Speciale riforma PA

Commerciale 4 maggio 2011, 10:27

Al via la liberalizzazione dei servizi postali, il decreto legislativo 58 del 2011

Recepita la direttiva 6/2008 sul mercato dei servizi postali, ma affidato direttamente a Poste spa il servizio universale per 15 anni


Sulla Gazzetta Ufficiale del 29 aprile scorso è stato pubblicato il decreto legislativo 31 marzo 2011, n. 58, recante: “Attuazione della direttiva 2008/6/CE che modifica la direttiva 97/67/CE (un Avviso di rettifica è stato pubblicato nella Gazzetta del 2 maggio).

Questo decreto legislativo, in vigore dal 30 aprile, intende portare a compimento la riforma del mercato interno dei servizi postali comunitari delineata dalla legge 4 giugno 2010, n. 96 (legge comunitaria 2009).

Il quadro comunitario per i servizi postali dell’Unione europea è delineato essenzialmente nella direttiva 97/67/CE (trasposta nel nostro ordinamento con D.Lgs. 261/1999) che ha avviato il processo di liberalizzazione, sviluppato poi dalla direttiva 2002/39/CE; in particolare, la direttiva ha stabilito un calendario per la liberalizzazione progressiva in due fasi:

- dal 1° gennaio 2003 per gli invii di corrispondenza con peso inferiore a 100 grammi;

- dal 1° gennaio 2006 per gli invii di corrispondenza con peso inferiore a 50 grammi.

L’Unione, consapevole del ruolo fondamentale del mercato dei servizi postali, ha varato un’ulteriore riforma (la Direttiva 2008/6/CE) che ha previsto misure volte a garantire il servizio universale e ha disposto un progressivo abbassamento dei limiti massimi per i servizi postali che gli Stati membri possono riservare al proprio fornitore del servizio universale.

In particolare, la Direttiva 2008/6/CE ha fissato il termine ultimo per la completa apertura del mercato al 31 dicembre 2010 per la maggioranza degli Stati membri (il 95% del mercato postale comunitario, in termini di volume) e al 31 dicembre 2012 per i restanti Stati membri (Cipro, Grecia, Lituania, Lettonia, Lussemburgo, Malta, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Ungheria).

Dal 1 gennaio 2011, perciò, l’Italia, come la maggioranza degli altri Stati membri, non può concedere o mantenere in vigore diritti esclusivi per la forniture di servizi postali.

Il D.Lgs. 58/2011 dà ora attuazione a tali norme e ridefinisce l’ambito del servizio universale, escludendovi la pubblicità diretta per corrispondenza, a decorrere dal 1° giugno 2012, ma continuando a comprendervi:

a) la posta fino a 2 kg;

b) i pacchi fino a 20 kg:

c) le raccomandate e le assicurate;

d) la c.d. “posta massiva” (comunicazioni bancarie, bollette e bollettini di pagamento, ecc.)

In conformità all’art. 1, par. 8 della direttiva, il decreto abolisce la residua quota di monopolio prevista fino al 31 dicembre 2010 in favore del fornitore del servizio universale (che il novellato art. 23  del D.Lgs. 261/1999 individua in Poste Italiane).

Il nuovo art. 4 del D.Lgs. 261/1999, inoltre, riserva al fornitore del servizio universale le notificazioni giudiziarie e quelle relative alle violazioni del Codice della strada.

Il decreto istituisce inoltre una Agenzia di regolamentazione, che svolge le funzioni di Autorità. In particolare, essa:

a) regola i mercati, compresa la definizione degli standard di qualità del servizio universale;
b) adotta i provvedimenti in materia di accesso alla rete postale e relativi servizi;
c) predispone le condizioni generali di servizio;
d) vigila sull’assolvimento degli obblighi a carico del fornitore del servizio universale e su quelli derivanti da licenze e autorizzazioni, con particolare riferimento alle condizioni generali della fornitura dei servizi;
e) svolge analisi e monitoraggio dei mercati postali, con particolare riferimento ai prezzi dei servizi, anche mediante l’istituzione di un apposito osservatorio.
f) determina le tariffe massime delle prestazioni rientranti nel servizio universale;
g) esercita potere sanzionatorio in caso di inosservanza dei propri provvedimenti.

L’Agenzia è composta di tre membri, nominati con Decreto del Presidente del Consiglio, su proposta del Ministro per lo sviluppo economico, previo parere parlamentare. I membri durano in carica tre anni e possono essere confermati per una sola volta. La dotazione di personale è posta a carico del Ministero dello sviluppo economico. Per almeno 12 mesi dopo la cessazione della carica non possono intrattenere alcun rapporto professionale con le imprese del settore. Entro il 31 marzo di ciascun anno, presentano una relazione al Parlamento.

Perplessità suscita la scelta operata dal decreto di affidare direttamente a Poste italiane il servizio universale per 15 anni (sia pure con verifica quinquennale, operata dall’Autorità di regolamentazione sulla base di criteri da essa predisposti, di miglioramenti di efficienza, a pena di revoca dell’affidamento).

Sicuramente più appropriata sarebbe stata la scelta di affidare il servizio universale con apposito atto amministrativo, susseguente ad una procedura ad evidenza pubblica, invece di affidarlo direttamente, per di più con il medesimo atto legislativo di “liberalizzazione” [si veda anche il precedente articolo "Il grande bluff della liberalizzazione del servizi postali"].


Pubblicato da il 4 maggio 2011 alle 10:05 in Commerciale
Tags: , , ,


1 Commento per Al via la liberalizzazione dei servizi postali, il decreto legislativo 58 del 2011

  1. BELLETTATI LUIGI

    Ma di quale liberalizzazione si parla? Mi sembra che nonostante l’intervento normativo tutte le raccomandate che debbano avere valore di notifica non siano proprio state liberalizzate rimanendo di competenza esclusiva delle Poste Italiane S.p.A. quale gestore del cosiddetto servizio universale, come ha insegnato una recente sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Enna. Era una bella occasione per voltare pagina …

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Commerciale 4 maggio 2011, 10:27

Al via la liberalizzazione dei servizi postali, il decreto legislativo 58 del 2011

Recepita la direttiva 6/2008 sul mercato dei servizi postali, ma affidato direttamente a Poste spa il servizio universale per 15 anni

Amministrativo 26 aprile 2011, 09:47

Libro verde sulla modernizzazione degli appalti pubblici UE

Il parere della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati

Fisco 30 marzo 2011, 08:20

Cambiano di nuovo le norme sul bilancio dello Stato

Modificata la legge di riforma della contabilità nazionale (n. 196/2009), per coordinare a livello europeo la programmazione della finanza pubblica

Fisco 3 marzo 2011, 22:24

Il Governo ha approvato il decreto sul “federalismo fiscale municipale”

Prevista già dal 2011 la possibilità di applicare la “cedolare secca” sugli affitti

Varia 28 febbraio 2011, 11:11

Commissione europea, parte la riforma degli appalti pubblici

Tempo fino al 18 aprile per inviare osservazioni


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su