Speciale Jobs Act

Commerciale Social Network 9 giugno 2011, 00:10

La Francia censura Facebook e Twitter: ma sarà vero?

Il Conseil supérieur de l’audiovisuel applica la legge ed è polemica


Quando si parla di social networks importanti, quali Facebook o Twitter, ogni minima limitazione imposta genera reazioni di protesta spesso senza una reale motivazione. Non fa eccezione il caso dell’ultima decisione presa dal Conseil supérieur de l’audiovisuel (CSA), autorità amministrativa indipendente che, in Francia, ha il compito di garantire l’esercizio della libertà di comunicazione audiovisiva nel rispetto della legge vigente (in particolare la legge n. 86-1067 del 30 settembre 1986).

Il Consiglio, con una lettera inviata ai presidenti dei canali televisivi e radiofonici, ha semplicemente vietato agli stessi di pubblicizzare gli accounts o le pagine dei social networks delle proprie trasmissioni utilizzando esplicitamente il nome di un marchio come, appunto, Facebook o Twitter.

La motivazione è che tale comportamento non avrebbe un carattere informativo ma assumerebbe i connotati della pubblicità clandestina vietata dall’art. 9 del decreto n. 92-280 del 27 marzo 1992: “La publicité clandestine est interdite. Pour l’application du présent décret, constitue une publicité clandestine la présentation verbale ou visuelle de marchandises, de services, du nom, de la marque ou des activités d’un producteur de marchandises ou d’un prestataire de services dans des programmes, lorsque cette présentation est faite dans un but publicitaire”.

Subito dopo la diffusione della notizia, sui giornali online e sui blogs francesi e non solo, sono iniziati a circolare i soliti articoli categorici e allarmisti che hanno gridato allo scandalo parlando di censura e di inaccettabile divieto di nominare i social networks.

In realtà le cose non stanno così: il CSA non ha fatto altro che applicare in maniera, a mio parere, più che ragionevole, una normativa in vigore e, concedetemelo, un principio tendenzialmente condivisibile.

Ma cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

In primo luogo è bene precisare che il CSA non ha improvvisamente e di propria iniziativa pensato di analizzare la questione di cui si discute. Come infatti dichiarato da Christine Kelly, membro del CSA, in una intervista rilasciata il 31 maggio scorso a Europe 1, la decisione presa è stata sollecitata da un canale radiotelevisivo il quale si è posto il problema se fosse lecito o meno pubblicizzare i social networks cui era iscritto citandone i nomi. Per avere delucidazioni ha deciso di sottoporre il quesito al Consiglio.

In secondo luogo, come spiegato nella lettera stessa con cui il CSA ha chiarito la propria decisione, nessuno ha mai negato l’importanza e il valore dei social networks. Il loro utilizzo, invece, è incoraggiato dal CSA in quanto “cela participe de l’enrichissement des émissions et permet une interactivité entre les téléspectateurs et les animateurs”.

Il Consiglio, a differenza di quanto è stato scritto da molti, non ha in alcun modo vietato di parlare di Facebook o Twitter ma, più semplicemente, di  pubblicizzarli indirettamente e “clandestinamente” mediante l’invito ai telespettatori a seguire le trasmissioni televisive sulle loro pagine Facebook e sugli accounts Twitter citando espressamente i nomi dei social networks che, giuridicamente, sono dei veri e propri marchi.

Il divieto, che discende dall’applicazione della legge e non da una decisione unilaterale del Consiglio, non riguarda esclusivamente Facebook o Twitter, bensì qualsiasi altro social network. La ratio dell’applicazione della norma è quella di evitare una ingiusta discriminazione che, nella realtà, avviene sistematicamente, ossia quella tra un social network maggiormente diffuso e popolare e un altro molto meno conosciuto in quanto, ad esempio, tematico o settoriale.

Da ultimo, la vera essenza della decisione è stata spiegata con un semplice esempio sempre da Christine Kelly nel corso di un’altra intervista rilasciata, questa volta, a France Inter il 30 maggio scorso. Chiarisce la rappresentante del CSA che i telespettatori sono molto più intelligenti di quello che si possa pensare.

Pertanto, per lo scopo che si vuole raggiungere, è parimenti efficace dire “seguite la nostra trasmissione sui social networks” piuttosto che “seguite la nostra fanpage su Facebook e il nostro account Twitter”. L’unica differenza è che con questa seconda espressione si compie un evidente atto di pubblicità clandestina.

. .

[Foto tratta dal film omonimo diretto da David Fincher]


Pubblicato da il 9 giugno 2011 alle 00:06 in Commerciale Social Network
Tags: , , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Silvia Surano

avvocato, blogger

Rss Feed Facebook LinkedIn Twitter


Articoli dello stesso autore

Appalti pubblici Tecnologia 9 ottobre 2013, 09:00

Firma digitale: sufficiente anche senza il documento di identità

Il 20 settembre scorso il Consiglio di Stato si è pronunciato in merito alla validità della firma digitale nelle procedure di gara telematiche

Commerciale 25 gennaio 2013, 13:30

Concorsi a premio: una disciplina da rivedere?

D.P.R. 430/2001: una normativa spesso ignorata, a volte aggirata, tra ostacoli e difficoltà interpretative

Processo Amministrativo 23 gennaio 2013, 09:30

Giustizia Amministrativa: oggi l’udienza contro delibera su assegnazione interna delle cause

E’ scontro tra i giudici amministrativi sulle delibere del CPGA sui criteri di riparto del carico di lavoro tra i magistrati delle varie sezioni dei TAR

Processo Amministrativo 8 gennaio 2013, 00:01

Processo Amministrativo: come cambiano le impugnazioni dopo i due correttivi al codice

Tutte le novità apportate al Libro Terzo del Codice del Processo Amministrativo (Decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104) dai due decreti correttivi

Avvocati 26 novembre 2012, 09:32

Riforma forense, le reazioni di praticanti e studenti

In un momento difficile e di grande tensione, studenti e praticanti, diretti interessati da molte modifiche dell’ordinamento professionale, non restano a guardare e inviano una lettera al Senato con riflessioni, perplessità e proposte


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su