Speciale riforma PA

Commerciale 13 novembre 2011, 11:14

Marketing e advertising: si punta sull’autodisciplina

La ICC pubblica la nuova edizione del Codice consolidato di autoregolamentazione per il marketing e l’advertising


Lo scorso luglio la Camera di Commercio Internazionale ha pubblicato la nona edizione del Codice consolidato  in materia di pratiche pubblicitarie e comunicazioni commerciali. Si tratta di un codice di autoregolamentazione che, nel corso degli anni, è stato ampliato e aggiornato per rimanere al passo con i cambiamenti tecnologici ed economici.

Risultato del lavoro di esperti dei vari ambiti industriali, il Codice vuole essere un supporto alla normativa nazionale e internazionale esistente in materia, fornendo uno strumento flessibile e dinamico in grado, quindi, di adattarsi al rapido evolversi del settore marketing e advertising. Nato anche come soluzione di tutela per gli operatori del settore, tratta in una forma linguistica semplice e facilmente comprensibile, i principi da rispettare per evitare controversie, creando un ampio spazio di liceità in cui coloro che sono impegnati nelle comunicazioni di marketing possano dare libera sfogo alla propria vena creativa. Lo scopo, quindi, è anche quello di tutelarne la libertà di espressione.

Secondo la ICC, l’adozione effettiva del Codice può portare benefici immediati soprattutto alle singole aziende che operano nella comunicazione pubblicitaria e commerciale con un forte impatto sulla credibilità e la reputazione che i consumatori e l’opinione pubblica nutrono nei loro confronti, incrementando e valorizzando, di conseguenza, la fiducia. Rispettare regole di comportamento suggerite a livello internazionale e adottare standard etici molto elevati per le proprie campagne di comunicazione, dimostra, da parte delle aziende, una consapevole assunzione di responsabilità in un settore spesso preso di mira su temi molto delicati quali, ad esempio, il rispetto della privacy del consumatore.

Proprio il concetto di responsabilità  emerge preponderante dalla lettera del Codice: marketers, agenzie, editori, proprietari dei media o imprenditori che pubblicano, trasmettono, consegnano o distribuiscono le comunicazioni pubblicitari, devono esercitare un controllo preliminare sul contenuto delle stesse, ciascuno per quanto di propria competenza. Allo stesso modo le persone che, impiegate in una società, ditta o istituzione, prendono parte alla progettazione, realizzazione, pubblicazione o trasmissione di una comunicazione di marketing, sono responsabili del rispetto delle norme del Codice.

L’adozione e l’applicazione dei principi di autoregolamentazione deve necessariamente essere effettiva. Per questo la ICC incentiva non solo i controlli da parte degli organismi o delle autorità locali competenti, ma anche attività di supporto e di incoraggiamento per le aziende che intendano adeguarsi a quanto disposto e, non da ultimo, un sistema di sanzioni per chi non rispetta il Codice e di riconoscimenti per chi, invece, ne fa proprie le regole di condotta. Quanto agli operatori del settore, questi sono invitati ad includere nei loro contratti o accordi relativi alla pubblicità e alla comunicazione di marketing, una dichiarazione che impegni i firmatari al rispetto delle norme di autoregolamentazione. Non solo: la Camera di Commercio Internazionale suggerisce alle aziende la redazione di un documento riassuntivo dei principi generali di buona condotta da diffondere a dipendenti e collaboratori, diventando parte integrante della strategia di business.

Il Codice è strutturato in due sezioni, quella dedicata alle Disposizioni generali e i Capitoli, dedicati a specifiche aree del marketing . I principi generali cui la ICC ha voluto dare maggiore rilievo sono:

- la trasparenza,  specificando che le comunicazione commerciali devono essere veritiere, chiare, non fuorvianti e responsabili. Si richiede, inoltre, alle aziende di divulgare le pratiche di marketing utilizzate;

- la privacy, riproponendo i noti problemi di raccolta, conservazione e trattamento dei dati personali;

- la tutela dei bambini, per i quali è richiesta una particolare attenzione e diligenza sia nella fase di commercializzazione che di promozione, escludendo che questa particolare categoria di utenti possa essere oggetto di pubblicità comportamentale.

Interessanti le novità introdotte dall’ultimo aggiornamento. Molta attenzione è stata riservata all’utilizzo dei moderni mezzi di comunicazioni (nuovi media digitali interattivi, nuove tecnologie e attuali tecniche di commercializzazione), al marketing diretto, alle dichiarazioni ambientali nonché alla tutela della privacy e della maggiore sensibilità dei minori.

Per la prima volta il Codice affronta i profili di responsabilità nell’utilizzo del targeting comportamentale ovvero la pratica di raccolta di informazioni su attività online di un utente nel corso del tempo, su un particolare dispositivo e tra i vari siti web non correlati, al fine di studiarne le abitudini anche di acquisto e  fornire annunci pubblicitari su misura. La presa di posizione della ICC è sempre all’insegna della trasparenza ossia mettere l’utente nella condizione di fornire o negare il proprio consenso esplicito (e informato) alla raccolta e all’utilizzo dei dati che lo riguardano, la cui protezione deve essere garantita. È fatto comunque divieto di applicare tali strumenti ai minori di 12 anni.

Da ultimo, ma non meno importante, la ICC pone l’accento sull’importanza della formazione sia in ambito accademico che a livello aziendale.  È considerato essenziale per il futuro delle aziende, che agli studenti di oggi sia fornita una solida base in merito alla best practice e agli standard etici accettati a livello internazionale. Ma anche all’interno delle aziende, è richiesto un impegno affinché sia elevato il livello di consapevolezza e di conoscenza dei principi e della funzione del Codice. In questo senso, si suggerisce l’organizzazione continuativa di corsi per trasmettere le conoscenze di base ed educare dipendenti e collaboratori a riconoscere i comportamenti che potrebbero risultare problematici e controversi  così da poter, ove ritenuto necessario, richiedere un parere agli esperti del settore.

Il Codice, in via di traduzione, è attualmente disponibile in 5 lingue, inglese, francese, spagnolo, serbo e svedese, ed è scaricabile gratuitamente dal sito internet dedicato.


Pubblicato da il 13 novembre 2011 alle 11:11 in Commerciale
Tags: , , ,


1 Commento per Marketing e advertising: si punta sull’autodisciplina

  1. Pingback: refLex – Istantanee di vita forense – Il blog di Silvia Surano Marketing e advertising: si punta sull’autodisciplina

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Silvia Surano

avvocato, blogger

Rss Feed Facebook LinkedIn Twitter


Articoli dello stesso autore

Appalti pubblici Tecnologia 9 ottobre 2013, 09:00

Firma digitale: sufficiente anche senza il documento di identità

Il 20 settembre scorso il Consiglio di Stato si è pronunciato in merito alla validità della firma digitale nelle procedure di gara telematiche

Commerciale 25 gennaio 2013, 13:30

Concorsi a premio: una disciplina da rivedere?

D.P.R. 430/2001: una normativa spesso ignorata, a volte aggirata, tra ostacoli e difficoltà interpretative

Processo Amministrativo 23 gennaio 2013, 09:30

Giustizia Amministrativa: oggi l’udienza contro delibera su assegnazione interna delle cause

E’ scontro tra i giudici amministrativi sulle delibere del CPGA sui criteri di riparto del carico di lavoro tra i magistrati delle varie sezioni dei TAR

Processo Amministrativo 8 gennaio 2013, 00:01

Processo Amministrativo: come cambiano le impugnazioni dopo i due correttivi al codice

Tutte le novità apportate al Libro Terzo del Codice del Processo Amministrativo (Decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104) dai due decreti correttivi

Avvocati 26 novembre 2012, 09:32

Riforma forense, le reazioni di praticanti e studenti

In un momento difficile e di grande tensione, studenti e praticanti, diretti interessati da molte modifiche dell’ordinamento professionale, non restano a guardare e inviano una lettera al Senato con riflessioni, perplessità e proposte


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su