Speciale Jobs Act

Varia 8 novembre 2011, 07:00

Roma-Palermo A/R: l’abolizione delle province si farà?

Da Roma a Palermo è un unico grido: “Al rogo le Province!” Ma mica fanno sul serio…


1. Roma

L’atavica questione delle province continua ancor oggi a scaldare gli animi dei nostri parlamentari.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, l’8 settembre scorso, un disegno di legge costituzionale per la “soppressione di enti intermedi“, ovvero per l’abolizione delle Province, manifestando un decisivo cambiamento di rotta rispetto al precedente orientamento del 5 luglio scorso, allorchè la maggioranza parlamentare si era pronunciata in senso sfavorevole alle proposte abolizioniste avanzate da Italia dei Valori, privilegiando, piuttosto, una soluzione di “razionalizzazione” degli enti in oggetto.

Al termine del Consiglio dei ministri che ha dato il via libera al disegno di legge costituzionale per introdurre il pareggio di bilancio in Costituzione, il ministro dell’Economia Giulio Tremonti, ha dichiarato: «Una discussione costruttiva e rapida in Parlamento è nell’interesse del Paese».

Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, così è intervenuto: «Oggi il governo ha fatto un altro passo importante» con il provvedimento di abolizione delle Province. Il sindaco ha dimostrato soprattutto soddisfazione per l’abolizione «dei consigli provinciali, delle giunte e dei presidenti che effettivamente oggi sono superiori alle necessità del territorio», a suo dire, provvedimento indispensabile «a trovare nuove risorse per i servizi essenziali per i cittadini».

Il ddl approvato l’8 settembre apporta modifiche sostanziali agli articoli 114, 117, 118, 119, 120, 132, 133 della nostra Costituzione ed il quadro che ne emerge è quello di un progetto di snellimento finanziario “dei costi complessivi degli organi politici ed amministrativi“.

Esso predispone la nascita di entità sovracomunali (le c.d. “Città metropolitane”), al posto di Province ed enti provinciali delle Regioni a statuto speciale, con l’eccezione delle Province autonome di Trento e Bolzano.

Ora, vero è che i partiti politici si sono spesso rifiutati di considerare il problema delle Province, in quanto “affamati” di poltrone e risorse utili da sfruttare per coltivare il consenso politico; che tali enti sembrerebbero aver acquisito nel tempo una sempre minore rilevanza rispetto alle necessità della gente; che la figura del Presidente della Provincia è stata eclissata da quella del Presidente della Regione e del Sindaco (maggiormente visibile a livello nazionale l’uno, più facilmente “raggiungibile” l’altro) è vero pure che sotto il profilo di un risparmio per le casse, l’abolizione delle enti intermedi porterebbe con sé pesanti tributi oggi gravanti sui cittadini (considerando, tra l’altro, che gli aiuti statati alle Province non si sono mai rivelati sufficienti a sostenere le spese della Regione); e pur tuttavia si riscontrano non pochi profili di incostituzionalità della riforma annunciata.

2. Palermo

Come si colloca, all’interno del riassetto amministrativo burocratico e costituzionale conseguente alla soppressione delle Province, lo statuto speciale della Sicilia?

La giunta regionale presieduta da Raffaele Lombardo ha appena varato un disegno di legge sul decentramento delle funzioni ai Comuni e la riforma dei Liberi Consorzi comunali, presentata dall’assessore per le Autonomie locali e la Funzione pubblica, Caterina Chinnici.

Al posto delle Province, a partire dal 31 maggio 2013, stando a quanto previsto, sorgerebbero i Consorzi di Comuni; la Regione Sicilia trasferirebbe agli enti locali funzioni importanti, in settori quali, le attività produttive, il commercio e l’artigianato, la famiglia e le politiche sociali, i trasporti, il turismo; inoltre, i dipendenti degli enti sopressi dovrebbero confuire nei suddetti Consorzi.

Si tratta di enti di governo locale che godono di un rapporto diretto con le comunità amministrate, essendone l’espressione, il che pone numerosi sospetti sulla trasparenza che essi dimostrerebbero nei confronti della società civile, la cui rappresentanza deve necessariamente essere elettiva, principio, questo, che verebbe meno nel caso del Consorzi, i cui organi sarebbero scelti tra i Sindaci dei comuni consorziati.

Peraltro, in termini di risparmio, l’abolizione degli organi provinciali non rappresenta affatto una valida soluzione alle spese della Regione, in quanto il risparmio che ne deriverebbe è stato stimato come parecchio esiguo.

Nemmeno nella prospettiva di un migliore coordinamento di governo l’alternativa consortile è una scelta ponderata, poiché si incorrere nel rischio di un marasma istituzionale, dovuto alle evidenti, e comprovate, difficoltà che derivano dalla mancanza di un ente intermedio tra comuni e regioni (i Consorzi sono pur sempre entità sovracomunali), specialmente ove si attribuisse competenza riguardo a vaste aree da amministrare.

3. Rapporti?

Permane, poi, il dubbio sulla compatibilità degli effetti del disegno di legge proposto dal Governatore Lombardo con quelli del ddl di riforma delle autonomie locali approvato la CdM.

Ciò in quanto, diversamente dall’originario art. 15 del D.L. 138 (recante misure di riduzione delle Province sulla base di criteri prettamente quantitativi), l’adozione di una legge costituzionale avrebbe un’incidenza non indifferente sull’autonomia delle Regioni a statuto speciale, posto che lo statuto stesso, anch’esso legge costituzionale, non potrebbe resistere all’introduzione di una legge successiva dello stesso rango.

4. Conclusioni?

Di fatto, non si è data voce in maniera concreta e razionale alle esigenze lamentate dall’elettorato: risparmio e riorganizzazione della pubblica amministrazione, infatti, potrebbero meglio essere raggiunte attenzionando l’efficienza ed efficacia, dunque l’effettiva utilità nel merito, di alcuni enti, evitando, così, inutili sprechi, piuttosto che penalizzando inesorabilmente le Province.

Tali enti pubblici sono certamente di grande utilità, laddove se ne promuova una valorizzazione in termini, appunto, di efficacia ed efficienza. Ciò su cui bisogna lavorare è, dunque, un miglioramento dell’organizzazione istituzionale decentrata; un suo precipuo rilancio. Ma le soluzioni finora prospettate tendono, ahimé, come sempre, a girare intorno ai problemi congiunturali del nostro Stato, anziché risolverli alla radice.

Al rogo le Province“, si grida! Ma il risparmio lo si potrebbe, in ipotesi, ricavare dal taglio di inutili spese, o di organi superflui, o ancora… nella lotta all’evasione fiscale (qui, però, mi sa che ci addentriamo in un territorio decisamente “delicato”).


Pubblicato da il 8 novembre 2011 alle 07:11 in Varia
Tags: , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Alice Castrogiovanni

praticante avvocato

Rss Feed


Articoli dello stesso autore

Scuola 27 luglio 2012, 08:30

Maturità, l’epopea di uno studente dislessico: interviene il Tar ed è promozione!

Il Tar Liguria si pronuncia sulla prova di maturità di un adolescente dislessico e accoglie il ricorso contro il provvedimento illegittimo di non ammissione

Amministrativo 28 giugno 2012, 13:01

Consiglio di Stato, la parità tra sessi va garantita in concreto

La nomina di un solo assessore donna contrasta con l’attuazione dell’azione positiva di garantire il rispetto dell’equilibrata presenza di donne e uomini all’interno della Giunta regionale

Penale 18 giugno 2012, 11:15

Stalking, rischia i domiciliari l’ex marito molestatore

La Cassazione rigetta il ricorso di un 63enne avverso l’ordinanza che lo condannava agli arresti domiciliari, per aver continuato a perseguitare la ex moglie anche dopo la separazione coniugale

Giustizia 30 maggio 2012, 13:32

“Pinto sulla Pinto”! La Cassazione sui Processi lumaca

La Cassazione interviene sulle lungaggini processuali, fissando la durata delle cause promosse ex lege Pinto, nel termine massimo di due anni, superati i quali la vittima si aggiudica il diritto ad altro e diverso ristoro

Amministrativo 17 maggio 2012, 08:30

Quel console “fascio-rock” che il Consiglio di Stato mandò a casa…

Sospesa la decisione del Tar Lazio di annullare il provvedimento di richiamo della Farnesina nei confronti del console Mario Vattani in servizio al consolato di Osaka


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su