E’ stato pubblicato in Gazzetta il 22 settembre scorso ed entra in vigore il 7 ottobre: si tratta del nuovo regolamento per la semplificazione di procedimenti in materia di prevenzione incendi che gravano sulle imprese.

Parliamo del Decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto 2011 n. 151, concernente procedimenti che fanno parte delle attività professionali tecniche, svolte da professionisti iscritti negli albi professionali di architetti, chimici,  ingegneri, geometri e periti industriali, ed anche negli appositi elenchi del Ministero dell’interno.

Il regolamento riguarda 80 delle 97 attività soggette alle visite e ai controlli di prevenzione incendi di cui al decreto del Ministro dell’Interno 16 febbraio 1982; per le 17 attività industriali a rischio di incidente rilevante permane l’obbligo della presentazione del rapporto di sicurezza previsto dal decreto n. 334/99.

Sulla base di quanto previsto dal decreto legge n. 78 del 2010, il nuovo regolamento è stato emesso per aiutare il rilancio del sistema produttivo delle PMI (piccole e medie imprese) attraverso la riduzione degli oneri amministrativi, senza però ridurre i livelli di garanzia e di sicurezza.

Con le norme in vigore dal 7 ottobre, le attività da sottoporre a controlli di prevenzione incendi vengono suddivise in tre categorie (A, B, C), sulla base:

• delle percentuali di rischio di incendio;

• della dimensione dell’impresa;

• del settore di attività;

• dell’esistenza di specifiche regole tecniche;

• delle esigenze di tutela della pubblica incolumità.

Con la segnalazione certificata di inizio attività (Scia), viene presentata l’istanza ai Vigili del Fuoco, relativa a tutte le categorie precedentemente menzionate, con la relativa trasmissione della documentazione tecnica prevista dal d.lgs 139/2006, art 16; le specifiche modalità di presentazione delle istanze, il loro contenuto e la relativa documentazione da allegare dovranno essere disciplinate con un apposito decreto del Ministro dell’Interno.

Le attività di tipo A (a basso rischio) sono quelle che non provocano rischi significativi, e per esse non è più necessario il parere di conformità; sarà sufficiente la presentazione della Scia; eventuali controlli potrebbero essere effettuati a campione successivamente all’inizio dell’attività stessa, entro 60 giorni.

Le attività di tipo B sono attività con rischio medio per le quali la valutazione di conformità dei progetti ai criteri di sicurezza antincendio dovrà essere rilasciata entro 60 giorni dalla presentazione della documentazione tecnica (il comando VVFF può richiedere documentazione integrativa entro 30 giorni dalla presentazione dell’istanza); anche in questo caso sono previsti controlli a campione entro 60 giorni dalla presentazione.

Le attività di tipo C sono quelle definite ad alto rischio, ed anche in quest’ultimo caso l’iter per la valutazione di conformità dei progetti ai criteri di sicurezza antincendio ricalca quanto specificato per le attività di tipo B; in questo caso però i controlli saranno effettuati per tutti (e non a campione come nel tipo B), sempre entro 60 giorni.

Nell’ipotesi in cui i controlli effettuati nelle 3 tipologie di attività accertino l’insussistenza delle condizioni di sicurezza, il Comando dei VVFF adotta il provvedimento di divieto prosecuzione dell’attività, salvo che l’interessato possa, entro 45 giorni, adeguare l’attività ai criteri di sicurezza antincendio. In caso di esito positivo della visita, per le attività di tipo A e B, viene rilasciata esclusivamente, su richiesta dell’interessato, copia del verbale di visita tecnica; nel caso delle attività di tipo C, entro 15 giorni dalla visita obbligatoria, che abbia avuto esito positivo, viene rilasciato il certificato di prevenzione incendi.

Il nuovo regolamento prevede inoltre, sempre in chiave di semplificazione, che per il rinnovo periodico ogni 5 anni della conformità antincendio, il titolare delle attività dovrà produrre ai Vigili del fuoco una attestazione di conformità che affermi l’assenza di variazioni alle condizioni di sicurezza, corredata da eventuale documentazione tecnica; nell’ipotesi in cui siano state fatte delle modifiche all’attività, va invece ripresentata l’istanza, nei termini precedentemente descritti.

La recente tragedia nella fabbrica di fuochi d’artificio di Arpino  è un triste segnale d’allarme sulla necessità di tenere sempre alta l’attenzione sulla sicurezza nei posti di lavoro, a maggior ragione nelle aziende con lavorazioni e materiali pericolosi, e di vigilare rigorosamente sull’applicazione dei provvedimenti normativi.


CONDIVIDI
Articolo precedenteIl testo dell’ordinanza che rinvia alla Corte Costituzionale il Codice del Processo Amministrativo
Articolo successivoIl pareggio di bilancio in Costituzione
Alberto Fabio Ceccarelli
Sono architetto, libero professionista (www.afcstudio.it), con studio a Milano. Nato a Roma nel 1963, scapolo e senza figli, laureato in architettura alla Sapienza di Roma nel 1993, dopo un percorso di studi un po’ lungo (sono stato in parallelo pilota di rally, di fuoristrada, di turismo in pista, oltre che timoniere di derive). Dopo la laurea però non più distolto l’attenzione dal lavoro, occupandomi dapprima dell’attività professionale nella mia città natale, e successivamente, spostandomi a nord, a Milano, dove dal 2000 ho aperto il mio studio. Mi occupo di progettazione, direzione lavori e sicurezza in ambito prevalentemente privato, ed in parallelo di formazione. Organizzo e gestisco infatti, da 16 anni, corsi per la preparazione all’esame di stato per architetto, da cui sono nati i volumi per la preparazione GUIDA PRATICA ALLA PROGETTAZIONE e PRONTUARIO TECNICO URBANISTICO AMMINISTRATIVO, giunti nel 2015 alla V edizione, editi da MAGGIOLI. Dal 2015 sono anche accreditato presso il CNAPPC e l’ORDINE DEGLI INGEGNERI DI MILANO, per l’organizzazione di corsi di formazione professionale con erogazione di crediti formativi professionali (CFP). Le mie passioni continuano a essere lo sport, la lettura di libri di architettura e di storia, oltre a saggi sulle vicende contemporanee, oltre a viaggi in motocicletta che mi permettono di scoprire architetture e paesaggi dimenticati..

2 COMMENTI

  1. […] Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri, con propria Circolare n. 450/2011 del 19/09/2011, ha informato tutti gli Ordini degli Ingegneri, e quindi gli iscritti, che in G.U. n. 198 del 26 agosto 2011 è stato pubblicato il DM dell’Interno 5 agosto 2011 recante “Procedure e requisiti per l’autorizzazione e l’iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell’Interno di cui all’art. 16 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n.139” (per un primo commento, leggi qui). […]

SCRIVI UN COMMENTO