Tribunale riconosce il danno esistenziale a un padre al quale l’ex moglie impediva di vedere la figlia. Ma perché nessuno ha disposto prima l’allontanamento di una madre così sciagurata?


Ricavo da una sentenza del Tribunale  di Roma, del settembre 2011, recentemente pubblicata, la seguente triste vicenda:  un signore, che chiameremo Piero,  si sposa nel  2000, dal matrimonio nasce una figlia. M..

Nel 2002, in costanza di matrimonio, la moglie chiede al tribunale per i minorenni un provvedimento ablativo  della potestà nei suoi confronti e  tale procedimento, non essendo emersi fatti che potessero giustificare l’emissione di una si grave statuizione, si chiude con la declaratoria di non luogo a procedere.

Nel frattempo, doverosamente proposta la separazione, Pietro ottiene  dal presidente del Tribunale ordinario i provvedimenti provvisori,  che sanciscono, tra l’altro, il calendario di visita tra lui e la figlia – in allora di circa due anni-. Naturalmente, la moglie mostra fortissime resistenze a fargli incontrare la bambina .

Il giudice istruttore della causa di separazione incarica quindi i servizi sociali, di riferire in merito alla  condizione psicofisica della minore ed ai suoi rapporti con i due genitori. Nella reazione, depositata nel marzo 2003, i servizi riferiscono che, in effetti, la madre mostra molta resistenza permettere i rapporti   padre e figlia.

Risulta poi dalla sentenza  che a fine agosto del 2005 -da familiarista datata posso immaginare a seguito di un periodo, forse il primo, in cui il padre era riuscito ad avere con se la bambina per più giorni consecutivi-  Piero è stato denunciato dalla moglie, insieme alla propria compagna,  per molestie sessuali sulla figlia (oserei dire seguendo un copione classico ma ormai per fortuna usurato).

Aperto il procedimento penale, dopo una  perizia psicologica ed a seguito di approfondite indagini,  il P.M, nel gennaio 2006, – a questo punto la bambina ha quasi sei anni- chiede l’archiviazione ed il Gip accoglie la richiesta. Naturalmente -e secondo copione- la madre propone opposizione.

Nella sua richiesta di archiviazione il P.M. mette in evidenza le preoccupanti perplessità che gli esiti dell’indagine destano e, in particolare si sofferma sulla inquietante reazione della  madre e della di lei  famiglia  che: “….invece di accogliere lietamente (sia pure con ogni ragionevole cautela) gli esiti processuali, ha ostentato malcelata incredulità nei confronti di dette risultanze … manifestando assoluto disinteresse in ordine alle reali cause che hanno contribuito a determinare il malessere di M.”; osservando ancora che:” se tale atteggiamento può essere giustificato in un’ottica strettamente tecnica e difensiva nessuna giustificazione può essere addotta in relazione al comportamento di chi, con il proprio atteggiamento, ha contribuito a determinare – si auspica inconsapevolmente – la situazione oggi al vaglio del giudice penale, senza assolutamente tenere conto delle conseguenze devastanti che tale atteggiamento potrà in futuro ricadere sull’esistenza di M.”.

Aggiungo che, per l’esperienza di casi analoghi  posso immaginare che, nel frattempo,  le visite padre-figlia siano state nuovamente interrotte o svolte in luogo neutro, confermando indirettamente alla bambina che questo papà ha proprio qualcosa che non va…………..

Riporta poi  la decisione in commento che, ancora due anni dopo l’archiviazione del procedimento penale per supposti abusi sessuali sulla figlia – che a quel momento ha circa otto anni- e pendente il giudizio di separazione (o forse già il divorzio): il Giudice istruttore del procedimento civile, non essendosi sbloccati i rapporti padre figlia neppure dopo al conclusione del procedimento penale per abusi sessuali rivelatisi inesistenti, -in gergo” falsi abusi”,  dispone  nuove verifiche in ordine alla situazione psicofisica della minore visite le relazioni dei servizi sociali che lamentano difficoltà nel mantenere i rapporti padre figlia a causa degli atteggiamenti ostativi della madre, che:”….lungi dall’avere preso coscienza dell’oggettiva situazione di sofferenza psichica in cui versa la minore, persevera nella sua condotta contraria all’interesse della figlia”.

Conclude quindi la sentenza di cui ci occupiamo,  che: “La condotta della madre,  reiterata nel tempo, si sostanzia in una patente e gravissima compromissione dei rapporti affettivi del padre verso la figlia minore, attraverso l’interruzione di ogni apprezzabile relazione per un lungo periodo”  e per tale motivo  condanna la madre di M. a pagare al marito un risarcimento del danno –sub specie di danno esistenziale-, da mancata genitorialità, calcolato in via equitativa di € 50.000.

Nella motivazione della sentenza in commento si legge:” la frequentazione con il figlio era stata frammentaria e discontinua e che per il comportamento della moglie Piero era stato privato del proprio diritto a vivere la sua genitorialità essendo stati dalla donna sempre ostacolati, senza mai dare alcun segno di resipiscenza, i suoi incontri con il figlio”  con la precisazione che: l’interruzione/limitazione dei rapporti genitoriali: “ ….integra, senza alcun dubbio, la lesione del diritto personale  di P. alla genitorialità, diritto costituzionalmente garantito a norma degli artt. 2 e 29 della Cost. avendo comportato nell’uomo, come peraltro evidenziato dagli innumerevoli ricorsi da lui proposti al giudice, una forte sofferenza per non avere potuto assolvere – e non per sua volontà – ai doveri verso la figlia  e per non aver potuto godere della presenza e dell’affetto della piccola”.

Questi i tristi,  ma piuttosto comuni,  fatti -purtroppo i genitori, specie le madri, alienanti, sono molte più di quanto si possa credere-.

In diritto (e senza scendere in questa sede sui criteri della quantificazione del risarcimento) non  si può che plaudere alla liquidazione del danno, sub specie di danno esistenziale, attribuito al padre privato della possibilità di svolgere il suo ruolo genitoriale, ma la domanda fondamentale è un’altra: perché né servizi socio assistenziali,  né il giudice (e forse nemmeno il padre), hanno chiesto/disposto un allontanamento della piccola da questa madre così pericolosa per il suo sviluppo psichico?

Il comportamento della ex moglie di Piero ha tutti i crismi per indurre nella minore una sindrome di alienazione parentale (vedi scale di Gardner)  davanti alla quale, molti psicologi che hanno approfondito il problema  sostengono che,  per tutelare effettivamente il minore coinvolto, sia  indispensabile che i giudici allontanino prontamente i bambini dal genitore alienante.

In questo caso, evidentemente, così non è stato e la piccola dopo quasi dieci anni  è ancora ostaggio di sua madre, con gravissime ripercussioni sul suo sviluppo psichico.

La morale?:forza signori giudici, mostrate un po di coraggio,  non basta liquidare il danno al povero padre privato del suo ruolo se poi lasciamo che la  madre continui nei suoi atteggiamenti alienatori. I  50.000  euro attribuiti  al signor P. sono davvero una beffa se non si libera sua figlia  dalle grinfie di una madre totalmente inadeguata a svolgere il proprio ruolo genitoriale dentro il quale (vedi mio precedente intervento su questa rivista dal titolo “Genitori e figli, l’ipercura e l’iperprotezione sono sanzionabili quali maltrattamenti in famiglia sta anche la capacità di favorire un corretto rapporto con l’altro genitore.


Pubblicato da il 22 novembre 2011 alle 16:11 in Civile
Tags: , ,


3 Commenti per Alienazione parentale: risarcimento al padre che non riesce a vedere la figlia

  1. Danila

    Sante parole quelle scritte nella morale! Ma aime’ l Italia e un paese dove le cose ovvie non lo sono mai… Dovremmo invitare i signori giudici ad aprire gli occhi su queste “madri”, imparare ad allontanarle dai figli qualora non abili nel loro ruolo ed iniziare a dare un VERO VALORE a quei PADRI che spesso sarebbero più che idonei alla sana crescita dei propri figli! E invece no, rimaniamo fermi ai tribunali, agli interventi con le volanti per vedere i figli, alle spese giuridiche per i diritti che ad un padre non vengono mai abbastanza riconosciuti!

  2. Pingback: Alienazione parentale: risarcimento al padre che non riesce a vedere la figlia – avv. Giulia Facchini | Alienazione Genitoriale

  3. Sono stati pubblicati alcune ricerche sui possibili rimedi all’alienazione parentale. Negli USA sono attivi alcuni programmi, con esiti molto incoraggianti. Si veda a questo proposito questa pagina (in italiano): http://www.alienazionepar.altervista.org/index.php/Trattamenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Giulia Facchini

avvocato familiarista, presidente dell’associazione Sintonie

Rss Feed LinkedIn


Articoli dello stesso autore

Bioetica 4 settembre 2012, 09:21

Lettera a mio zio, Carlo Maria Martini

Avevi paura, non della morte in sé, ma dell’atto del morire, del trapasso e di tutto ciò che lo precede. Ne avevamo parlato insieme e io, che come avvocato mi occupo anche della protezione dei soggetti deboli, ti avevo invitato a esprimere in modo chiaro ed esplicito i tuoi desideri sulle cure che avresti voluto ricevere…

Penale 5 gennaio 2012, 10:31

Violenza intrafamiliare: nel 2011 bilancio pessimo

L’ultima indagine Eurispes sui delitti in famiglia conta 235 omicidi consumati tra le mura domestiche nel biennio 2010-2011 (122 nel 2009 e 113 nel 2010). Una media di 10 al mese

Civile 22 novembre 2011, 16:13

Alienazione parentale: risarcimento al padre che non riesce a vedere la figlia

Il Tribunale riconosce il danno esistenziale a un padre al quale l’ex moglie impediva di vedere la figlia. Ma perché nessuno ha disposto prima l’allontanamento di una madre così sciagurata?

Civile 12 ottobre 2011, 17:25

Genitori e figli, l’ipercura e l’iperprotezione sono sanzionabili quali maltrattamenti in famiglia

Cos’è la capacità genitoriale? Una mamma iperprotettiva é idonea? Risponde la Cassazione penale, 36503 del 2011


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su