Speciale Tari e Tasi

Tecnologia 14 giugno 2011, 00:01

Ma dove vai se l’innovazione non ce l’hai …

La tanto decantata digitalizzazione della P.A. … una questione di facciata?


Sergio Rizzo, in un bel pezzo sul Corriere della Sera di ieri, muovendo da uno Studio di Confartigianato, propone un desolante quadro dello stato di innovazione della pubblica amministrazione italiana.

Solo in sei comuni su cento, scrive Rizzo, un’impresa sarebbe attualmente in grado di portare a termine un procedimento interamente in digitale.

Si tratta di dati che in parte contrastano con quelli resi noti nei giorni scorsi dalla Commissione Europea ed in parte ne rappresentano una possibile spiegazione.

Secondo il report sullo stato di attuazione dell’agenda digitale pubblicato lo scorso 31 maggio dalla Commissione europea, infatti, l’Italia sarebbe tra le prime della classe in Europa in termini di servizi pubblici resi disponibili online ai cittadini ed alle imprese mentre sarebbe tra le ultime in termini di utilizzo di questi servizi da parte dei cittadini.

Secondo i dati resi disponibili da Bruxelles, infatti, solo il 22% degli italiani utilizza Internet per interagire con la pubblica amministrazione il che ci vale il quintultimo posto nella classifica dell’Europa a 27. Peggio di noi, solo Croazia, Grecia, Turchia e Romania.

La musica non cambia ed anzi il ritmo diviene addirittura più preoccupante se si prendono in esame i dati relativi all’utilizzo da parte dei cittadini italiani della Rete come strumento per il semplice invio di moduli alla Pubblica amministrazione. Nonostante la rivoluzionaria idea del Ministro Brunetta di “regalare”, a loro spese, a tutti i cittadini italiani un indirizzo di CEC PAC, solo il 7,5% della popolazione utilizza Internet per inviare moduli compilati alla pubblica amministrazione il che ci vale – ancora una volta – il quintultimo posto in classifica davanti alle solite Grecia, Croazia, Repubblica Ceca, Turchia e Romania.

Lo Studio della Confartigianato offre, forse, una possibile spiegazione all’apparente refrattarietà degli italiani all’utilizzo di Internet come strumento di dialogo con la pubblica amministrazione nonostante la sovrabbondanza di servizi pubblici online misurata dalla Commissione UE: i cittadini non utilizzano la Rete perché i servizi online sono disponibili ma non funzionano e/, comunque, non sono in grado di intercettare le reali esigenze degli utenti.

La tanto decantata digitalizzazione della pubblica amministrazione, sembrerebbe, dunque, una questione solo di facciata: un po’ come rifare la carrozzeria ad una vecchia macchina senza, tuttavia, preoccuparsi di intervenire su meccanica e motore.

Il nuovo Codice dell’Amministrazione digitale, sfortunatamente sembra parte integrante di questa operazione di maquillage digitale della pubblica amministrazione italica.

Ancora tanti ritocchi a regole e norme entrate in vigore, sulla carta, da anni ma mai realmente attuate nell’universo dei rapporti tra Pubblica Amministrazione e cittadini.

Occorre mettere mano al motore della PA e trasformarlo in digitale sebbene sia evidente a chiunque che lavorare sotto il cofano anziché sopra sia mediaticamente e politicamente – specie nel breve periodo – di minor soddisfazione e garantisca meno visibilità.

[fotogramma tratto dal film di Fellini, "I Clown", 1971]


Pubblicato da il 14 giugno 2011 alle 00:06 in Tecnologia
Tags: , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Guido Scorza

avvocato, docente universitario, vicedirettore di Leggi Oggi

Rss Feed Facebook LinkedIn Twitter Google Plus


Articoli dello stesso autore

Privacy 29 aprile 2013, 09:04

Privacy: il Garante detta le istruzioni per l’adempimento agli obblighi di segnalazione

Ecco quali sono i principali obblighi contenuti nel recente provvedimento del Garante privacy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dello scorso 24 aprile

Politica 10 aprile 2013, 08:06

Governodelturismo.it: l’ultima eredità del Governo del Professore?

Evidentemente non sono bastati i 45 milioni di euro buttati dalla finestra per lo sviluppo del famoso portale del turismo italiano, “italia.it” del quale restano solo inchieste e macerie, né […]

Politica 17 febbraio 2013, 22:26

AGCOM: sondaggi per molti ma non per troppi

E’ uno di quei casi in cui la sconfitta precede il fischio di inizio, la partita che, nei prossimi mesi vedrà contrapposte, dinanzi ai giudici, la SWG, società di indagini […]

Diritto d'autore 30 ottobre 2012, 17:12

Opere orfane in digitale e online, al via direttiva Parlamento UE

Tutta una serie di istituti potranno riprodurre, digitalizzare indicizzare, catalogare e mettere a disposizione del pubblico tutte le opere orfane ovvero quelle in relazione alle quali nessuno dei titolari è stato individuato o rintracciato

Internet e responsabilità 29 agosto 2012, 15:25

Intermediari non vigilantes

La libertà fondamentale di ricevere e comunicare informazioni può essere limitata solo ove ciò risulti necessario e proporzionato rispetto al fine perseguito


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su