Speciale riforma PA

Varia 10 aprile 2011, 13:02

Niente è più forte dell’abitudine

Considerazioni a margine del Trattato di Bengasi tra Italia e Libia


Secondo le promesse fatte da chi ci governa, oggi dovremmo essere tutti allegri per la “nuova amicizia tra Italia e Libia sancita dal trattato di Bengasi”, con la quale “ è stata chiusa una ferita ed è iniziata una vita nuova”. Evitata l’invasione dei sudditi di “un vero e profondo amico”, maestro di vita e “leader di grande saggezza”. Tanto è saggio, l’amico, che ha condannato alla pena di morte chi ha infastidito il suo regime e all’amputazione incrociata chi ha commesso furtarelli. Non si è trattato di un capo di stato estero con cui avere rapporti diplomatici, ma di amicizia, quel filo tenace che mette in comunicazione due esseri simili nella diversità, che si danno accoglienza, che si dicono tutto senza nascondere niente. Il nostro capo non ha inteso, fino a quando ha potuto, disturbare l’amico, per non distrarlo dal saggio massacro.

Solo dopo aver capito l’antifona dello sdegno della comunità internazionale e non, costretto ad una ipocrisia di convenienza, si è armato, ma sotto le bandiere N.A.T.O., per effettuare sopralluoghi che, qualora si dovessero rivelare offensivi, sarebbero la conseguenza di un’azione che è andata oltre l’intenzione.

Oggi, così pare, anche l’Italia sostiene la rivolta dei popoli africani, ma resta il sospetto che chi ci governa sia mosso dagli eventi, sia costretto a recitare la parte della comparsa. Cosa potevano aspettarci da un amico? Noi, però, sentiamo le minacce che si celano dietro le stranezze, anche se non conosciamo nei particolari la statura dei rapporti personali e dei patti segreti.

Non sappiamo neanche come finirà la crisi libica. Sappiamo, però, che i giochi internazionali potrebbero giocarsi a danno dell’Italia la quale, di fronte a fatti gravi, enormi, che cambieranno il mondo, è rimasta ostaggio di una politica nana. Del resto, chi non avverte imbarazzo di fronte a una situazione, tutta italiana, che fa a pugni con se stessa: da un lato, si assumono impegni con il “Trattato di amicizia, partenariato e cooperazione tra la Repubblica italiana e la Grande Giamahiria araba libica socialista”, ancora in piedi, e dall’altro, ci si spoglia della propria ambasciata a Tripoli, interrompendo le relazioni diplomatiche.

La prospettiva è sufficientemente chiara se si leggono gli articoli 3, 4 e 5 del Trattato e se si riflette sul fatto che, contrariamente a quanto recitato da Frattini, il Trattato non può essere sospeso “di fatto”, né, tantomeno, per la magia delle sue autorevoli parole. Parole che cambiano il 15 marzo, quando specifica che il trattato è “sospeso per via di preclusioni internazionali” e che “non sarà cancellato dall’Italia, che al contrario lo utilizzerà per la Libia del futuro”.

Vero è, come dice Machiavelli “che colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare”, ma è anche vero, secondo Machiavelli, che “non si può imbrogliare tutte le volte tutta la popolazione”. Ma, e sta qui la preoccupazione maggiore, quando ci si trova di fronte a gente che ha la il vizio di fare uso ordinario di astuzie ci si fa il callo. Come si sa l’abitudine rende digeribili anche i pasti più velenosi.


Pubblicato da il 10 aprile 2011 alle 13:04 in Varia
Tags: , ,


7 Commenti per Niente è più forte dell’abitudine

  1. Pingback: Processo a Gheddafi?

  2. Virna Mandarà

    Condivido quello che hai scritto con un linguaggio chiaro e diretto.
    Complimenti.

  3. giulia

    credo che bisogna proprio cambiare rotta se si vuole costruire il futuro, che non accetta menzogne e intrighi.

  4. Carlotta Cannizzo

    Abbiamo siglato un accordo con uno degli Stati più violenti al mondo; uno Stato che sanziona la commissione dei reati con pene disumane e degradanti: pena di morte per reati connessi al traffico di droga, fustigazione per il reato di diffamazione, detenzione per le attività legate all’esercizio pacifico dei diritti di libertà di espressione e associazione, amputazione incrociata (mano destra e piede sinistro) per la rapina o
    la ribellione sulla pubblica via. Non è di certo solo colpa del governo del 2008, che poi è l’attuale, se ad un certo punto ci siamo vincolati per 20 anni a realizzare in questa Libia progetti infrastrutturali per una somma di 5 miliardi di dollari, per un importo annuale di 250 milioni. Il trattato di Bengasi è frutto di un processo di negoziazione lontano, che ha visto coinvolti diversi governi. Tutti hanno corteggiato il colonnello e adesso ce lo ritroviamo con le mani in pasta ovunque: Eni, Unicredit, Astaldi, Finmeccanica, Fiat, Juventus. C’è da sottolineare, però, che l’attuale si è distinto per genoflessione. A sugello del patto: scuse, doni, inviti, baciamano.

  5. Miranda Pace

    E’ delle ultime ore la notizia secondo cui, in relazione al via libera alla partecipazione dell’Italia alla missione, Berlusconi abbia rivelato di essere stato addirittura tentato di dimettersi.

  6. Franzina Bilardo

    Complimenti! Scrivi bene tutto e su tutto. La duttilità di pensiero, di linguaggio, di interessi culturali e professionali è una gran dote…

  7. leandro

    ottima analisi, lucida seppur appassionata. Complimenti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Angela Bruno

avvocato pubblico e scrittrice

Rss Feed Facebook


Articoli dello stesso autore

Giustizia Professioni 30 novembre 2014, 16:51

Diritto ingiusto e follia della ragione

Bando magistratura illegittimo? Dopo l’intervento dell’avvocato Giurdanella, ecco la voce di un avvocato pubblico

Informazione Politica 16 novembre 2012, 10:03

Sallusti e il quarto grado di giudizio

E il diritto diventa un patto tra persone di miserabile potere che edificano principi e princìpi al di fuori e al di sopra del popolo

Editoriale 14 novembre 2012, 07:00

Oggi non è un giorno qualunque, vero Domé?

Oggi è il compleanno del Professor Domenico Corradini

Informazione 6 ottobre 2012, 10:40

C’è un’aria, un’aria, ma un’aria che manca l’aria

Nella vicenda Sallusti si è addirittura annunciata la morte della libertà di opinione: un bavaglio imposto dai giudici, e anche dal legislatore…

Giustizia 25 agosto 2012, 16:05

Delitto senza castigo

A settembre il parlamento dovrebbe discutere il progetto di riforma delle carceri. Vecchie storie e canti nuovi. Speriamo in canti intonati


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su