Speciale Tari e Tasi

Tecnologia 14 luglio 2011, 07:00

Yahoo: la legge è uguale per tutti (anche per Elly!)

Una pagina importante nella giurisprudenza in materia di responsabilità degli intermediari della comunicazione, Tribunale di Roma dell’11 luglio 2011


Con un provvedimento dello scorso 11 luglio [n.d.r. la versione integrale del provvedimento sarà disponibile su Leggi Oggi nei prossimi giorni] la Sezione Specializzata di proprietà intellettuale del Tribunale di Roma ha scritto una pagina importante nella giurisprudenza in materia di responsabilità degli intermediari della comunicazione rispetto a contestate violazioni dei diritti di proprietà intellettuale.

Oggetto del provvedimento, il reclamo, proposto da Yahoo, avverso l’ordinanza con la quale, in primavera, lo stesso Tribunale aveva ritenuto il popolare motore di ricerca responsabile di indicizzare i link ad alcuni siti internet – non meglio individuati – attraverso i quali, secondo la tesi del ricorrente condivisa, in quella sede, dal Giudice, sarebbe stato possibile accedere al film “About Elly” o a spezzoni di esso in violazione, appunto, dei diritti d’autore di cui la ricorrente si dichiarava titolare.

In quell’occasione, il Giudice, aveva ordinato a Yahoo di sospendere immediatamente l’indicizzazione dei link a tutti “i siti riproducenti in tutto o in parte l’opera, diversi dal sito ufficiale del film”.

Il Collegio della Sezione Specializzata di proprietà intellettuale del Tribunale di Roma ha ora ribaltato le conclusioni cui era pervenuto il precedente giudice e revocato la citata ordinanza, accogliendo integralmente le richieste formulate da Yahoo.

Secondo i Giudici, nella definizione delle controversie relative alla responsabilità degli intermediari della comunicazione per violazione di diritti di proprietà intellettuale, in ipotesi, perpetrate da parte dei loro utenti, occorrerebbe, innanzitutto, ricordare che la vigente disciplina europea e nazionale in materia di tutela del diritto d’autore, “nella consapevolezza delle preoccupazioni dell’industria delle telecomunicazioni e dei fornitori di accesso ha ritenuto necessario precisare che nel bilanciamento dei contrapposti interessi [n.d.r. quelli dei titolari dei diritti, quelli degli utenti e quelli dei fornitori di servizi della società dell’informazione] deve essere assicurato il rispetto delle esigenze di promozione e tutela della libera circolazione dei servizi della società dell’informazione”.

Secondo i Giudici, andrebbe, inoltre, egualmente tenuto presente che “la limitazione della responsabilità introdotta a beneficio degli ISP è volta, principalmente, ad evitare l’introduzione di una nuova ipotesi di responsabilità oggettiva non legislativamente tipizzata o quantomeno l’ipotesi di una compartecipazione dei providers ai contenuti illeciti veicolati da terzi utilizzando il servizio di connettività da essi fornito”.

Delineato così il contesto normativo di riferimento, il Tribunale è giunto, in relazione alla fattispecie in commento, a conclusioni che, potrebbero apparire ovvie a chiunque sia vissuto, negli ultimi anni, lontano dal nostro Paese ma che, al contrario, alla luce dei precedenti giurisprudenziali sin qui registrati in materia, appaiono illuminate ed illuminanti, segno, c’è da augurarsi, di una raggiunta maturità delle nostre Sezioni Specializzate di proprietà intellettuale sul tema.

I Giudici fissano, innanzitutto, un principio lungamente tradito e disatteso in numerosi precedenti, anche dello stesso Tribunale di Roma: il titolare dei diritti che chiede all’intermediario della comunicazione – o al giudice di ordinare all’intermediario della comunicazione – di rimuovere un determinato contenuto o di renderlo inaccessibile è tenuto ad individuare puntualmente l’URL del contenuto medesimo non essendo sufficiente un generico riferimento a talune tipologie di contenuti [n.d.r. nel caso di specie tutti i link relativi a tutti i video del film “About Elly”].

Un secondo principio stabilito nel provvedimento concerne l’entità dell’onere probatorio gravante sul titolare dei diritti.

Secondo i Giudici, tale onere dovrebbe essere definito secondo le regole generali e, dunque, toccherebbe al titolare di diritti provare non solo la titolarità da parte sua dei diritti azionati ma anche il carattere abusivo dei singoli atti di messa a disposizione del pubblico di ciascun contenuto di cui chiede la rimozione e/o l’inibitoria alla diffusione o all’accesso.

Si tratta, come puntualmente rilevato dal Collegio, di un profilo di particolare rilievo soprattutto laddove – come accade di consueto quando si agisce contro un soggetto diverso dall’uploader originario – gli effetti del provvedimento richiesto sono destinati a prodursi nei confronti di una pluralità indiscriminati di soggetti neppure evocati in giudizio come accaduto nel caso di specie [n.d.r. la società titolare dei diritti ha chiesto al Tribunale di inibire a Yahoo l’indicizzazione di contenuti pubblicati da soggetti terzi senza neppure evocare in giudizio tali soggetti e porli così nella condizione di difendersi].

Altro aspetto di particolare rilievo della decisione è rappresentato da quanto i Giudici annotano a proposito della difficoltà, nell’attuale contesto di polverizzazione della titolarità dei diritti di accertare se, ed in che misura, ogni atto di messa a disposizione del pubblico di un contenuto contestato, risulti effettivamente abusivo.

Al riguardo merita – perché esemplificativo di una situazione nella quale i nostri Giudici sono destinati a trovarsi di frequente e, con essi, l’AGCOM se riterrà di proseguire nell’auto-attribuirsi poteri paragiurisdizionali – di essere citato un passaggio del provvedimento nel quale scrivono i giudici: “…a questo riguardo deve essere valorizzata la circostanza che dalla documentazione acquisita, prodotta dalla stessa parte ricorrente, risulta che la stessa P.F.A. Films s.r.l. è titolare solo di alcuni dei diritti di sfruttamento dell’opera cinematografica “About Elly” e solo per alcuni territori con la conseguenza che tali diritti possono legittimamente essere esercitati da terzi anche attraverso le reti telematiche e che pertanto – nella indiscriminata moltitudine dei possibili contenuti web riproducenti immagini del film “About Elly” – è necessario distinguere quelli provenienti da soggetti legittimati da quelli abusivi”.

Più chiaro di così sembra impossibile.

Non basta dire che si è titolari di un diritto per invocare la rimozione di un contenuto ma bisogna altresì dimostrare che l’uploader – e non certo l’intermediario della comunicazione – non sia titolare di un diritto di portata equivalente.

E’ una bella decisione che stempera il clima afoso registrato negli ultimi mesi sul terreno della tutela del diritto d’autore in rete e della responsabilità degli intermediari della comunicazione, riconducendo le questioni giuridiche sottese alle nuove dinamiche di circolazione dei contenuti digitali all’alveo naturale delle regole del processo e dei principi generali cui si ispira il nostro Ordinamento che non si vede perché debbano essere derogati in nome degli interessi economici di pochi.

L’Ordinanza merita, certamente, ulteriori, diversi e più approfonditi commenti e le colonne di questo quotidiano, come d’abitudine, restano aperte a raccogliere la posizione di chiunque voglia dire la sua e partecipare al dibattito nella sempre radicata convinzione che il confronto sia strumento irrinunciabile di crescita professionale ed umana.


Pubblicato da il 14 luglio 2011 alle 07:07 in Tecnologia
Tags: , , , ,


4 Commenti per Yahoo: la legge è uguale per tutti (anche per Elly!)

  1. Pingback: Yahoo: la legge è uguale per tutti (anche per Elly!) | Diritto d'autore

  2. Pingback: Italian Court Realizes That Yahoo Isn’t Liable For Infringing Works Found Via Its Search Engine | Geek News and Musings

  3. Pingback: Yahoo libera Google da RTI?

  4. bubba

    Bellissimo lo stralcio citato… il giudice usa le stesse armi (=abnormita’ di diritti e titolarita’) che l’industria ha prodotto, per sbattergliele in faccia, ahaha

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Guido Scorza

avvocato, docente universitario, vicedirettore di Leggi Oggi

Rss Feed Facebook LinkedIn Twitter Google Plus


Articoli dello stesso autore

Privacy 29 aprile 2013, 09:04

Privacy: il Garante detta le istruzioni per l’adempimento agli obblighi di segnalazione

Ecco quali sono i principali obblighi contenuti nel recente provvedimento del Garante privacy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dello scorso 24 aprile

Politica 10 aprile 2013, 08:06

Governodelturismo.it: l’ultima eredità del Governo del Professore?

Evidentemente non sono bastati i 45 milioni di euro buttati dalla finestra per lo sviluppo del famoso portale del turismo italiano, “italia.it” del quale restano solo inchieste e macerie, né […]

Politica 17 febbraio 2013, 22:26

AGCOM: sondaggi per molti ma non per troppi

E’ uno di quei casi in cui la sconfitta precede il fischio di inizio, la partita che, nei prossimi mesi vedrà contrapposte, dinanzi ai giudici, la SWG, società di indagini […]

Diritto d'autore 30 ottobre 2012, 17:12

Opere orfane in digitale e online, al via direttiva Parlamento UE

Tutta una serie di istituti potranno riprodurre, digitalizzare indicizzare, catalogare e mettere a disposizione del pubblico tutte le opere orfane ovvero quelle in relazione alle quali nessuno dei titolari è stato individuato o rintracciato

Internet e responsabilità 29 agosto 2012, 15:25

Intermediari non vigilantes

La libertà fondamentale di ricevere e comunicare informazioni può essere limitata solo ove ciò risulti necessario e proporzionato rispetto al fine perseguito


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su