Speciale riforma PA

Processo Civile 14 febbraio 2011, 09:03

I giudizi di responsabilità del produttore per danno da prodotto difettoso

La dissociazione tra produttore e distributore ha come conseguenza la carenza di legittimazione passiva del secondo


La disciplina in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi ha mostrato nel tempo una tendenza ad ampliare la categoria del “produttore”, assimilandogli alcuni soggetti che, pur non svolgendo propriamente un’attività di produzione dei beni, possono influire sulle caratteristiche di sicurezza del prodotto.

Tra gli altri, l’art. 116 del Codice del Consumo ha individuato nel fornitore un potenziale ulteriore soggetto responsabile nei confronti del consumatore.

Si è, quindi, assistito ad un coinvolgimento sempre più ampio del fornitore, spesso però dettato da una non corretta esegesi delle norme di riferimento.

Il Tribunale di Roma, forte di un autorevole precedente della Suprema Corte di Cassazione (la sentenza del 20 maggio 2009 n. 11710) che ha chiarito la corretta applicazione delle norme contenute nel D.P.R. n. 224/1988, successivamente confluite nel Codice del Consumo, sulla legittimazione passiva a contraddire nel giudizio promosso dal consumatore per il risarcimento del danno da prodotto difettoso, ha recentemente affrontato sul piano pratico tale argomento.

La vicenda all’origine della decisione dei giudici di legittimità aveva ad oggetto un sinistro stradale causato dall’improvvisa ed ingiustificata apertura degli airbags all’interno di un autoveicolo, sinistro a seguito del quale lo sfortunato conducente ha riportato diversi danni biologici.

Il consumatore danneggiato ha, pertanto, citato in giudizio la società importatrice in Italia dell’autoveicolo in discussione per chiederne la condanna al risarcimento dei danni patrimoniali e non subiti.

La società convenuta, costituitasi in giudizio, ha eccepito in via preliminare la sua carenza di legittimazione passiva, rivestendo unicamente il ruolo di importatrice in Italia del prodotto in questione, fabbricato invece da una differente società stabilita in un altro paese dell’Unione Europea.

Ciononostante il giudice di primo grado, accertate le cause del sinistro all’esito dell’istruttoria, ha condannato la società distributrice.

Avverso tale decisione ha, quindi, proposto appello la società soccombente, reiterando le difese già svolte in primo grado.

La decisione impugnata, tuttavia, seppur limitando la misura del risarcimento del danno stabilita dal primo giudice – per essere applicabili alla fattispecie le disposizioni dettate dall’art. 123 del Codice del Consumo, in forza del quale è escluso il diritto al risarcimento del danno subito dal prodotto difettoso -, è stata confermata nel secondo grado di giudizio.

La società ha deciso, quindi, di sottoporre al vaglio della Corte Suprema la questione concernente la carenza di legittimazione passiva del distributore per l’Italia di un prodotto fabbricato in uno dei Paesi dell’Unione Europea nel giudizio di responsabilità per danno da prodotto difettoso.

Sulla base di una corretta esegesi della normativa applicabile, la Suprema Corte ha accolto integralmente l’impugnazione della società.

Dalle evidenze contenute in atti è risultato, infatti, pacifico il ruolo di mero distributore della società ricorrente, nonché chiara l’identità del produttore europeo.

Non si è potuto, pertanto, prescindere dal prendere in considerazione che, ai sensi di quanto previsto dagli artt. 116 e ss. del Codice del Consumo, la responsabilità del distributore è di tipo solidale con quella del produttore, unicamente laddove quest’ultimo non sia identificabile e comunque non risieda in uno dei Paesi dell’Unione Europea.

La decisione è da ritenersi, altresì, pienamente condivisibile in quanto si pone perfettamente in linea con il più recente orientamento della Corte di Giustizia UE che, con la sentenza del 2 dicembre 2009 resa nel procedimento C-358/2008, ha chiarito che l’art. 11 della direttiva del Consiglio 25 luglio 1985, 85/374/CEE, relativa al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi, deve essere interpretato nel senso che, qualora il soggetto danneggiato da un prodotto che si asserisce essere difettoso non abbia ragionevolmente potuto identificarne il produttore prima di esercitare i suoi diritti nei confronti del fornitore del medesimo, detto fornitore deve essere considerato «produttore», segnatamente ai fini dell’applicazione dell’art. 11 della detta direttiva, ove non abbia comunicato al danneggiato, diligentemente e di propria iniziativa, l’identità del produttore o del suo proprio fornitore, cosa che spetta al giudice nazionale accertare alla luce delle circostanze della fattispecie.

Ebbene, analogamente a quanto previsto dall’art. 116 del Codice del Consumo, affinché il distributore possa essere ritenuto responsabile per il danno cagionato al consumatore dal prodotto difettoso, occorre che quest’ultimo non sia stato posto in condizione di identificare il produttore del bene.

Come si è anticipato, la cosiddetta dissociazione tra produzione e distribuzione, seppur criticata in dottrina, è stata più di recente affrontata dal Tribunale di Roma con la sentenza n. 15050/2010 depositata il 7 luglio 2010 con la quale è stata dichiarata la carenza di legittimazione passiva della società distributrice.

In effetti, la società convenuta dal consumatore per il risarcimento del danno, limitandosi unicamente ad organizzare la distribuzione del bene in Italia, non aveva in alcun modo preso parte al processo di produzione.

Essendo, inoltre, il produttore un soggetto comunitario, il Tribunale di Roma ha correttamente concluso di non poter applicare al distributore le disposizioni contenute nella Parte IV del Titolo II del Codice del Consumo.


Pubblicato da il 14 febbraio 2011 alle 09:02 in Processo Civile
Tags: , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Federica Busetto

avvocato

Rss Feed Facebook


Articoli dello stesso autore

Tecnologia 29 settembre 2011, 12:45

Licenze Creative Commons: cosa sono? A cosa servono?

Sei diverse tipologie di licenze Creative Commons per condividere direttamente con gli utenti la circolazione dei contenuti

Commerciale 11 luglio 2011, 09:14

Informazione sui prodotti alimentari: nuove regole dal Parlamento Europeo

“Regolamento in materia di etichettatura e di diritto all’informazione dei consumatori”, Strasburgo 6 luglio 2011

Processo Civile 24 giugno 2011, 17:25

Un pachiderma chiamato giustizia civile

La durata media di un processo di primo grado è di 533 giorni, ma spendiamo per la giustizia lo 0,20% del PIL, più di Francia e Regno Unito

Civile 13 giugno 2011, 16:53

Privacy e banche: che fine fanno i dati dei clienti?

Prescrizioni per banche e Poste Italiane sulla circolazione delle informazioni relative alla clientela (Garante Privacy 192 del 2011)

Tecnologia 25 maggio 2011, 19:10

Banda larga e accesso a Internet, ancora sui requisiti per installare router Wi-fi domestici

Il documento di sintesi della consultazione sulla bozza di D.M. prevista dal d.lgs. 198/2010


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su