Speciale riforma PA

Amministrativo 26 settembre 2011, 10:15

Prevenzione incendi, ecco il nuovo regolamento

DPR 151 del 2011, in vigore dal 7 ottobre 2011


E’ stato pubblicato in Gazzetta il 22 settembre scorso ed entra in vigore il 7 ottobre: si tratta del nuovo regolamento per la semplificazione di procedimenti in materia di prevenzione incendi che gravano sulle imprese.

Parliamo del Decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto 2011 n. 151, concernente procedimenti che fanno parte delle attività professionali tecniche, svolte da professionisti iscritti negli albi professionali di architetti, chimici,  ingegneri, geometri e periti industriali, ed anche negli appositi elenchi del Ministero dell’interno.

Il regolamento riguarda 80 delle 97 attività soggette alle visite e ai controlli di prevenzione incendi di cui al decreto del Ministro dell’Interno 16 febbraio 1982; per le 17 attività industriali a rischio di incidente rilevante permane l’obbligo della presentazione del rapporto di sicurezza previsto dal decreto n. 334/99.

Sulla base di quanto previsto dal decreto legge n. 78 del 2010, il nuovo regolamento è stato emesso per aiutare il rilancio del sistema produttivo delle PMI (piccole e medie imprese) attraverso la riduzione degli oneri amministrativi, senza però ridurre i livelli di garanzia e di sicurezza.

Con le norme in vigore dal 7 ottobre, le attività da sottoporre a controlli di prevenzione incendi vengono suddivise in tre categorie (A, B, C), sulla base:

• delle percentuali di rischio di incendio;

• della dimensione dell’impresa;

• del settore di attività;

• dell’esistenza di specifiche regole tecniche;

• delle esigenze di tutela della pubblica incolumità.

Con la segnalazione certificata di inizio attività (Scia), viene presentata l’istanza ai Vigili del Fuoco, relativa a tutte le categorie precedentemente menzionate, con la relativa trasmissione della documentazione tecnica prevista dal d.lgs 139/2006, art 16; le specifiche modalità di presentazione delle istanze, il loro contenuto e la relativa documentazione da allegare dovranno essere disciplinate con un apposito decreto del Ministro dell’Interno.

Le attività di tipo A (a basso rischio) sono quelle che non provocano rischi significativi, e per esse non è più necessario il parere di conformità; sarà sufficiente la presentazione della Scia; eventuali controlli potrebbero essere effettuati a campione successivamente all’inizio dell’attività stessa, entro 60 giorni.

Le attività di tipo B sono attività con rischio medio per le quali la valutazione di conformità dei progetti ai criteri di sicurezza antincendio dovrà essere rilasciata entro 60 giorni dalla presentazione della documentazione tecnica (il comando VVFF può richiedere documentazione integrativa entro 30 giorni dalla presentazione dell’istanza); anche in questo caso sono previsti controlli a campione entro 60 giorni dalla presentazione.

Le attività di tipo C sono quelle definite ad alto rischio, ed anche in quest’ultimo caso l’iter per la valutazione di conformità dei progetti ai criteri di sicurezza antincendio ricalca quanto specificato per le attività di tipo B; in questo caso però i controlli saranno effettuati per tutti (e non a campione come nel tipo B), sempre entro 60 giorni.

Nell’ipotesi in cui i controlli effettuati nelle 3 tipologie di attività accertino l’insussistenza delle condizioni di sicurezza, il Comando dei VVFF adotta il provvedimento di divieto prosecuzione dell’attività, salvo che l’interessato possa, entro 45 giorni, adeguare l’attività ai criteri di sicurezza antincendio. In caso di esito positivo della visita, per le attività di tipo A e B, viene rilasciata esclusivamente, su richiesta dell’interessato, copia del verbale di visita tecnica; nel caso delle attività di tipo C, entro 15 giorni dalla visita obbligatoria, che abbia avuto esito positivo, viene rilasciato il certificato di prevenzione incendi.

Il nuovo regolamento prevede inoltre, sempre in chiave di semplificazione, che per il rinnovo periodico ogni 5 anni della conformità antincendio, il titolare delle attività dovrà produrre ai Vigili del fuoco una attestazione di conformità che affermi l’assenza di variazioni alle condizioni di sicurezza, corredata da eventuale documentazione tecnica; nell’ipotesi in cui siano state fatte delle modifiche all’attività, va invece ripresentata l’istanza, nei termini precedentemente descritti.

La recente tragedia nella fabbrica di fuochi d’artificio di Arpino  è un triste segnale d’allarme sulla necessità di tenere sempre alta l’attenzione sulla sicurezza nei posti di lavoro, a maggior ragione nelle aziende con lavorazioni e materiali pericolosi, e di vigilare rigorosamente sull’applicazione dei provvedimenti normativi.


Pubblicato da il 26 settembre 2011 alle 10:09 in Amministrativo
Tags: ,


2 Commenti per Prevenzione incendi, ecco il nuovo regolamento

  1. Pingback: Per prevenire gli incendi cambiano le regole

  2. Pingback: Nuovo regolamento per la semplificazione di procedimenti in materia di prevenzione incendi che gravano sulle imprese (dal 7.10.11)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Professioni 9 dicembre 2011, 11:01

La liberalizzazione delle professioni intellettuali

Riflessioni critiche a margine della L. n.148/2011

Amministrativo 26 settembre 2011, 10:15

Prevenzione incendi, ecco il nuovo regolamento

DPR 151 del 2011, in vigore dal 7 ottobre 2011

Professioni 12 settembre 2011, 18:00

Manovra bis: quali novità per architetti, ingegneri, geometri, periti edili

Come cambiano alcune tradizionali professioni tecniche


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su